Promuovere l’implementazione degli strumenti giuridici internazionali a supporto dei diritti dell’uomo e della giustizia transitoria in Tunisia.

Tunisi, Tunisia, 25-28 Settembre 2012


  Il Centro per la transizione democratica  “Al Kawakibi”, Al Kawakibi Democracy Transition Center (KADEM) e Non c’è Pace senza Giustizia (NPSG) stanno lanciando in Tunisia un’iniziativa all’interno delle attività dell’Accademia di Giustizia Transitoria sull’argomento: “L’implementazione degli stumenti giuridici internazionali che supportano i diritti dell’uomo e la giustizia transitoria in Tunisia: lo statuto di Roma della Corte Penale Internazionale(CPI). Celebrando il 10° anniversario dalla nascita della Corte. 

KADEM e NPSG stanno organizzando dal 25 al 28 settembre 2012 una serie di attivtità all’interno della Accademia di Giustizia Transitoria per promuovere l’implementazione degli strumenti giuridici internazionale a supporto dei diritti dell’uomo e della giustizia transitoria in Tunisia. Con il supporto di importanti attori locali, la Tunisia potrebbe diventare un modello di transizione democratica nella regione MENA, prendendo le misure necessarie  a garantire la responsabilità  delle passate violazioni  e a risarcire le vittime.  Tuttavia , per garantire la presa in carico di un’effettiva responsabilità  occorre che essa si sottoponga in primo luogo a significative riforme in diverse aree cruciali.

L’Implementazione dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale rafforzerebbe qualsiasi meccanismo di giustizia transitoria che potrebbe essere adottato nel paese in futuro, servendo da modello per migliorare la legislazione nazionale su diversi argomenti,  incluso la partecipazione e compensazione  delle vittime, la protezione di vittime e testimoni, gli elementi fondamentali dei crimini riconosciuti dal diritto penale internazionale ed i modelli di responsabilità criminale. Dopo aver  ratificato lo Statuto di Roma nel luglio 2011, la Tunisia deve adottare appropriate procedure per assicurare la sua completa cooperazione con la CPI e lo svolgimento delle sue obbligazioni in termin i di complementarietà , srafforzando cosi  ulteriormente il suo impegno  nei confronti dei diritti dell’uomo e delle vittime di abusi.

Programma delle attività:
25 settembre dalle 8.30 alle 11.30: Sessione d’apertura officiale (copertura mediatica)
25 settembre dalle 11.50 alle 18.00 e 26 settembre dalle 8.30 alle 16.00: corso
26 settembre dalle 16.30 alle 18.00 e 27-28 settembre: incontri con gruppi di riferimento (membri dell’assemblea costituente nazionale, giudici di diverse corti e tribunali, avvocati, società civile e studenti universitari)
 
Documentazione 
Prospetto del Programma dei corsi, 25-26 settembre, Tunisi, Tunisia
 
Lingua ed interpretazione
Le lingue delle attività sono l’arabo ed il francese. La traduzione simultanea sarà presente solo durante la sessione d’apertura officiale, mentre durante i corsi ed gli incontri con i gruppi di riferimento sarà fornita una traduzione informale.
 

Registrazione:
La partecipazione alla Sessione d’apertura officiale è possibile solo previa registrazione. Per presenziare, contattaci entro Mercoledì 20 settembre.  I corsi sono aperti a partecipanti selezionati previo invito. Gli incontri con i gruppi di riferimento sono aperti ad un pubblico particolare. Per partecipare, contattaci entro mercoledì 20 settembre
 
Luoghi
La sessione d’apertura officiale e i corsi saranno tenuti all’ Hotel Golden Tulip – El Mechtel – Tunisi ( http://www.goldentulipelmechtel.com/)
 
Contatti:
Greta Barbone: gbarbone@npwj.org
Sonia Bouassida: kawakibi.center@gmail.com

  • Per maggiori informazioni circa l’attività di NPSG e KADEM sulla giustizia transitoria in Tunisia, clicca qui