"Schiave": incontro sulla schiavitù in Mauritania con Biram Dah Abeid

Sabato 26 novembre, ore 11, presso la sede radicale di via di Torre Argentina 76 a Roma


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, Radicali Italiani e Non c'è pace senza giustizia, in collaborazione con IRA Mauritania - Sezione Italia, hanno promosso "Schiave": incontro sulla schiavitù in Mauritania con Biram Dah Abeid, Presidente dell'Iniziativa per la rinascita del movimento abolizionista della schiavitù (IRA Mauritania) ed Emma Bonino

In Mauritania la schiavitù è stata abolita nel 1981, criminalizzata nel 2007 e dichiarata “crimine contro l'umanità” con la riforma costituzionale del 2012. Ciò nonostante continua a essere praticata. Secondo i dati ufficiali, il 4 per cento della popolazione mauritana vive in condizione di schiavitù, ma questo dato sale fino al 20 per cento in base ad altre stime. In tutti i casi, questo fenomeno riguarda prevalentemente le donne. 

Insieme a Biram Dah Abeid ed Emma Bonino, ne hanno discusso: Antonio Marchesi, Presidente di Amnesty International - Italia; Domenico Quirico, giornalista de La Stampa; Antonio Stango, Presidente della Lega italiana dei diritti dell'uomo. A moderare: Antonella Soldo, Presidente di Radicali Italiani. 

Nel corso dell'incontro è stato proiettato il reportage "Mauritania, gli ultimi schiavi" di Laura Secci.
 

  • Registrazione audio-video integrale dell'incontro a cura di Radio Radicale