NPWJ in the news

Libya
#GlobalJusticeWeekly (CICC), 19 September 2014, 19 Sep 2014

In a submission to the Universal Periodic Review, HRW noted that Libya’s justice system is dysfunctional and recommended that Libya cooperate with the ICC and ratify the Rome Statute. No Peace Without Justice convened a side event on transitional justice and accountability in Libya at the Human Rights Council. The Libyan National Commission for Human Rights accused the Libya Dawn militia of breaking into its headquarters. Meanwhile, Libya’s prime minister accused Qatar of sending weapons to the Islamist militias controlling Tripoli’s airport.

Continua

Qatar calls for protection of children in Syria
The Peninsula, 18 Sep 2014


 
Geneva: Qatar has stressed the importance of taking additional stringent and concrete measures against perpetrators of gross violations of children’s rights and humanity in Syria, through the adoption of more laws that criminalise these violations and the fight against impunity of the perpetrators and bringing them to the International Criminal Justice as soon as possible.
This came in a speech given by  Qatar’s Permanent Representative to the United Nations Office and other international organisations in Geneva, Faisal bin Abdullah Al Henzab during an event, organised by Qatar’s delegation in cooperation with the Permanent Mission to the United Nations including  France, Italy, and Belgium and Liechtenstein in cooperation with No Peace Without Justice (NPWJ) under the title: “Children of Syria under the microscope”, on the sidelines of the 27th session of the Human Rights Council , currently being held in Geneva from 8 to 26 September.
Al Henzab expressed thanks to the participants and speakers, led by Nora Al Amir, the Vice President of the Syrian National Coalition for their valuable contributions and participation in the event. A recent UN report warned that the future of over five million Syrian children is unclear due to  violence and deterioration of health and education services.

Continua

UK MP joins Bahrain side event at UN Human Rights Council
ABNA News Agency, 17 Sep 2014


Jeremy Corbyn, a member of the UK Parliament, joined a platform of Bahraini speakers calling for the release of political prisoners in Bahrain, during a side event at the 27th session of the Human Rights Council in Geneva. Mr Corbyn called for “solidarity for all political detainees” in Bahrain, before signing a new appeal that demands the release of all Bahraini prisoners of conscience.
The appeal was launched during the side event by Fareeda Ghulam, the wife of the imprisoned political leader Ibrahim Shariff.
Speaking during the event, jointly hosted by the Bahrain Human Rights Observatory, the Arab Network for NGOs, Americans for Democracy and Human Rights in Bahrain and the Bahrain Centre for Human Rights, Ghulam said, “this new appeal is important to be signed as wide as possible to put pressure for the release of our unfairly imprisoned political detainees.”
Despite only being launched within the meeting, the appeal has already been signed by prominent individuals and organisations, including Mr. Frej Fenniche, the Head of the Middle East Division of the Office of the High Commissioner for Human Rights (OHCHR).
Speaking from the platform, Mr. Niccolo Figa-Talamanca, Secretary General of No Peace Without Justice, pledged the support of his organisation to the appeal, adding “They lock away our leaders, because they want to silence us. They shall not have our silence.” He described the judicial system in Bahrain as “purely political” and in “violation of the most basic justice standards.”

Continua

Qatar calls for urgent end to abuses against kids in Syria
Gulf Times, 17 Sep 2014


 
Qatar has stressed the importance of taking additional stringent and concrete measures against perpetrators of gross violations of children’s rights and humanity in Syria, through the adoption of more laws that criminalise these violations and the fight against impunity of the perpetrators and bringing them to the International Criminal Justice as soon as possible.
This came in a speech delivered by Qatar’s Permanent Representative to the UN Office and other international organisations in Geneva, HE Faisal bin Abdullah al-Henzab, during the side event, organised by Qatar’s delegation in co-operation with the Permanent Mission to the UN including France, Italy, and Belgium and Liechtenstein in co-operation with No Peace Without Justice (NPWJ) under the title: “Children of Syria under the microscope”, on the sidelines of the 27th session of the Human Rights Council, currently being held in Geneva from September 8 to 26.
On behalf of Qatar’ delegation, al-Henzab expressed thanks to the participants and speakers, led by  Nora al-Amir, the Vice President of the Syrian National Coalition, for their valuable contributions and participation in the event.
According to the reports issued recently by the UN, warn that the future of over 5mn Syrian children is unclear due to violence and deterioration of health and education services and economic situation in addition to the nature of armed conflict and its methods that creating unprecedented threats to an entire generation of children, threatening by future physical and psychological problems, will not be perceived by the international community until too late, al-Henzab said.
Al-Henzab stressed the need to launch an extensive campaign immediately to end abuses against children which is tending actually to destroy an entire generation.
In this regard, he affirmed Qatar’s full support to the “children and not soldiers” campaign launched by the UN to end and prevent the recruitment of children and to work on the re-reintegrated them into society through programmes dedicated to it before 2016-end.

Continua

Quei diritti negati ai bambini col fucile: torturati, detenuti e privati del futuro
Domenico Letizia, Il Garantista, 16 Sep 2014


 
 
Lo scenario dell’informazione televisiva e della stampa cartacea sembra aver dimenticato la situazione politica e sociale che sta vivendo la popolazione siriana.
In occasione della 27 Sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, in corso a Ginevra, “Non c’è Pace senza Giustizia” e il Partito Radicale Nonviolento, con il sostegno delle istituzioni governative italiane e francesi, svolgono un evento sui bambini e i ragazzi nel contesto siriano, con la collaborazione di organizzazioni per la tutela dei diritti umani siriani. L’incontro analizza soprattutto la problematica del reclutamento dei bambini durante le ostilità, le torture e la detenzione di cui sono vittime.
Dopo più di tre anni di conflitto, la popolazione siriana vive una situazione disastrosa e continua a peggiorare ad una velocità allarmante. Quello che sta accadendo in Siria è una crisi umanitaria, una sistematica violazione dei diritti umani che colpisce la popolazione civile con un particolare terrificante riguardante i bambini e i ragazzi. Nel suo primo rapporto sulla situazione dell’infanzia e dell’adolescenza all’interno del conflitto siriano il segretario generale dell’Onu ha attestato prove e documentazione di esecuzioni sommarie, sparizioni forzate, tortura, stupri, evacuazioni forzate, assedi di città, crimini che incidono con dolorosa forza l’esistenza dei bambini e dei ragazzi. Inoltre, il nuovo rapporto congiunto di Unicef, Unhcr, World Vision e Save the Children, intitolato “L’istruzione interrotta in Siria”, dimostra una situazione allarmante per lo stato dell’istruzione dei bambini siriani. Dal 2011, circa tre milioni di bambini siriani sono stati costretti a interrompere il proprio percorso di studi per via dei combattimenti che hanno distrutto edifici, reso pericoloso recarsi a scuola e costretto moltissime famiglie ad abbandonare il paese per trovare rifugio altrove. Negli ultimi tre anni sono stati annullati i progressi compiuti in un intero decennio.
La situazione è peggiorata nella provincia di Aleppo e nelle aree controllate dall’Isis. Secondo rapporti dell’Onu, l’Isis obbliga gli abitanti, inclusi i bambini, a partecipare alle esecuzioni pubbliche che avvengono tramite decapitazione oppure con un colpo di arma da fuoco alla testa. Tale spettacolo agghiacciante è divenuto abituale nelle zone sotto controllo dell’Isis, che incide sull’esistenza di bambini, anche perché i corpi delle vittime vengono tenuti in mostra, come trofei, per diversi giorni. Riguardo la Siria, l’obiettivo a lungo termine di “Non c’è Pace senza Giustizia” è quello di promuovere la democrazia, i diritti umani e fondamentali attribuendo decise responsabilità nel processo di risoluzione dei conflitti armati, ponendo fine anche al massacro e alle violazioni dei diritti fondamentali dei bambini e degli adolescenti.   

Continua

Interview: Qamar Naseem: The Pakistani Feminist
By Sonya Rehman, The Diplomat, 04 Sep 2014


 
I first heard of the Pakistani women’s rights activist, Qamar Naseem, via BBC’s Outlook program, which interviewed him in July this year. A recipient of the “No Peace Without Justice Human Rights Award” (this year) and part of a human rights (primarily women’s rights) non-profit, Blue Veins, in Peshawar, Pakistan, Naseem spoke with me about working with communities at the grass-roots level, threats faced, and the trouble with human rights activism in Pakistan today.

Continua

Le colpe del Governo siriano nell’attacco chimico del 2013
Domenico Letizia, L'Opinione, 29 Aug 2014

Il 21 agosto 2013 un attacco effettuato con gas nervino e sostanze chimiche colpì i quartieri di Damasco controllati dall’opposizione, causando la morte di 1400 persone, soprattutto civili, inclusi numerosi bambini. Le prove raccolte indicarono che a dar vita l’attacco furono le forze governative del presidente Bashar al-Assad, nonostante il Governo siriano abbia sempre negato le proprie responsabilità. Tale episodio provocò numerose proteste in tutto il mondo, inducendo il Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite a chiedere l’eliminazione del programma di produzione di armi chimiche in Siria.
Sotto la pressione internazionale venutasi a creare, il Governo siriano accettò il programma di eliminazione delle armi chimiche con la supervisione dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac). Il 19 agosto 2014 l’Opac ha annunciato la completa distruzione delle più pericolose e letali armi chimiche dichiarate in possesso dal regime siriano.
A intervenire sui tragici episodi è anche l’Organizzazione non governativa “Non c’è pace senza giustizia”, che attraverso la voce di uno dei suoi rappresentanti legali, Alison Smith, ha richiamato l’attenzione sulla mancanza di significativi passi in avanti nell’attribuzione delle responsabilità di coloro che hanno ordinato ed eseguito il massacro, che risulta essere uno dei più cruenti inflitti ai civili dall’inizio del conflitto ancora in corso.
Dopo più di tre anni dall’inizio del conflitto, secondo le Nazioni unite, le vittime sono oltre 150mila e quasi la metà della popolazione ha abbandonato la propria abitazione. “Non c’è pace senza giustizia” denuncia che, nonostante il Governo siriano abbia firmato il programma di eliminazione delle armi chimiche, il regime di Assad continua a usare sostanze tossiche, come il gas clorino, in attacchi contro la popolazione civile e in violazione delle più basilari norme del diritto internazionale umanitario. Il progetto di “Non c’è pace senza giustizia” mira all’attivazione di procedure internazionali per l’attribuzione delle responsabilità nei confronti degli autori del disastro umanitario ancora in corso.
Da tali motivazioni risultano fondamentali sia le attività in corso per la promozione della democrazia e dei diritti umani e per la stabilità e la ricostruzione della Siria, sia il lungo ed elaborato lavoro di documentazione delle violazioni dei diritti umani per permettere la presentazione di tali violazioni e l’intervento della Corte penale internazionale (Cpi).

Continua

Il caso giuridico di Abdullah Al-Senussi e la democratizzazione libica
Domenico Letizia, L'Opinione, 08 Aug 2014

Molteplici e preoccupanti sono le notizie che in queste settimane giungono dalla Libia. Del tutto assenti, invece, nel panorama dell’informazione mass-mediatica italiana, è il lavoro delle Ong in Libia. L’Associazione “Non c’è Pace senza Giustizia” è presente in Libia dal 2011 e dal 2012 ha una presenza permanente a Tripoli. Nelle ultime settimane è in corso una controversia giuridica nei confronti di Abdullah Al-Senussi, ex capo dei servizi segreti del colonnello Gheddafi, accusato di gravosi crimini nei confronti del popolo libico. Il 24 Luglio la Camera Penale Internazionale (C.P.I.) è intervenuta sul caso di Abdullah Al-Senussi dichiarando di non poter procedere nei confronti dell’ex capo dei servizi segreti perché tale caso è oggetto delle autorità giuridiche locali. Tale decisione consente alle autorità libiche di mettere sotto processo l’ex capo dei servizi segreti, uomo di fiducia del colonnello Gheddafi.
Alison Smith, avvocato di “Non c’è Pace senza Giustizia” ha ribadito che “la decisione della Corte Penale Internazionale è una risposta positiva alle aspirazioni libiche per l’ottenimento della giustizia sui crimini commessi. La comunità internazionale dovrebbe sostenere la Libia nel produrre sforzi per creare una cultura della responsabilità migliorando l’assistenza tecnica legale delle autorità locali e della società civile e per ottenere un giusto processo giudiziario nei confronti di Abdullah Al-Senussi”.
Molta attenzione è posta sul caso di Abdullah Al-Senussi, ma non si deve commettere l’errore – ribadiscono dall’Ong – di dimenticare i migliaia di casi giuridici ancora in corso.
Compito di “Non C’è Pace senza Giustizia”, che svolge con il coinvolgimento di diverse istituzioni libiche, è quello di intraprendere significative relazioni giuridiche e diplomatiche per la transizione libica alla democrazia delle strutture istituzionali del paese. “Non c’è Pace senza Giustizia” svolge un ruolo di primo piano nella promozione e diffusione dei diritti umani, nella cultura allo stato di diritto e nella transizione democratica dopo il conflitto, che è ancora violentemente in corso in molte zone del paese, auspicando la ricostruzione non autocratica delle istituzioni.
L’Organizzazione non governativa agisce prevalentemente attraverso le armi delle giurisdizioni internazionali con l’avvio di programmi di monitoraggio dei processi ai leader del vecchio regime di Gheddafi, con una azione che mira alla promozione della responsabilità e della trasparenza all’interno del sistema giudiziario libico.
L’impegno di “Non c’è Pace senza Giustizia” è incentrato intorno al funzionamento del Network sul monitoraggio dei processi, fondato nell’Agosto del 2013, con il sostegno di “Non c’è Pace senza Giustizia”. Tale Network, con la collaborazione del Ministero della Giustizia libico, può svolgere un ruolo unico e significativo nel sostenere le riforme giuridiche dei processi in corso, migliorando l’equità, l’efficacia e la trasparenza del sistema giudiziario libico.

Continua

Appeals Chamber confirms Libya can try former spy chief Al-Senussi
#GlobalJusticeWeekly (CICC), 25 Jul 2014

On Thursday, the ICC Appeals Chamber unanimously decided that the ICC case against Abdullah Al-Senussi is inadmissible, clearing the way for Libya to try the former spy chief. Al-Senussi’s defense counsel had appealed against an earlier decision finding the Court’s case inadmissible because Libyan authorities were willing and capable of trying Al-Senussi on their own.
Human Rights Watch (HRW) was critical of the Appeals Chamber’s decision, noting that it comes amid a near breakdown of the Libyan judicial system and that Libya has failed to provide Al-Senussi with basic due process rights. Amnesty International (AI) described the decision as “deeply alarming” and said that it in effect sanctions unfair domestic proceedings against Al-Senussi. However, No Peace Without Justice welcomed the decision, calling it a “positive answer to Libyans’ aspirations to see the alleged perpetrators of crimes against them face justice where those crimes were committed.”

Continua

ICC backs Libyan trial for Senussi but still wants Saif
Libya Herald, 24 Jul 2014

The International Criminal Court has thrown out an appeal by Abdullah Senussi that he should be tried in the Hague rather than Libya, on the grounds that it believes that the Libyan courts are capable of holding a fair trial.
Lawyers for Qaddafi’s security chief  had been challenging a May ICC ruling that Senussi should be tried in Libya.
However, the decision is puzzling some observers because the ICC is still demanding that Muammar Qaddafi’s son, Saif Al-Islam, be handed over to its jurisdiction. It wants to try him in the Hague for crimes committed before and during the revolutions, crimes which in many respects are little different than those with which Senussi has been charged.
The NGO,  No Peace Without Justice (NPWJ) has argued that all members of the old regime who are accused of serious offences should be tried in Libyan courts.
“This is just a brief moment in the history of the ICC, “Alison Smith, NPWJ’s legal counsel told the Libya Herald  today, “but it is an extremely important hour for Libya.  My main concern is that if you take out one person who is the most important, because his fair trial rights cannot be guaranteed, what does it say about the thousands of other people in detention?”
The trial of Senussi along with 34 other defendants including Al-Baghdadi Al-Mahmoudi, the former prime minister and Abu Zeid Dorda who headed the old regimes’s external security agency, to which Saif has been joined by video link from his prison in Zintan, has been adjourned repeatedly.
However not all NGOs share the NPWJ’s conclusion that the ICC, which under its founding Rome statute will only mount prosecutions “if the State concerned does not, cannot or is unwilling genuinely to do so” considers Libya able to trial Senussi and his fellow defendants, but nevertheless does not consider its courts competent to try Saif.
Both Human Rights Watch and Amnesty International have criticised the ICC’s refusal to hear Senussi’s case.
 

Continua

Civil society urges support for ending impunity on International Justice Day
#GlobalJusticeWeekly (CICC), 18 Jul 2014

As International Justice Day (IJD) celebrations continued this week, the Coalition for the ICC called on civil society and governments worldwide to reaffirm their support for the ICC and the pursuit of peace through justice and the rule of law.The Coalition issued a statement and held a special video conference on the relationship between the UN Security Council and the ICC. The American Bar Association (ABA) released a statement in support of IJD and launched a new website for its ICC project. In a Huffington Post op-ed, the ABA’s Kip Hale called for individuals to make their voices heard in support of international justice. No Peace Without Justice urged states to reaffirm their commitments against impunityParliamentarians for Global Action held a conference to discuss the steps that need to be taken to give full effect to the principle of complementarity in Uganda and the DRC. Destination Justice co-organized a showing of the ICC’s Justice Matters multimedia exhibition in Phnom Penh. The International Center for Transitional Justice (ICTJ) commemorated IJD by reviewing five scenarios where national judicial systems delivered justice where it mattered most. Avocats Sans Frontières affirmed the need for victims of grave crimes to see justice being done in order to increase their confidence and participation in justice processes. Human Rights Agenda called on Turkey to join the ICC, and theTurkish Coalition for the ICC issued a statement in celebration of IJD.

Continua

Detenuto torturato, la Corte Europea condanna l’Italia
Il Tempo, 02 Jul 2014

La Corte di Strasburgo ha condannato l’Italia per aver sottoposto a trattamento inumano e degradante Valentino Saba, uno dei detenuti che aveva denunciato le violenze avvenute nel carcere di San Sebastiano di Sassari nell’aprile del 2000. Secondo la condanna di Strasburgo l’Italia ha avuto tempi troppo lunghi per il processo, molti colpevoli sono stati prosciolti per prescrizione dei reati commessi e chi è stato condannato ha ricevuto pene troppo leggere in rapporto ai fatti per cui era stato incriminato. Tra le misure contestate, la multa di 100 euro inflitta a uno degli agenti che non ha denunciato le violenze commesse dai suoi colleghi e la sospensione della condanna al carcere per altri agenti. Per la Corte, quindi, lo Stato dovrà versare 15mila euro. «Non è più rinviabile la convocazione di un tavolo politico che dia risposte ferme su alcuni temi per i quali la discussione non è più rinviabile: l’inserimento del reato di tortura nel codice penale; l’impunità per chi commette atti di violenze verso persone che si hanno in custodia; meccanismi di educazione e formazione adeguati per il personale delle forze dell’ordine». È il commento di Patrizio Gonnella, presidente nazionale di Antigone, a seguito della nuova condanna della Corte all’Italia. «Finalmente, dopo 14 anni giustizia viene fatta ma, ancora una volta, per arrivarci è stato necessario l’intervento della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Riteniamo indegne per un per un paese civile come l’Italia, che dovrebbe riconoscere a tutti un trattamento rispettoso e degno della persona umana, queste continue condanne - denuncia Antigone - Ed è altresì grave che, quando violazioni dell’articolo 3 avvengono, il nostro sistema giudiziario non riesca a ripristinare situazioni di giustizia. Questo anche perché in Italia non esiste il delitto di tortura. Se ci fosse stato i tempi di prescrizione non sarebbero stati così brevi». «Ci sono voluti 14 anni, tanta forza d’animo e dispendio di importanti risorse economiche perché Valentino Saba potesse vedersi riconosciuti, in Europa, i diritti umani di base che l’Italia gli ha negato» spiegano Niccolò Figà-Talamanca e Antonella Casu, segretario generale e tesoriera di «Non c'è Pace Senza Giustizia». Che denuncia anche come «la maggior parte dei procedimenti penali a carico degli agenti coinvolti si è conclusa in un nulla di fatto a causa degli effetti anti-legalitari che la prescrizione produce nel nostro sistema giudiziario».

Continua

Senza giusta pena Italia (ri)condannata
Il Manifesto, 02 Jul 2014

Con un’altra con­danna della Corte euro­pea dei diritti umani, per l’Italia non poteva aprirsi in modo peg­giore il seme­stre di pre­si­denza euro­pea. Per la seconda volta in pochi giorni, i giu­dici di Stra­sburgo hanno riscon­trato una vio­la­zione dell’articolo 3 della Con­ve­zione per le vio­lenze delle forze dell’ordine su per­sone fer­mate o arre­state. Sot­to­li­neando soprat­tutto ancora una volta, dopo il recente caso di Dimi­tri Alberti, che gli agenti col­pe­voli degli atti di vio­lenza – avve­nuti sta­volta nel car­cere di San Seba­stiano di Sas­sari nell’aprile del 2000 – non hanno rice­vuto pene pro­por­zio­nali al reato commesso.
Le cause di que­sta sorta di “impu­nità” sono molte: un pro­cesso che si è allun­gato per oltre otto anni con la con­se­guenza che molti col­pe­voli sono stati pro­sciolti per pre­scri­zione dei reati com­messi, e anche per l’inefficacia dell’azione san­zio­na­to­ria. Secondo quanto appu­rato dai giu­dici euro­pei, infatti, sono state com­mi­nate pene troppo leg­gere. Ad esem­pio, uno degli agenti è stato con­dan­nato per omessa denun­cia e dun­que san­zio­nato solo con una multa da 100 euro, men­tre altri suoi col­le­ghi sono riu­sciti ad otte­nere la sospen­sione della con­danna alla reclu­sione. Non solo: la Cedu rileva anche la dif­fi­coltà di appu­rare se gli agenti peni­ten­ziari respon­sa­bili delle vio­lenze siano stati poi ade­gua­ta­mente sot­to­po­sti ad azione disci­pli­nare. Il governo ita­liano non lo dice. Per i giu­dici di Stra­sburgo, però, il dete­nuto che ha pre­sen­tato il ricorso — Valen­tino Saba, che fu tra coloro che subi­rono vio­lenze e che oggi dovrà rice­vere dall’Italia un risar­ci­mento di 15 mila euro per danni morali, anche se lui ne aveva chie­sti 100 mila — è stato sot­to­po­sto a trat­ta­mento inu­mano e degra­dante ma non a tor­tura, come soste­neva l’ex dete­nuto. Nel pro­ce­di­mento davanti alla Cedu si erano costi­tuiti parte «ami­cus curiæ», soste­nendo le ragioni di Saba, il Par­tito Radi­cale ita­liano, quello Trans­na­zio­nale trans­par­tito e l’associazione «Non c’è pace senza giustizia».

Continua

Bahrain phoney “reforms” slammed during side event in Geneva
ABNA News Agency, 19 Jun 2014


Two years since Bahrain promised to implement the recommendations made during its universal periodic review (UPR) at the UN Human Rights Council, a side event in Geneva has slammed any progress made. The event co-organised by the Arab NGO Network for Development and Bahrain Human Rights Observatory (BHRO), heard from Fareeda Ghulam, wife of Bahraini political prisoner Ebrahim Shariff, Abdulnabi Alekry from BHRO, Matthew Sands of the Association for Prevention of Torture and was moderated by Niccolo Figa-Talamanca, Secretary-General of No Peace Without Justice.
In May 2012 Bahrain received 176 recommendations to implement at the UN Human Rights Council, as part of its Universal Periodic Review. Bahrain promised to implement the vast majority, in addition to the recommendations of the Bahrain Independent Commission of Inquiry, but both Matthew Sands and Abulnabi Alekry highlighted the deterioration of the human rights situation in Bahrain during this period.
In the next session of the Human Rights Council in September, Bahrain will have to provide an interim report on its progress towards the UPR recommendations. The message from this side event was that regardless of any claims made by the Government, little progress has been made and violations are ongoing.

Continua

UN / Geneva: NPWJ and NRPTT convene side event on “Ending Impunity for Atrocities in Syria”
Akhbar Alaan TV (Arabic), 19 Jun 2014


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Continua

Qatar Permanent Delegation in Geneva Holds Workshop on Situation in Syria
MOFA Qatar, 18 Jun 2014

Qatar Permanent Delegation to the United Nations Office at Geneva, in cooperation with the delegations of France and Italy, have organized a "workshop" under the title: "end impunity for the atrocities being committed in Syria". The workshop was held on the sidelines of the 26th session of the Human Rights Council, currently being held here from June 10 to 27. 
Participated in the workshop as keynote speakers were Dr. Ahmad Touma, head of the interim Syrian government Dr. Ahmad Touma, head of the Legal Committee of the Syrian National Coalition Haitham al-Maleh, head of the political bureau of the Patriotic Movement of Syria Dr. Imad Eddin Rasheed, along with former Italian Sen. Marco Perduca of the Nonviolent Radical party, transnational and transparty, and the Secretary-General of the No Peace Without Justice Organization Niccolo Figa-Talamanca, in addition to a large number of representatives of the permanent missions in Geneva and representatives of non-governmental organizations. 
The workshop aimed at keeping the attention of the international community focused on the continuing violations of human rights and war crimes committed daily in Syria, and to emphasize the need to continue diplomatic efforts to achieve justice and accountability for the victims of this violence.

Continua

Sulla Siria tutti sanno tutto ma nessuno fa niente
Marco Perduca, Huffington Post, 18 Jun 2014

Il 17 giugno il Consiglio delle Nazioni unite sui diritti umani di Ginevra ha ascoltato l'ultimo rapporto trimestrale della Commissione d'inchiesta sulla Siria. La giornata di dibattito che è seguita ha messo a fuoco il permanere del gravissimo dramma siriano e le gravissime implicazioni per tutto il Medio Oriente.
Il primo dato presentato è quello relativo alle necessità umanitarie. La Commissione stima che vi siano 9.3 milioni di siriani in gravissime condizioni di insufficienza alimentare, con 4.25 milioni di sfollati, 2.8 di rifugiati nei paesi vicini. La stragrande maggioranza degli interessati sono donne e bambini.
In occasione del dibattito al Consiglio dei diritti umani del 17 scorso, e grazie alla disponibilità delle delegazioni italiana, francese e qatarina, il Partito Radicale e No Peace Without Justice hanno organizzato un dibattito dal titolo "Porre fine all'impunità per la atrocità in Siria" col primo ministro del governo di transizione siriana Ahmad Tu'mah dove sono state proiettate alcune foto delle vittime delle violenze inaudite dell'esercito di Assad e un'intervista con una donna che era sopravvissuta a una settimana di detenzione in condizioni disumane.

Continua

Civil society backs Syria ICC referral bid
#GlobalJusticeWeekly (CICC), 16 May 2014

Over 100 civil society groups — including the International Federation for Human Rights (FIDH), the Cairo Institute for Human Rights StudiesNo Peace Without JusticeHuman Rights Watch (HRW) and several other Coalition members — have urged the Council to pass a UN Security Council resolution to refer the situation in Syria to the ICC prosecutor for investigation.
Physicians for Human Rights also condemned the Syrian government for attacking hospitals. HRW cited evidence that the Syrian government has continued to use chemical weaponsFIDH published a Q&A on challenges in the fight against impunity in the country.

Continua

Retour sur le colloque : protéger et punir avec la loi
Excision, parlons-en!, 13 May 2014

Ré-écoutez la troisième table ronde du colloque « Excision, les défis de l’abandon », organisé par Excision, parlons-en !, le 6 février 2014 à Paris.  Le thème : protéger et punir avec la loi. Pour en discuter tant au niveau français que africain, l’avocate et militante historique  Linda Weil-Curiel avec la juriste Nathalie Elmada de la Commission pour l’abolition des mutilations sexuelles en France ; Mariam Lamizana, présidente du Comité inter-africain sur les pratiques traditionnelles ayant effet sur la santé des femmes et des enfants (CI-AF) et ancienne ministre de l’Action sociale et de la Solidarité nationale du Burkina Faso ; Niccolò Figa-Talamanca de l’ONG No peace without justice. Ils répondent aux questions du journaliste Hubert Prolongeau.

Continua

MGF et mariages précoces: Des stratégies afin de parvenir à la tolérance zéro
Le Quotidien (Burkina Faso), 27 Apr 2014

L’épouse du chef de l’Etat burkinabè, Chantal Compaoré, en collaboration avec No Peace Without  Justice et la commission économique pour l’Afrique, organise, du 24 au 26 avril 2014, à Ouagadougou, une conférence internationale sur les Mutilations génitales féminines (MGF) et les mariages d’enfants.  Cette conférence, placée sous le thème « Renforcer le pont entre l’Afrique et le monde pour accélérer la tolérance zéro aux MGF et aux mariages d’enfants », vise à trouver des stratégies afin d’accélérer la tolérance zéro aux MGF et aux mariages d’enfants. De nombreux pays tels l’Ethiopie, le Libéria, la Mauritanie, le Sénégal, l’Ouganda, etc., étaient présents à la cérémonie d’ouverture.

Continua

Lutte contre les MGF et les mariages des enfants: Chantal Compaoré réaffirme son engagement aux côtés du CI-AF
Fasozine, 27 Apr 2014

L’épouse du chef de l’Etat, Mme Chantal Compaoré, a présidé la cérémonie d’ouverture de la conférence internationale sur les mutilations génitales féminines et les mariages des enfants, le jeudi 24 avril 2014 à Ouagadougou.
Placé sous le thème : « Renforcer le pont entre l’Afrique et le monde pour accélérer la tolérance zéro aux MGF et aux mariages d’enfants », la rencontre a réuni plusieurs participants venus d’Afrique et d’Europe. Pour la présidente du Comité inter-africain sur les pratiques traditionnelles ayant effet sur la santé des femmes et des enfants (CI-AF), Mariam Lamizana, la conférence est une opportunité pour réfléchir davantage sur les Mutilations génitales féminines(MGF) et les mariages d’enfants et développer une approche basée sur une synergie d’action.
L’ensemble des intervenants se sont réjoui des résultats déjà engrangés dans la lutte contre les MGF. Aussi, ils ont tous reconnu et salué l’engagement de la première Dame, Mme Chantal Compaoré, ambassadrice de bonne volonté du CI-AF.
Le directeur exécutif du CI-AF, Moryssanda Kouyaté a revisité les grandes dates de la lutte menée par Chantal Compaoré en faveur de l’élimination des MGF. Au nombre desquelles, la création du CI-AF et l’adoption de la résolution de l’Assemblée générale des Nations unies portant « intensification de l’action mondiale visant à éliminer les MGF dans le monde », le 20 décembre 2012. Du reste, cette dernière étape constitue, selon la présidente de l’ONG « No peace without justice », Alvilda Jablonko, un tournant décisif dans l’évolution de la lutte. 

Continua

Conférence internationale sur les MGF et le mariage des enfants: Chantal Compaoré au front
Burkina 24, 25 Apr 2014

Ce jeudi 24 avril, à Ouagadougou, s’est ouverte la Conférence internationale sur les mutilations génitales féminines (MGF) et le mariage d’enfants. Pendant trois jours, des participants de près de 30 pays réviseront les stratégies de lutte contre ces maux hérités de pratiques traditionnelles.
Des participants et participantes d’une trentaine de pays du monde prennent part à la Conférence. On dénombre parmi eux les membres du Comité Interafricain, de No Peace Without Justice, de l’UNICEF et de nombreux partenaires. Sous le thème : « Renforcer le pont entre l’Afrique et le monde pour accélérer la tolérance zéro aux MGF et aux mariages d’enfants », ils échangeront et statueront afin de faire le point sur l’ensemble des actions qui ont déjà été menées. Et ils définiront aussi les plans actions et agendas futures.

Continua

UNPO Conference on Minority Rights in Ukraine: Political Crisis Gives New Meaning to Minority Protection and Concept of Self-Determination
UNPO, 10 Apr 2014


With the aim of addressing the sensitive, yet critical issue of minority protection in Ukraine in the burning context of the Crimean crisis, the Unrepresented Nations and Peoples Organization (UNPO), in collaboration with Members of the European Parliament Mrs. Inese Vaidere and Mr. László Tőkés, convened a conference entitled ‘Minority Rights in Ukraine: What is at Stake?’. The conference took place at the European Parliament in Brussels on April 9th 2014 and gathered a diverse audience of diplomats, experts, human rights defenders and high-ranking European politicians.
(…) Intervening in the second panel of the Conference, Mr. Niccolò A. Figà-Talamanca, Secretary General of No Peace Without Justice, stated that Ukraine should be proud to be a multi-ethnic country, and thus rid Russia of its current pretext, i.e. protection of Ukraine’s Russian minority, for invasive action.
An important conclusion to be drawn from this conference is that the political crisis in Ukraine has seriously challenged previous negotiations about accommodating minority rights and the very concept of self-determination. Furthermore, a consensus emerged throughout the conference on the necessity and urgency to take swift action in order to guarantee minority protection and cultural preservation in Ukraine. As the country is moving forward towards finalizing its association agreement with the EU, all stakeholders must step up their efforts to find concrete solutions to the escalating tensions in Ukraine. UNPO believes that this conference was a positive step in giving more attention to the dire situation facing Ukraine’s different minorities, but further action is urgently needed.

Continua

Justice in Syria Could Help Break the Cycle of Revenge: Interview with Jeffrey Howell
By Margaret Williams, Global Observatory, 02 Apr 2014

While the war in Syria rages on, the concept of justice may seem like a distant ideal. But one group is collecting documentation on war crimes and crimes against humanity so that perpetrators may be brought to justice when the conflict ends. At that time, “the decision to prosecute should be made so that the victims of this conflict have not died in vain,” said Jeffrey Howell, Chief of Staff for the Syrian Accountability Project, which was started at Syracuse University’s College of Law in 2011. In the long term, this can also contribute to peace by breaking the cycle of revenge, according to Mr. Howell, since “you can't rebuild your country on revenge; you can only rebuild your country on justice.”
(…)
Could you talk a bit more about your partners, how you identified your partners, how you went about that process, both international and local?
Professor Crane, as I'm sure you're aware, has been in the field a long time, and really has a lot of experience in this area and has made a lot of friends along the way. And one of our original partners was the NGO No Peace Without Justice, and they have extensive conflict mapping expertise, going all the way back to the Balkan wars. Last summer, we worked directly with them in their Brussels' office, sort of refining our methodology and benefitting from their expertise—and applying it to our work in Syria.
Professor Crane has known the leaders of No Peace Without Justice for some time. That's just one example of one of the partners that we have. We also work very closely with the Syrian Justice and Accountability Center, and the Public International Law and Policy Group. Again, a lot of these are professional contacts that Professor Crane has had for a very long time, so we sort of worked with the friends we had when we started.

Continua

Europa, giustizia e diritto umanitario
Domenico Letizia, L'Opinione, 01 Apr 2014

Intervista con Niccolò Rinaldi, europarlamentare dal 2009, del gruppo dell’Alde di cui fin dal 2000 ed è stato segretario generale aggiunto e del quale è vicepresidente.
(…) Oramai, grazie soprattutto all’azione di Marco Pannella e dei Radicali, il problema giustizia è considerato una “prepotente urgenza” in costatazione anche del fatto che i mezzi d’informazione iniziano a dedicare più informazione alla tematica di quanto avveniva in passato. Dal suo punto di vista può riassumerci quali sono stati i fattori di tale cambiamento in questi anni?
Sia che si parli di giustizia internazionale che interna alla nostra nazione, certamente la tecnologia ha permesso di indirizzare l’attenzione dei più verso la verità e quindi il più delle volte verso la giustizia. I cittadini si sono resi partecipi (e ci si augura che continuino a farlo sempre di più) del processo decisionale, nella misura in cui hanno indagato sul perché e sul come e a scapito di cosa. A volte ciò è successo by-passando anche i mezzi di informazione che certamente, spinti da una più alta attenzione del grande pubblico, dedicano maggiore cura a temi scottanti che richiedono giustizia. Si riafferma sempre più il “Diritto alla Verità” come principio guida nelle relazioni internazionali, e i Radicali hanno di certo posto questo elemento come pilastro della loro politica anche attraverso la creazione di “No peace without justice”. Partendo dalla considerazione che il multipolarismo a livello internazionale ha rimesso in discussione molteplici dinamiche politiche e diplomatiche derivanti dalle strategie di potenza. Giustizia è declinata in quanto rispetto di valori differenti dalla raison d’état, che è servita come giustificazione dei più potenti. Attraverso una democrazia più partecipativa che oggi va delineandosi, grazie anche a movimenti di advocacy e difesa dei meno rappresentati della società civile, il dialogo politico non rimane a porte chiuse ma si va verso un’agorà aperta a differenti voci che certamente vedono nella giustizia il compimento di un duro lavoro.

Continua

Premiati gli eroi dei diritti umani. Assegnati i riconoscimenti di «Non c’è pace senza giustizia»
La Stampa, 04 Mar 2014

Qamar Naseem, pakistana, con la sua organizzazione «Blue Venis» si batte contro i matrimoni precoci e forzati. Francesco Morelli, come spiega il presidente della Commissione diritti umani Luigi Morelli, «descrive da 12 anni la Spoon River italiana, i casi di morte di carcere, un’attività di intenso significato morale e di grande difficoltà, lottando contro la burocrazia».  
Un mostro carcerario che Morelli conosce bene, essendo stato egli stesso detenuto. E poi un premio speciale alle donne dell’opposizione siriana, scese in piazza contro il regime di Assad: a ritirarlo, Suhair Atassi, che fa parte della Coalizione nazionale siriana, e Oula Ramadan, della Rete delle donne siriane.  
Sono i premi 2014 di «Non c’è pace senza giustizia», celebrati anche da un messaggio di Napolitano, nella storia di persone lontane dai riflettori ma che in nome dei diritti hanno operato con tenacia e in condizioni spesso crudeli. All’associazione è legato il nome di Emma Bonino, ieri presente alla sala Zuccari del Senato per la giornata di convegno. Che ha ricordato come «diritto alla vita» sia «vita del diritto», poiché ogni violazione dei diritti umani è una violazione di legge o trattato, e che «la tutela dello stato di diritto è l’unico modo di garantire il rispetto della libertà». 
Una giornata molto importante perché poi difendere i diritti degli ultimi della terra serve a mantenere in vita anche i diritti di noi tutti che viviamo in un sistema democratico. Si son premiate delle persone perché, come ricorda Bonino, «sono le persone a fare la differenza»; e scelte «da una giuria che rappresenta vent’anni di lotta, composta da persone che hanno investito parte della loro vita». E una giornata per ricordare, come ha detto Manconi, che i diritti umani «vanno ancora difesi anche nei sistemi democratici».

Continua

Premio "No Peace Without Justice per i Diritti Umani”: in Senato la cerimonia di consegna
Agora Magazine, 02 Mar 2014

ROMA -  Il 3 marzo prossimo, nella Sala Zuccari del Senato della Repubblica, in Via della Dogana Vecchia, si terrà la cerimonia della consegna del Premio "No Peace Without Justice per i Diritti Umani”.
Dal 1994 Non c’è Pace Senza Giustizia (NPSG) opera nella difesa dei diritti umani e nella promozione dello stato di diritto e della legalità, quali elementi costitutivi di ogni ordinamento democratico. NPSG ritiene che la difesa e il rispetto dei diritti umani e delle libertà politiche e civili siano valori fondamentali per lo sviluppo della democrazia e che le violazioni di tali diritti e libertà non possano essere giustificate dalla ragion di stato, dalla difesa della “stabilità politica” di regimi totalitari o da motivi culturali o religiosi.
A tal fine, NPSG organizza il “Premio No Peace Without Justice per i Diritti Umani”, che quest’anno, verrà consegnato il 3 marzo, in concomitanza con la ricorrenza della nascita di Sergio Stanzani, Presidente di Non c’è Pace senza giustizia e del Partito Radicale, recentemente scomparso.
Il Premio è un riconoscimento volto a sostenere attivisti politici, leader della società civile, ONG e gruppi di cittadini che si battono per la tutela dei diritti umani, per la promozione della democrazia, dello Stato di diritto e della giustizia internazionale, in Italia e nel mondo. Il Premio sarà organizzato con il sostegno del Presidente della Repubblica, il Patrocinio del Senato della Repubblica, del Ministero degli Affari Esteri e della Commissione Europea, in consultazione con la Commissione Straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato e il Comitato Interministeriale per i Diritti Umani presso il Ministero degli Esteri, e in collaborazione con le ONG, italiane e internazionali, partner di NPSG.
Il Premio ha inoltre lo scopo di dare maggiore visibilità in Italia alle questioni legate alla tutela dei diritti umani, attraverso il coinvolgimento delle più altre cariche dello Stato e delle sedi che istituzionalmente si occupano di diritti umani. Il Premio, che è un riconoscimento politico e non ha carattere monetario, ha due sezioni: una per le attività svolte in Italia e una per le attività a livello internazionale. Per ognuno dei candidati il Segretariato preparerà un dossier, accompagnato da tutta la documentazione a supporto della candidatura. Una Commissione giudicatrice del Premio, composta da personalità autorevoli nel mondo dei diritti umani e da rappresentati degli organi istituzionali coinvolti, esaminerà le candidature e selezionerà i Laureati per ognuna delle categorie.
La consegna del Premio avverrà nel corso di una cerimonia che si terrà al Senato, alla presenza del Ministero degli Esteri e delle più alte cariche dello Stato. A seguire sarà organizzata una conferenza stampa, allo scopo di dare diffusione mediatica al Premio.

Continua

Procès contre Kenyatta : La CPI dans l’impasse
KongoTimes!, 25 Feb 2014

L’affaire opposant la Cour pénale internationale (CPI) au président kényan Uhuru Kenyatta, longtemps marquée par les controverses et les retards, a exacerbé les tensions entre la CPI et l’Union africaine (UA). Alors que son abandon permettrait d’apaiser la discorde, certains sont d’avis que cela risquerait également d’éroder le pourvoir de la Cour, qui n’a rendu qu’un seul jugement à ce jour.
(...)
Greta Barbone, associée principale du programme de justice pénale internationale auprès de l’ONG internationale No Peace Without Justice espère que le procès suivra son cours. « Les relations avec l’Union africaine sont très influencées par les affaires Kenyatta et Ruto, mais j’espère vraiment que les procès continueront, car la meilleure chose pour le Kenya serait d’avoir des procès équitables et que justice soit rendue aux victimes des violences postélectorales. »

Continua

Siria: dati su profughi minori inquietanti
AGENPARL(Roma), 19 Feb 2014

"Orrori inenarrabili". A quasi tre anni dallo scoppio della guerra in Siria, è questa la conclusione del primo rapporto delle Nazioni Unite sulle ripercussioni del conflitto sui civili. Secondo i dati pubblicati a novembre dall’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati (UNHCR), in meno di un anno, il numero dei profughi minorenni siriani è più che decuplicato: da 70.000 a oltre 1 milione e 100mila, 75 per cento dei quali al di sotto dei 12 anni. Per denunciare questa piaga l'organizzazione Remembrance Forum Italy (RBF), presieduta da Fiamma Nirenstein, giornalista e già vicepresidente della Commissione Esteri della Camera, promuove un convegno questo giovedì 20 febbraio 2014 alle ore 18,00 presso la Sala delle Colonne della Camera dei Deputati (Via Poli 18).
Al convegno parteciperanno Giacomo Guerrera, presidente UNICEF ITALIA, Domenico Quirico, editorialista e inviato de La Stampa, Sion Houri, direttore della ONGSave a Child's Heart, che tra gli altri ha curato numerosi bambini siriani che hanno cercato rifugio in Israele. Insieme a Fiamma Nirenstein, il Ministro Beatrice Lorenzin, l'Amb. Giulio Terzi di Sant’Agata, i deputati Eugenia Roccella(NCD) e Sandro Gozi(PD) e il Sen.Luigi Compagna(NCD) discuteranno di questa emergenza e presenteranno una mozione parlamentare affinché il governo italiano si impegni a intervenire in soccorso ai 9,3 milioni di persone coinvolte dal conflitto siriano, tra le quali quasi 4,3 milioni di minorenni.
Inoltre, in collegamento telefonico dal confine turco-siriano, sentiremo la testimonianza diretta dei coordinatori del Progetto Siria della ONG radicale "Non c'è Pace senza Giustizia".

Continua

Djibouti hosts regional anti-FGM Conference
By Mohamed Taha Tawakel, Anadolu Agency, 07 Feb 2014

Djibouti hosted a regional conference on Friday devoted to combatting female genital mutilation (FGM). Held under the motto "Towards a circumcision-free society," the conference was attended by Djiboutian First Lady Hadra Mohamoud Hade and Italian Foreign Minister Emma Bonino. The event was also attended by representatives from Ethiopia, the Ivory Coast and Yemen; governmental and civil society organizations; the African Committee against Female Circumcision; and religious leaders and elders. The conference was organized by the Djibouti Women's Association in collaboration with the country's Family Planning Ministry. A report presented at the conference revealed that incidents of FGM had declined by half – from 80 percent a decade ago to a current 40 percent.
 

Continua