Le donne indigene possono avere un ruolo chiave nella lotta contro il cambiamento climatico e la discriminazione e la violenza strutturali

5 settembre 2021


 
Bartolina Sisa e la Giornata Internazionale delle Donne Indigene.

Bartolina Sisa era una donna indigena della comunità Aymara che fu brutalmente uccisa nel 1782 per aver oppostoresistenza contro l'impero spagnolo. Nel 1983, è stato istituito come Giornata Internazionale delle Donne Indigene il 5 settembre in suo onore, e per commemorare tutte le donne indigene, che da allora hanno lottato per i loro popoli e le loro terre.
 
Contro cosa lottano le donne indigene?
Nel corso della loro vita, le donne indigene incontrano diverse forme di discriminazione e altre violazioni dei loro diritti. Affrontano la discriminazione strutturale, che si traduce in limitate opportunità di lavoro, inaccessibilità ai programmi e ai servizi sociali, esclusione politica e dislocamento emarginazione. Inoltre, in alcuni casi, le attività estrattive nei loro territori le mettono a rischio di violenza sessuale e di genere.
Il cambiamento climatico aggrava e si aggiunge ai problemi esistenti. Per esempio, diversi studi hanno dimostrato che le donne sono più vulnerabili agli effetti dell'inquinamento tossico, che può provocare gravi problemi di salute alle nuove generazioni che mettono al mondo. 
 
Qualunque cosa danneggi la natura, danneggia le donne indigene.
Le donne dipendono fortemente dalle risorse naturali per la loro sopravvivenza, data la mancanza di accesso ad altre attività economiche, e provvedono a fornire cibo e acqua alle loro famiglie. Le donne indigene non solo sono legate alla natura, in quanto provvedono al cibo, ma la connessione è molto più profonda. L'ambiente naturale che le circonda è visto dalle donne indigene come parte del loro essere, quindi il cambiamento climatico non solo influenza profondamente ciò che fanno, ma anche ciò che sono.
 
Le donne indigene sono spesso in prima linea nella difesa dei diritti umani e ambientali.
Data la violenza storica e strutturale affrontata dalle donne indigene, ora aggravata dal cambiamento climatico e dai suoi effetti devastanti, sono spesso in prima linea nella difesa contro gli abusi e i crimini commessi contro i diritti umani eambientali. Anche se essere in prima linea nella lotta contro tutti gli abusi è a volte la loro unica scelta, una necessità per sopravvivere, si aggiunge ai rischi e alle violenze che affrontano le donne che decidono di difendere i loro diritti, quelli delle loro comunità e della natura. Infatti, coloro che sostengono le strutture di potere esistenti e le culture di discriminazione considerano le donne indigene una minaccia, contro cui commettono atti ostili. 
 
Le donne indigene stanno ancora affrontando lo stesso destino di due secoli fa.
Nel marzo 2016, Berta Cáceres, una donna indigena honduregna che difendeva il territorio e i diritti del popolo indigeno Lenca, è stata uccisa nella sua stessa casa. Il Tribunale Penale Nazionale honduregno ha stabilito che gli uomini responsabili del crimine, condannati per omicidio, erano stati assunti da una società che costruiva una diga contro la quale Berta ha condotto con successo una campagna. Il suo caso divenne l’emblema delle lotte e dei pericoli affrontati dalle donne indigene che difendono il loro popolo e l'ambiente, un destino non molto diverso da quello incontrato da Bartolina più di due secoli fa. Questo significa che, nonostante tutti i progressi nella protezione dei diritti umani e ambientali del secolo scorso, le donne indigene sono ancora oggetto di violenza da parte di coloro che sostengono valori colonialisti e patriarcali.
 
Le donne indigene possono aiutare a risolvere le attuali crisi del nostro mondo.
Per secoli le donne indigene hanno mostrato forza e resilienza. Hanno dimostrato la capacità non solo di poter provvedere e nutrire le loro comunità, ma anche di lottare per esse, affrontando diverse forme di discriminazione e violenza nel corso della loro vita. Prendersi cura di se stesse e delle loro comunità significa anche prendersi cura dell'ambiente, con il quale hanno un legame indissolubile. Per queste ragioni, NPSG chiede di includere le donne indigene nella creazione di soluzioni per rallentare il cambiamento climatico e combattere la discriminazione strutturale e la violenza legata al colonialismo e al patriarcato. Dato che le donne indigene hanno sperimentato direttamente questi ostacoli e che sono così profondamente legate all'ambiente, la loro conoscenza è fondamentale per la costruzione di soluzioni reali e sostenibili al cambiamento climatico e alla discriminazione strutturale che hanno affrontato per troppo tempo.
 
Cosa puoi fare? Ecco alcune idee:
Sostieni i movimenti sociali e le iniziative guidate da donne indigene, condividi notizie relative alle donne indigene sui social media, chiedi la loro protezione e la loro inclusione nei panel e nelle discussioni sul cambiamento climatico e sulla discriminazione e la violenza contro le donne, sfida la discriminazione strutturale e riconosci il ruolo delle donne indigene nel proteggere l'ambiente naturale che condividiamo e nello sfidare la violenza e gli abusi in tutte le sue forme.