“Spose Bambine: Indagine sui matrimoni minorili in Italia” - Conferenza stampa su iniziativa della Sen. Emma Bonino

10 dicembre 2021, dalle ore 11:00 alle 12:00, Sala Caduti di Nassirya del Senato


 
In occasione delle celebrazioni della Giornata Mondiale dei Diritti Umani, venerdì 10 dicembre 2021, dalle ore 11:00 alle 12:00, presso la Sala Caduti di Nassirya del Senato della Repubblica, Non c'è Pace Senza Giustizia (NPSG) e The Circle Italia Onlus presenteranno “Spose Bambine: Indagine sui matrimoni minorili in Italia”

 
Sarà presentato il rapporto sulla recente indagine esplorativa sui matrimoni minorili in Italia, realizzata da NPSG e fortemente voluta da The Circle, con l'obiettivo di sensibilizzare su questo fenomeno ancora poco conosciuto in Italia e di mobilitare istituzioni e società civile verso gli standard internazionali di diritti umani che l'Italia si è impegnata a rispettare. 
 
Interverranno: Emma Bonino, Senatrice; Elena Bonetti, Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia; Francesca Basso, Esperta, NPSG; Adelaide Lucia Corbetta, Presidente, The Circle Italia Onlus. La Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, invierà un messaggio.
 
L’indagine è stata condotta attraverso un’analisi bibliografico-documentale, una mappatura degli stakeholder chiave sul territorio, un'analisi delle azioni portate avanti negli ultimi dieci anni in Italia e all'estero e la somministrazione di un questionario aperto agli attori sociali maggiormente rilevanti.
 
L'indagine identifica il matrimonio minorile come violazione di diritti umani e come forma di violenza di genere, all'interno del quadro giuridico nazionale ed internazionale. In Europa, l’età fissata per il matrimonio è la maggiore età e alcuni, soprattutto in applicazione della Convenzione di Istanbul, hanno introdotto il reato di matrimonio forzato. L’Italia ha introdotto il reato di matrimonio forzato attraverso il c.d. “codice rosso”, tuttavia la legge ancora permette - sia pure in casi eccezionali - il matrimonio minorile a partire dai 16 anni.
 
Le conclusioni tratte dallo studio evidenziano diverse lacune da parte delle istituzioni italiane, a partire dal fatto che nella sostanza le disposizioni che contrastano il fenomeno non si applicano ai matrimoni di fatto, che i matrimoni minorili costituiscono in Italia un fenomeno sommerso, ma più presente di quello che si possa immaginare, o la concezione stessa del fenomeno all'interno del quadro giuridico e istituzionale nazionale, e in particolare il fatto che i matrimoni minorili e persino i matrimoni forzati sono considerati reati contro la famiglia e non contro la persona. 
 
L’evento sarà trasmesso online ai seguenti link:

Seguiteci sulle nostre reti sociali per ulteriori informazioni e aggiornamenti!
 
Per ulteriori info e accreditamentigschiavoni@npwj.org / maria@mariabonmassar.com / fbasso@npwj.org 
 

Documentazione:

 

Rassegna stampa