NPWJ in the news

Bahrein. Un Paese in cerca di diritti
Speciale Spazio transnazionale, Radio Radicale, 25 Jan 2016


Intervengono: Ali Alaswad (Membro dell’ Al Wefaq National Islamic Society), Emma Bonino (Già ministro degli Affari Esteri), Niccolò Figà Talamanca (Segretario generale dell’Associazione Non c’è Pace senza Giustizia), Khalil al-Marzooq (Consigliere del Segretario Generale di Al Wefaq ed ex membro del Consiglio dei Rappresentanti) Alberto Negri (Inviato speciale de Il Sole 24Ore).
Conducono Francesco De Leo e Sabrina Gasparrini (Collaboratrice di Non c’è Pace senza Giustizia ed esperta di geopolitica).

Continua

Circoncisione femminile: il 6 febbraio la Giornata per dire "basta"
Giulia Vola, Magazine delle Donne, 24 Jan 2016


La circoncisione femminile è solo la più praticata delle quattro voci dell’orrore; escissione del clitoride, infibulazione o circoncisione faraonica e mutilazioni genitali sono le altre tre. La classifica è dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha fatto i calcoli: 130 milioni di donne sono già state mutilate, 3 milioni di bambine, ogni anno, sono a rischio. Ovunque nel mondo, perfino in Italia. Perché i rapporti raccontano un’abitudine dura a morire, subita dalle figlie, inflitta anzitutto dalle madri, fedeli alla cultura ereditata, convinte di fare la cosa giusta. E invece. Invece di circoncisione femminile si può anche morire, basta un’infezione o un’emorragia. E quando si sopravvive la quotidianità è tempestata di cisti, i rapporti sessuali sono difficili e dolorosi. I parti non ne parliamo: capita che il bambino muoia, stremato dai tentativi di venire al mondo attraverso una via d'uscita troppo stretta.
(...)
Circoncisione femminile: la battaglia legale
Una battaglia che l’Italia dovrebbe combattere in prima linea dal momento che i dati (aggiornati al 2009) stimano in 35mila le vittime di circoncisione femminile, numeri che assegnano alla Penisola il quarto posto - dopo Gran Bretagna (170mila donne), Francia (53mila) e Svezia (42mila) - nella classifica europea in questione. Eppure molto è stato fatto e qualcosa è cambiato anche se del tanto clamore che fece Non C'è Pace Senza Giustizia, la campagna che Emma Bonino iniziò negli anni Novanta organizzando eventi, convegni e conferenze sul tema, è rimasto un’eco lontana. 
La legge 7 del 2006 prevede da 3 a 16 anni per chi pratica la circoncisione femminile ma le denunce si contano sulle dita di una mano e dei 5 milioni l’anno che proponeva di stanziare per indagini, campagne e corsi di formazione per docenti e mediatori si sono visti solo spiccioli; nel 2010 le firme raccolte in tutto il mondo dal movimento Non C'è Pace Senza Giustizia sono sbarcate all'Assemblea generale delle Nazioni Unite e il 20 dicembre 2012 è stata approvata la risoluzione sulla messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili. Il 5 febbraio 2013, Plan Italia e Nosotras hanno lanciato la petizione Stop alle Mutilazioni Genitali chiedendo ai governi di impegnarsi concretamente: il 1º giugno 2015 l’ha fatto, per primo, l’allora presidente nigeriano Goodluck Jonathan istituendo il reato di mutilazione genitale femminile. Massimo della pena 4 anni di carcere e una multa pari a 900 Euro. Il 6 febbraio è la Giornata Mondiale contro l'infibulazione e le mutilazioni genitali femminili, il dipartimento per le Pari opportunità ha assicurato che pubblicherà le iniziative finanziate finora. 

Continua

Attentato di Al Qaeda nella capitale del Burkina Faso - Intervista a Nicolò Figa Talamanca, Segretario di Non c'è pace senza Giustizia
Radio Radicale, 16 Jan 2016


 
 
 
 
 
 
 

Continua

South Africa needs more time on al-Bashir-ICC matter
By SABC, 14 Jan 2016


The South African government has made a submission for an extension to explain to the International Criminal Court (ICC) why it did not transfer Sudanese President Omar Al-Bashir to The Hague when he attended the European Union (EU) summit in Johannesburg in June 2015. The ICC has released the document submitted by the South African government, which is calling for a three months extension to explain why ICC indicted Omar Al-Bashir wasn't transferred to The Hague. The report dated 21 December 2015, but only being released publicly now says that this issue is not urgent and that rushing to provide the requested explanation could mean relevant facts are not obtained. No Peace Without Justice Spokesperson, Niccolo Figa-Talamanca, says: "In practical terms there is absolutely no urgency. Al Bashir is not in South Africa so there is no issue that needs to be resolved immediately however the political fall back of a continuing and prolonged back and forth in front of the court does not look good for the court, does not look good for South Africa." ICC judges will now decide whether to grant South Africa a 3 month extension.

Continua

Arabia Saudita: dibattito sulle recenti esecuzioni capitali
Radio Radicale, 04 Jan 2016


Sono intervenuti: Michele Lembo (giornalista di Radio Radicale), Sergio D'Elia (segretario dell'Associazione Radicale Nessuno Tocchi Caino, Radicali Italiani), Alberto Negri (inviato speciale de Il Sole 24 Ore), Emma Bonino (fondatrice di Non c'è Pace Senza Giustizia), Benedetto Della Vedova (sottosegretario di Stato al Ministero degli Affari Esteri, Misto), Umberto De Giovannangeli (giornalista de L'Unità), Silvia Colombo (responsabile di ricerca dell'Istituto Affari Internazionali), Furio Colombo (giornalista e scrittore), Giulio Meotti (giornalista de Il Foglio).

Continua

Esecuzioni capitali in Arabia Saudita - Emma Bonino ospite a Rai News 24
Rai News 24, 04 Jan 2016


 
 
 
 
 
 
 
 
 

Continua

FGM / Senegal: Interview of Khady Koita and Alvilda Jablonko
TFM - Télé Futurs Médias / Yeewu Leen (Sénégal), Parmi Nous avec Chiara, 16 Dec 2015


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Continua

Gambia: NPWJ And NRPTT Welcome The Proclamation Of A Ban On FGM By President Jammeh
Freedom Newspaper (Gambia), 24 Nov 2015


Statement by Alvilda Jablonko, Director for Gender and Human Rights, No Peace Without Justice: “No Peace Without Justice (NPWJ) and the Nonviolent Radical Party, Transnational and Transparty (NRPTT) welcome the public proclamation of a ban on female genital mutilation (FGM) by President Yahya Jammeh which demonstrates the political commitment at the highest level to tackle FGM and protect the rights of women and girls in the Gambia. This public proclamation echoes the voices of the numerous communities which over the past eight years have publicly demonstrated their willingness to end FGM. It also reinforces the legitimacy and impact of the advocacy and awareness efforts carried out by civil society groups such as GAMCOTRAP under the tireless leadership of its president, Isatou Touray, to bring an end to this human rights violation. We stand side by side with Gambian activists in urging all members of the National Assembly to take action following President Jammeh’s declaration and adopt specific legislation criminalising FGM before the end of this year. As called for by the United Nations General Assembly Resolution 69/150, ‘enacting and enforcing legislation to prohibit FGM and to protect women and girls from this form of violence, and to hold perpetrators to account’ are fundamental and crucial factors to successfully combat this form of gender-based violence, promote its elimination and protect its victims”.

Continua

Bangladesh opposition leaders to hang for war crimes
By Ruma Paul, Reuters, 18 Nov 2015


Bangladesh's Supreme Court on Wednesday rejected final appeals from two opposition leaders against death sentences for atrocities committed during the 1971 war of independence, rulings that are likely to spark protests by their supporters.
Muslim-majority Bangladesh has seen a rise in Islamist violence in recent months, with two foreigners and four secular writers and a publisher killed this year.
Ali Ahsan Mohammad Mujahid, 67, secretary general of the Jamaat-e-Islami party, was found guilty of five charges including torture and the murders of intellectuals and minority Hindus while he commanded Al Badr, an auxiliary force of the Pakistani army, during the war to break away from Pakistan.
Salahuddin Quader Chowdhury, 66, former legislator from former premier Khaleda Zia's Bangladesh Nationalist Party (BNP), was convicted in October 2013 on charges of genocide, religious persecution, abduction and torture during the war.
"The entire nation is happy with the verdicts," Attorney General Mahbubey Alam told reporters outside the packed court amid tight security.
The rulings mean the two could be hanged at any time unless they seek mercy from the president.
Mujahid, social welfare minister from 2001 to 2006 under Khaleda, would be the first former minister and the third to be hanged while Chowdhury would be the first BNP leader to go to the gallows unless they are granted clemency.
"It is up to them whether they want to seek mercy or not," defense counsel Khandaker Mahbub Hossain told reporters.
Just a few hours before the rulings, an Italian priest and doctor was wounded in the latest attack on foreigners in Bangladesh. Islamic State militants have claimed responsibility for earlier attacks on foreigners.
The government, however, rejected Islamic State's claim and blamed the growing violence in Bangladesh on its domestic political opponents linked to Islamist parties.
Prime Minister Sheikh Hasina opened an inquiry in 2010 into abuses committed during the war that Islamists and Khaleda's party have denounced as part of a politically motivated campaign to weaken the opposition.
Two Jamaat leaders have been executed, one in December 2013 and another in April. They declined to seek clemency from the president.
Extra security forces have been deployed in Dhaka and other parts of the country as similar judgments in the past triggered violence that left around 200 dead, mainly Jamaat activists and police.
Jamaat called a nationwide strike on Thursday in protest.
Hundreds of people came out on Dhaka's streets to cheer the verdicts while there have been no reports of violence so far.
The government ordered the blocking of Facebook and online messaging and calling services WhatsApp and Viber for security reasons, a telecom regulatory official said.
U.S. lawmakers and international human rights groups say the tribunal's procedures fall short of international standards.
The Tom Lantos Human Rights Commission, set up by the U.S. Congress, has expressed "serious concerns" over the death penalties.
Defense counsel for Mujahid were intimidated and arrested, the commission said this week citing reports, while premier Hasina's reported call to "try the war criminals quickly" raised concerns over whether due process had been observed.
No Peace Without Justice, a non-profit organization based in Italy, has called the tribunal's proceedings "a weapon of politically influenced revenge whose real aim is to target the political opposition".
The government denies the accusations.
East Pakistan broke away to become independent Bangladesh after the war between India and Pakistan. About three million people were killed.

Continua

Emma Bonino: “Occidente viola diritti che lui stesso aveva stabilito”
TAG 24, 03 Nov 2015


Emma Bonino, ex Ministro degli esteri, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).
Bonino, che di recente è stata premiata a New York con il Fred Cuny Award for the Prevention of Deadly Conflict dell’International Crisis Group, ha affrontato il tema dei rifugiati. “Si sta perdendo il senso del diritto –ha affermato Bonino-. Rifugiati o repressi da guerra sono tutelati da convenzioni internazionali che abbiamo tutti sottoscritto, sono le convenzioni degli anni ’50 post Seconda guerra mondiale. Di queste convenzioni oggi poco è rimasto. Fred Cuny è stato l’eroe di Sarajevo che poi sparì nella guerra cecena. Quei tempi sembrano lontani. Oggi chi viola queste convenzioni è spesso il Mondo occidentale che le aveva promosse. Per non parlare dei massacri in loco. Oggi l’attenzione è richiamata sulla Siria, ma i profughi e soprattutto i rifugiati vengono da zone come Afghanistan, Iraq, Eritrea, Somalia, Nigeria, Ciad, ecc… Noi questo fenomeno dell’ immigrazione l’abbiamo chiamato invasione, crisi e in tanti altri modi. Ma se andiamo a guardare le cifre è impressionante che il più ricco continente al mondo come l’Europa abbia difficoltà anche solo a pensare di integrare o comunque proteggere un milione di persone. Quello a cui stiamo assistendo è tristissimo e preoccupante perché è una violazione di diritti e di un mondo che si sta chiudendo a riccio, l’Europa in particolare. E’ una crisi di valori che attanaglia l’antico mondo occidentale e proprio per questo la trovo particolarmente inaccettabile. L’Europa ragiona sulle quote, ma non ha capito che si tratta di un fenomeno strutturale destinato a stare con noi per anni e la storia ci ha insegnato che quando si lascia il proprio Paese per la guerra, chi può cerca di rifarsi una vita da un’altra parte”.
Emma Bonino ha fondato l’Ong No Peace Without Justice, con l’obiettivo di favorire un sistema efficace di giustizia penale internazionale. “Ogni azione militare ha errori e vittime collaterali –ha spiegato Bonino-. Proprio per questo la Comunità internazionale aveva deciso che le operazioni militari contro un altro Paese devono essere regolate dal Consiglio di sicurezza Onu. Oggi però abbiamo interventi militari non garantiti dal Consiglio di Sicurezza, ma ordinati da Paesi come la Siria che chiede interventi militari alla Russia contro l’Isis. In questo caso il rischio di fare vittime tra i civili aumentano. A volte le vittime civili diventano il vero obiettivo delle guerre, come fu per la guerra dei Balcani, in cui Milosevic voleva sterminare la popolazione kosovara.  A livello internazionale c’è un’evidente assenza di azione collettiva, per il semplice motivo che gli interessi delle potenze internazionali e locali sono divergenti, per non dire contrastanti. Un esempio di questa situazione è la Siria”.
“E’ importante che l’Europa diventi federale –ha affermato Bonino-. Nel mondo globalizzato, se vogliamo avere una parola che conta da dire ai tavoli importanti dei negoziati, è chiaro che se si siede al tavolo un’Europa politica con una linea politica sola ha più peso ed è più ascoltata. Se si siedono al tavolo una serie di Paesi europei con politiche contrastanti il peso viene meno”.

Continua

Emma Bonino premiata da George Soros
Imola Oggi, 28 Oct 2015


Un riconoscimento internazionale per l’ex ministro degli esteri Emma Bonino, insignita del ‘Fred Cuny Award for the Prevention of Deadly conflict’ dell’International Crisis Group. Bonino e’ una dei sette leader premiati dall’organizzazione in occasione della cena di gala annuale a New York, che quest’anno segna il ventesimo anniversario dell’impegno di Crisis Group nella prevenzione e risoluzione dei conflitti nel mondo. (il cui fallimento è sotto gli occhi di tutti dal momento che quasi ogni angolo del pianeta è devastato da conflitti).
Il riconoscimento è stato consegnato dal sicario economico George Soros, membro onorario di Crisis Group
La Bonino è attualmente preoccupata per la “crisi interna europea, una crisi di valori che sta solo a noi risolvere” e dimostrata dall’avanzata di posizioni “a difesa della cristianità contro l’invasione musulmana” dalla Polonia alla Francia.
Bonino  ha fondato l’Ong No Peace Without Justice, ed é stata tra i principali fautori della creazione di una corte speciale per processare i crimini commessi nella ex-Jugoslavia. Inoltre, é una pioniera nella promozione dei diritti delle donne.

Continua

Premio internazionale a Emma Bonino. Insignita a New York insieme ad altri sette leader
ANSA, 26 Oct 2015


Un importante riconoscimento per l'ex ministro degli esteri Emma Bonino, insignita del 'Fred Cuny Award for the Prevention of Deadly conflict' dell'International Crisis Group. Bonino e' una dei sette leader premiati dall'organizzazione in occasione della cena di gala annuale a New York, che quest'anno segna il ventesimo anniversario dell'impegno di Crisis Group nella prevenzione e risoluzione dei conflitti nel mondo.
Il riconoscimento verrá consegnato dal filantropo George Soros, membro onorario di Crisis Group.
Bonino é stata un'instancabile sostenitrice degli interventi umanitari e politici nei contesti di crisi. In qualitá di Commissario europeo per gli aiuti umanitari durante gli anni '90 ha combattuto per attirare l'attenzione internazionale sulle crisi nella regione dei Grandi Laghi in Africa e nei Balcani.
Piú tardi, ha fondato l'Ong No Peace Without Justice, ed é stata tra i principali fautori della creazione di una corte speciale per processare i crimini commessi nella ex-Jugoslavia. Inoltre, é una pioniera nella promozione dei diritti delle donne.
Tra i premiati di quest'anno c'e' anche il fondatore di Virgin e filantropo Richard Branson, l'ex ministro degli esteri australiano Gareth Evans, e l'ex Alto Commissario per i rifugiati dell'Onu, Sadako Ogata.

Continua

Hajj Hassan lors d'une conférence sur l'autonomisation des femmes à Milan: encourager la femme pour qu'elle contribue à la lutte contre le chômage
ANI (Liban), 15 Oct 2015


Promouvoir l'autonomisation des femmes pour favoriser un développement industriel inclusif et durable en région MENA: c'est le titre de la conférence internationale organisée par l'Organisation des Nations Unies pour le développement industriel (ONUDI), en coopération avec le ministère italien des Affaires étrangères, l'association No Peace Without Justice (NPWJ) et d'autres partenaires, dans le cadre du Milan Expo 2015.
Le ministre libanais de l'Industrie, Hussein Hajj Hassan, a participé à cette conférence qui évoque les défis auxquels les femmes de la région du MENA sont confrontées pour créer et développer leur entreprise et leurs réseaux.
Financé par le Gouvernement italien, ce projet vise à consolider le rôle des femmes dans l'économie de six pays, à travers leurs ministères de l'Industrie respectifs et via l'assistance technique qui sera offerte à six associations féminines nationales des pays concernés : AWTAD en Egypte, BPW-A en Jordanie, Al Majmoua au Liban, AFEM au Maroc, BWF en Palestine et Femmes & Leadership en Tunisie. Il soutiendra notamment la création et le développement d'entreprises dirigées par des femmes, en améliorant l'environnement des affaires pour la femme entrepreneur et en renforçant les capacités des associations féminines dans la prestation de services de qualité à l'échelle nationale et régionale.
Dans son mot, le ministre Hajj Hassan a insisté sur la nécessité de renforcer la femme arabe en général et libanaise en particulier - notamment dans le domaine de l'économie - et de l'encourager à réaliser ses propres projets, pour qu'elle puisse contribuer à la lutte contre la pauvreté, l'analphabétisme et le chômage.
"De cette façon, la femme pourrait contribuer à la croissance et au développement durable, mais aussi aux changements politiques dans le monde arabe (...)", a-t-il expliqué.
"Ceci nécessite une révision des politiques gouvernementales, de celles du secteur privé et de la société civile", a-t-il ajouté.
En outre, M. Hajj Hassan a indiqué que la situation de la femme ne pouvait être améliorée à l'écart de l'économie, "d'où la nécessité de s'entendre sur l'importance de la justice et de l'équité dans les politiques économiques internationales, régionales et locales pour un véritable développement de la réalité de la femme".
Abordant enfin la situation de la femme au Liban, le ministre a assuré que la Constitution libanaise consacrait les droits de la femme et l'égalité des sexes. "L'expérience libanaise nécessite d'être développée, bien qu'elle soit une réussite", a-t-il conclu.
Par ailleurs, et en marge de la conférence, M. Hajj Hassan s'est entretenu avec plusieurs responsables italiens des projets de coopération avec le Liban.

Continua

Nord del Mediterraneo: l’imprenditoria femminile chiave per lo sviluppo e la crescita
Tribuna Economica, 15 Oct 2015


 
Si sono aperti ieri, presso l’Expo 2015 di Milano i lavori della Conferenza internazionale "Promoting Women Empowerment for Inclusive and Sustainable Industrial Development in the MENA Region", sulla necessità di promuovere, sostenere e accrescere il ruolo dell’imprenditorialità femminile nella Regione del Nord Africa e Medio Oriente,
nonché sulle opportunità di collaborazione tra Italia e Mediterraneo e su progetti concreti per lo sviluppo industriale e l'empowerment delle donne imprenditrici. La Conferenza è organizzata da UNIDO – United Nations Industrial Develpoment Organization, Ministero Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Sociale, le Associazioni No Peace Without Justice e Woman for Expo - in collaborazione con Promos, Azienda Speciale per le Attività Internazionali della Camera di commercio di Milano - insieme alle associazioni della Regione MENA AWTAD Association for Women’s Total Advancement and Development (Egitto), BPW-A Business & Professional Women Amman (Giordania), Al Majmoua (Libano), AFEM Association des Femmes Chefs d’Enterprises du Maroc (Marocco), BWF Business Women Forum (Palestina) e Femme set Leadership (Tunisia).
“In una economia globale la figura della donna imprenditrice ha l’opportunità di essere maggiormente valorizzata - ha dichiarato Elena Vasco, Segretario Generale della Camera di commercio di Milano -. In questo contesto diventa sempre più rilevante il dialogo con le aree del Medio Oriente e Nord Africa per consolidare e sviluppare relazioni economiche e culturali. La Camera di commercio di Milano, attraverso Promos, da tempo favorisce la collaborazione industriale e commerciale con queste aree per rafforzare il ruolo strategico di Milano come ponte tra Nord Europa e Mediterraneo dove l’imprenditoria femminile può e deve essere protagonista”.
L’area dei paesi del Nord Africa e Medio Oriente (MENA) detiene un tasso di disoccupazione femminile che raggiunge il 40%, il più alto di ogni altra Regione nel mondo. Allo stesso tempo, l’area possiede la più bassa percentuale di donne imprenditrici (il 12-15% rispetto al 31-38% dei Paesi emergenti).
In questo scenario, rimuovere urgentemente le cause che creano uno stallo all’emancipazione professionale femminile nei paesi del Nord Africa e Medio Oriente, rappresenta un punto focale dello sviluppo sia della condizione della donna che dell’intero sistema economico di questi paesi. Molti studi confermano infatti, che l’incremento della presenza di donne a livelli più elevati nel sistema economico ha diretto e positivo impatto sulla crescita percentuale del PIL.
Alla conferenza odierna partecipano, tra gli altri: Emma Bonino, fondatrice dell'organizzazione internazionale Non C'è Pace Senza Giustizia, il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Sociale Paolo Gentiloni,  Mohamed-Lamine Dhaoui, Direttore Business, Investment and Technology Service di Unido, Paola Ravacchioli, European Investment Bank, Delphine Borione, Segretario Generale Deputato di Social and Civil Affairs, Marta Dassù, Presidente Esecutiva di Women for Expo, ministri e rappresentanti dei governi dei Paesi Mena, oltre ad un'ampia rappresentanza delle Associazioni internazionali attive sul tema, imprenditrici in rappresentanza dei paesi coinvolti.
 

Continua

Pretoria still liable in case of Sudanese President even if it withdraws from ICC
By Jack Parrock, Nam News Network - SABC, 14 Oct 2015


THE HAGUE, Oct 14 (NNN-SABC) -- The International Criminal Court (ICC) says South Africa will still be held accountable for not handing over Sudanese President Omar Al-Bashir even if it decides to withdraw from the court.
This comes after Deputy Minister in the Presidency Obed Bapela said the ruling African National Congress party was making preparations for South Africa to leave the ICC.
Senior ANC officials at a party congress over the weekend said the ICC had lost direction, that it was trampling over human rights for selfish interests, and that South Africa was working out ways to remove its signature from the court's founding document, the Rome Statute.
South Africa is locking horns with the ICC over a situation in which ICC-indicted Sudanese President Omar al-Bashir was not arrested when he visited South Africa to attend an African Union (AU) summit in Johannesburg in June.
ICC Spokesperson Fadi Al-Abdullah said here Tuesday: “If a State deposits a notice that they are withdrawing from the ICC Rome Statute, this withdrawal does not take effect until one year, at least, after this deposit.
"But even after the withdrawal becomes effective, still that does not effect any obligation that have been present before this date. So again, a withdrawal cannot effect past obligations or on-going proceedings."
The court has long been accused of holding a bias against Africa. Everyone who's ever stood in its docks has been African.
Alison Smith, the Legal Counsel and Director of the International Criminal Justice Programme for Italian non-profit organization (NGO) No Peace Without Justice said: “Many African States are full fervent supporters of the International Criminal Court.
"As they often say, Senegal was the first country that ratified the Rome Statute. It's really been a push also from the African countries to have a good ICC in place. So, I don't see a mass withdrawal simply because South Africa decides to withdraw.”
Tensions are now only likely to flare further after the ANC said President Al-Bashir can return to South Africa to attend an Africa-China Co-operation Summit in December.
The Assembly of ICC States parties is meeting at its highest level in The Hague in November. South Africa, potentially becoming the first country to remove itself from the court, is likely to make it a defining conference for the future of the ICC.

Continua

Expo: Bonino e Unido, imprenditoria femminile è la chiave
(ANSA) - MILANO, 14 Oct 2015


Si sono aperti oggi, a Expo, i lavori della Conferenza internazionale 'Promotion women empowerment for inclusive and sustainable industrial development in the MENA Region', tre giorni di confronti tra istituzioni, associazioni e imprenditrici (14-16 ottobre), su come promuovere e sostenere il ruolo dell'imprenditorialità femminile nella Regione del Nord Africa e Medio Oriente, e sulle opportunità di collaborazione tra Italia e Mediterraneo. Alla conferenza, organizzata da UNIDO (United Nations Industriale Development Organization), Ministero italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Sociale, e le associazioni No Peace Without Justice e Women for Expo, hanno partecipato, fra gli altri, l'ex ministro Emma Bonino, la segretario della Camera di Commercio di Milano, Elena Vasco, e il direttore Generale della Cooperazione allo Sviluppo al Ministero degli Esteri, Giampaolo Cantini.
L'area dei Paesi MENA ha un tasso di disoccupazione femminile che raggiunge il 40%, il più alto di ogni altra Regione del mondo. Allo stesso tempo, l'area possiede la più bassa percentuale di donne imprenditrici (il 12-15% rispetto al 31-38% dei Paesi emergenti). E' fondamentale, quindi, rimuovere le cause che creano uno stallo all'emancipazione professionale femminile nei Paesi del MENA, anche considerando che, secondo molti studi, l'incremento della presenza di donne a livelli più elevati nel sistema economico ha un impatto positivo sulla crescita percentuale del Pil. "Le donne in tutto il mondo hanno difficoltà a fare rete - ha sottolineato Emma Bonino -. E invece è una cosa che dobbiamo imparare, per utilizzare strumenti che siano efficaci. In questo senso, le donne italiane possono portare il loro contributo, grazie al nostro patrimonio di piccole e medie imprese".
Giovedì 15 ottobre la Conferenza proseguirà a Milano, al Grattacielo Pirelli, con incontri B2B tra aziende italiane e del Mediterraneo. Venerdì 16 una delegazione di imprenditrici visiterà tre centri d'eccellenza italiani: il Parco Tecnologico Padano di Lodi, l'Associazione Orafa di Milano e Distretto Tessile di Como.

Continua

Expo, Emma Bonino: «Le donne devono imparare a fare rete»
Corriere (Milano), 14 Oct 2015


Si sono aperti nella mattina di mercoledì 14 ottobre a Expo i lavori della Conferenza internazionale «Promoting Women Empowerment for Inclusive and Sustainable Industrial Development in the MENA Region». La tre giorni di confronti tra istituzioni, associazioni e imprenditrici ha messo in luce la necessità di promuovere, sostenere e accrescere il ruolo dell’imprenditorialità femminile nella Regione del Nord Africa e Medio Oriente (nelle economie di sei Paesi: Egitto, Giordania, Libano, Marocco, Palestina e Tunisia), nonché l’opportunità di collaborazione tra Italia e Mediterraneo su progetti concreti per lo sviluppo industriale e l’empowerment delle donne imprenditrici. L’area dei Paesi del Nord Africa e Medio Oriente (MENA) detiene un tasso di disoccupazione femminile che raggiunge il 40 per cento, il più alto di ogni altra Regione nel mondo. Allo stesso tempo, l’area possiede la più bassa percentuale di donne imprenditrici (il 12-15 per cento rispetto al 31-38 per cento dei Paesi emergenti). In questo scenario, rimuovere urgentemente le cause che creano uno stallo all’emancipazione professionale femminile nei paesi del Nord Africa e Medio Oriente, rappresenta un punto focale dello sviluppo sia della condizione della donna che dell’intero sistema economico di questi paesi. Molti studi confermano infatti, che l’incremento della presenza di donne a livelli più elevati nel sistema economico ha diretto e positivo impatto sulla crescita percentuale del PIL. «Le donne in tutto il mondo hanno difficoltà a fare rete — ha sottolineato Emma Bonino —. E invece è una cosa che dobbiamo imparare, per utilizzare strumenti che siano efficaci. In questo senso, le donne italiane possono portare il loro contributo, grazie al nostro patrimonio di piccole e medie imprese». 14 ottobre 2015 | 15:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA ] Si sono aperti nella mattina di mercoledì 14 ottobre a Expo i lavori della Conferenza internazionale «Promoting Women Empowerment for Inclusive and Sustainable Industrial Development in the MENA Region». La tre giorni di confronti tra istituzioni, associazioni e imprenditrici ha messo in luce la necessità di promuovere, sostenere e accrescere il ruolo dell’imprenditorialità femminile nella Regione del Nord Africa e Medio Oriente (nelle economie di sei Paesi: Egitto, Giordania, Libano, Marocco, Palestina e Tunisia), nonché l’opportunità di collaborazione tra Italia e Mediterraneo su progetti concreti per lo sviluppo industriale e l’empowerment delle donne imprenditrici. L’area dei Paesi del Nord Africa e Medio Oriente (MENA) detiene un tasso di disoccupazione femminile che raggiunge il 40 per cento, il più alto di ogni altra Regione nel mondo. Allo stesso tempo, l’area possiede la più bassa percentuale di donne imprenditrici (il 12-15 per cento rispetto al 31-38 per cento dei Paesi emergenti).
In questo scenario, rimuovere urgentemente le cause che creano uno stallo all’emancipazione professionale femminile nei paesi del Nord Africa e Medio Oriente, rappresenta un punto focale dello sviluppo sia della condizione della donna che dell’intero sistema economico di questi paesi. Molti studi confermano infatti, che l’incremento della presenza di donne a livelli più elevati nel sistema economico ha diretto e positivo impatto sulla crescita percentuale del PIL. «Le donne in tutto il mondo hanno difficoltà a fare rete — ha sottolineato Emma Bonino —. E invece è una cosa che dobbiamo imparare, per utilizzare strumenti che siano efficaci. In questo senso, le donne italiane possono portare il loro contributo, grazie al nostro patrimonio di piccole e medie imprese».

Continua

Forum internazionale, donne imprenditrici fattore sviluppo
AGI - Rho (Milano), 14 Oct 2015


Promuovere, sostenere e accrescere il ruolo dell'imprenditorialita' femminile nella Regione del Nord Africa e Medio Oriente. Con questo obiettivo si sono aperti questa mattina a Expo Milano 2015 i lavori della conferenza internazionale 'Promoting women empowerment for inclusive and sustainable industrial development in the Mena region'. La conferenza organizzata da Unido, ministero degli Affari esteri, le associazioni No Peace Without Justice e Woman for Expo, in collaborazione con Promos, mette l'accento sulle opportunita' di collaborazione tra Italia e Mediterraneo e su progetti concreti per lo sviluppo industriale e l'empowerment delle donne imprenditrici. "In un'economia globale la figura della donna imprenditrice ha l'opportunita' di essere maggiormente valorizzata - ha detto il segretario generale della Camera di Commercio di Milano, Elena Vasco -,. In questo contesto diventa sempre piu' rilevante il dialogo con le aree del Medio Oriente e del Nord Africa per consolidare e sviluppare relazioni economiche e culturali". L'area dei Paesi del Nord Africa e Medio Oriente (MENA) detiene un tasso di disoccupazione femminile che raggiunge il 40%, il piu' alto di ogni altra regione al mondo. Allo stesso tempo, l'area possiede la piu' bassa percentuale di donne imprenditrici (il 12-15% rispetto al 31-38% dei paesi emergenti). La conferenza ha mezzo in luce come in questo scenario l'urgenza di rimuovere le cause che creano uno stallo all'emancipazione professionale femminile nei Paesi del Nord Africa e Medio Oriente rappresenti un punto focale dello sviluppo sia della condizione della donna che dell'intero sistema economico di quei Paesi.

Continua

MENA female entrepreneurship conference opens at Expo
Gazzetta del Sud, 14 Oct 2015


'Women all over need to learn how to build networks' - Bonino
A conference on empowering women for inclusive and sustainable industrial development in the Middle East and North Africa opened at Expo on Wednesday under the auspices of the United Nations Industrial Development Organization (UNIDO), Italian foreign ministry and sector organisations. The three-day event explores how to promote and sustain female entrepreneurship in the MENA region and partnership opportunities between Italy and other countries in the area. Female unemployment in MENA countries reaches 40%, higher than any other region in the world. At the same time the region has the lowest percentage of women entrepreneurs: 12-15% compared to 31-38% in emerging countries. "Women across the globe have difficulty building networks," ex-foreign minister and Radical Party founder Emma Bonino said. "Instead it's something we need to learn how to do, in order to use tools that are effective. In this respect Italian women can make their contribution thanks to our patrimony of small and medium-sized businesses," she said.

Continua

SA’s ICC withdrawal won’t erase Omar al-Bashir saga
By Jack Parrock, SABC, 13 Oct 2015

The International Criminal Court says South Africa will still be held accountable for not handing over Sudanese president Omar Al-Bashir even if it decides to remove its signature from the court.
It comes after Deputy Minister in the Presidency, Obed Bapela said the African National Congress party was making preparations to leave.
Senior ANC officials now say the International Criminal Court has lost its direction, that it is trampling over human rights for selfish interests, and that South Africa is working out how to remove its signature from the court's founding document, the Rome Statute.
South Africa is locking horns with the court over a situation in which ICC-indicted Sudanese Omar al-Bashir was not arrested when he visited an AU summit in Johannesburg in June.
ICC Spokesperson Fadi Al-Abdullah says, “If a state deposits a notice that they are withdrawing from the ICC Rome Statute, this withdrawal does not take effect until one year, at least, after this deposit. But even after the withdrawal becomes effective, still that does not effect any obligations that have been present before this date. So again, a withdrawal cannot effect past obligations or on-going proceedings."
The court has long been accused of holding a bias against Africa. Everyone who's ever stood in its docks has been African.
No Peace Without Justice’s Alison Smith, says, “Many African states are full fervent supporters of the International Criminal Court. As they often say, Senegal was the first country that ratified the Rome Statute. It's really been a push also from the African countries to have a good ICC in place. So, I don't see a mass withdrawal simply because South Africa decides to withdraw.”
Tensions are now only likely to be flared further after the ANC has said President Al-Bashir can return to South Africa to attend an Africa-China cooperation Summit in December.
The Assembly of ICC states parties is meeting at its highest level in The Hague in November. South Africa potentially becoming the first country to remove itself from the court is likely to make it a defining conference for the future of the court.

Continua

Skopje: Successful Participation in Meeting on Monitoring Human Rights Violations on Migrants
Budapest Centre for Genocide Prevention, 17 Sep 2015


From September 14th to 17th, Tommaso Trillò, Junior Research of the Budapest Centre, has been part of the organizing staff of a training on monitoring and evaluating Human Rights violations against migrants held in Skopje, Macedonia, by Open Society Fundation Macedona in cooperation with the organization No Peace Without Justice.
Aside offering logistical support to the organizing team, Trillò contributed with insights on gender, migration, and mass atrocities along the lines of his recent working paper  Gender identity, gender based violence, and the Responsibility to Protect.
The training was specifically aimed at activists and practitioners in working to uphold the human rights of migrants facing hardship along the so-called Balkan route towards Northern Europe.
The Budapest Centre welcomes initiatives such as the training in Skopje as invaluable opportunities to strengthen the network of practitioners working in the broad field of human rights across Europe and beyond. Participation in this initiative is meant as a first step towards deeper involvement of the Centre in the field of mass atrocities and migration.

Continua

ICC: There is no diplomatic immunity in the case of Bashir
Jack Parrock, SABC News, 08 Sep 2015


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Continua

A new chance for Cyprus
By Martti Ahtisaari, Emma Bonino, Albert Rohan, and Nathalie Tocci, New Vision, 26 Aug 2015


The Greek crisis may seem unending, but there are hints that a problem festering in Europe for far longer – the division of Cyprus – may be moving toward resolution.
For the first time since 2004, there is a fragile alignment of the political stars over the eastern Mediterranean. As the Middle East continues to unravel and European unity grows increasingly fragile, the opportunity to put an end to the conflict in Cyprus is one that Europe cannot afford to ignore.
There has been little reason for optimism during the decade that has passed since the last serious attempt to overcome the island’s division. The proposal in 2004 by then-UN Secretary-General Kofi Annan would have united the island by creating a federation of two states. But while Turkish Cypriots embraced the so-called Annan Plan, Greek Cypriots rejected it in a referendum one week before the Republic of Cyprus entered the European Union.
Since then, repeated attempts at relaunching the peace process have ended in failure. Incentives for resolving the conflict rarely emerged, and invariably on only one side or the other, but not both. And, while hope for a solution was dim, the risk of escalation remained low; thus, as security concerns flared up elsewhere, the 40-year-old conflict largely disappeared from the international agenda.
(...)
Martti Ahtisaari is former President of Finland and a Nobel Peace Prize laureate. Emma Bonino is former Italian Minister of Foreign Affairs and the founder of the international NGO No Peace Without Justice. Albert Rohan is former Secretary-General of Austria’s foreign ministry. Nathalie Tocci is Deputy Director of the Institute for International Affairs and Special Adviser to the High Representative of the EU for Foreign Affairs and Security Policy.

Continua

Les juges doivent rouvrir l’affaire Kenyatta
CNTV, 20 Aug 2015


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Continua

Lettera appello dei politici italiani: "Inaccettabili le torture ai Gheddafi"
Il Corriere / TGcom24, 07 Aug 2015

La missiva inviata al Corriere della Sera è firmata da Emma Bonino, Pier Ferdinando Casini, Fabrizio Cicchitto, Massimo D'Alema, Antonio Martino e Giorgio Tonini
"I due figli di Gheddafi sono sottoposti a torture inaccettabili e degradanti". Lo denunciano in una lettera-appello pubblicata sul Corriere della Sera, diversi politici italiani tra i quali Emma Bonino, Pier Ferdinando Casini e Massimo D'Alema. "La Libia - si rimarca - non sarebbe un Paese migliore con l'eliminazione dei due figli del suo ex dittatore".
Emma Bonino, ex ministro degli Affari esteri, Pier Ferdinando Casini, presidente della commissione Affari esteri del Senato, Fabrizio Cicchitto, presidente della commissione Affari esteri della Camera, Massimo D'Alema, ex presidente del Consiglio dei ministri, Antonio Martino, ex ministro degli Affari esteri, Giorgio Tonini, vicepresidente senatori Pd, sono i firmatari della lettera-denuncia.
"Da tempo - scrivono - il Tribunale penale internazionale chiede la consegna di Saif al Islam e il trasferimento del processo all'Aia. La comunità internazionale deve sostenere questa richiesta con più forza e più decisione, con tutti gli strumenti di pressione di cui dispone. E lo stesso potrebbe essere fatto per il fratello Saadi".
"La Libia - si rimarca - non sarebbe un Paese migliore con l'eliminazione dei due figli del suo ex dittatore. La sorte dei due Gheddafi non può rappresentare una nuova macchia nera su un Paese devastato. Qui non si tratta di tirannicidio, forse neanche più di vendetta. Un processo equo è un'occasione per fare davvero i conti col proprio passato. Un'occasione che la Libia non può permettersi di perdere. Come non possiamo permettercelo noi, che in quel pantano siamo immersi fino al collo".
"Del resto l'Italia - viene ricordato -, a livello governativo e grazie all'impegno di "Nessuno tocchi Caino", "Non c'è Pace Senza Giustizia" e della Comunità di Sant'Egidio, è stata continuativamente alla testa delle battaglie in sede Onu per la moratoria sulla pena di morte e per l'istituzione della Corte penale internazionale". "La Libia - concludono i firmatari - deve aprire una fase nuova del dopo Gheddafi. Bisogna partire da un po' di giustizia, non da fucilazioni e torture".

Continua

Libia, Appello bipartisan dall’Italia: “Torture inaccettabili per figli Gheddafi”
Termometro Politico, 07 Aug 2015


“I due figli di Gheddafi sono sottoposti a torture inaccettabili e degradanti“. Questo il contenuto dell’appello pubblicato sul Corriere della Sera a firma di Emma Bonino, ex ministro degli Affari esteri, Pier Ferdinando Casini, presidente della commissione Affari esteri del Senato, Fabrizio Cicchitto, presidente della commissione Affari esteri della Camera, Massimo D’Alema, ex presidente del Consiglio dei ministri, Antonio Martino, ex ministro degli Affari esteri, Giorgio Tonini, vicepresidente senatori Pd.
 “La Libia apra una fase nuova del dopo Gheddafi”
“Da tempo il Tribunale penale internazionale chiede la consegna di Saif al Islam e il trasferimento del processo all’Aia. La comunità internazionale deve sostenere questa richiesta con più forza e più decisione, con tutti gli strumenti di pressione di cui dispone. E lo stesso potrebbe essere fatto per il fratello Saadi”. “La Libia non sarebbe un Paese migliore con l’eliminazione dei due figli del suo ex dittatore. La sorte dei due Gheddafi non può rappresentare una nuova macchia nera su un Paese devastato. Qui non si tratta di tirannicidio, forse neanche più di vendetta. Un processo equo è un’occasione per fare davvero i conti col proprio passato. Un’occasione che la Libia non può permettersi di perdere. Come non possiamo permettercelo noi, che in quel pantano siamo immersi fino al collo”.
Del resto l’Italia a livello governativo e grazie all’impegno di ‘Nessuno tocchi Caino’, ‘Non c’è Pace Senza Giustizia’ e della Comunità di Sant’Egidio, è stata continuativamente alla testa delle battaglie in sede Onu per la moratoria sulla pena di morte e per l’istituzione della Corte penale internazionale”. “La Libia deve aprire una fase nuova del dopo Gheddafi. Bisogna partire da un po’ di giustizia, non da fucilazioni e torture”.

Continua

Sull’Universalità dei Diritti Umani
i Ilaria Nespoli, L'Opinione, 03 Aug 2015


La Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo (Lidu) ha partecipato alla seconda conferenza internazionale dal titolo “L’Universalità dei Diritti Umani per la transizione verso lo stato di diritto e l’affermazione del diritto alla conoscenza”, tenutasi il 27 luglio scorso a Roma, presso il Senato della Repubblica.
Organizzata dal Partito Radicale insieme a “Non c’è pace Senza Giustizia” e “Nessuno tocchi Caino”, con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiana, la conferenza ha avuto come obiettivo quello di essere un punto di partenza per l’affermazione del diritto umano alla conoscenza in sede delle Nazioni Unite, promuovendo la transizione verso lo stato di diritto sia in Europa sia nel mondo arabo-musulmano. A tal proposito, concordiamo con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel ritenere assolutamente meritoria l’iniziativa promossa dal Partito Radicale e dagli altri organizzatori: come affermato dal nostro capo dello Stato nel messaggio augurale inviato al coordinatore del progetto, Matteo Angioli, la conoscenza ed il relativo diritto rappresentano un tema emergente nella nostra epoca, che merita attenzione a livello dello stesso sistema delle Nazioni Unite; soprattutto in un’epoca in cui l’informazione è sempre più veloce e in apparenza senza confiniLa conferenza è stata articolata in tre parti principali, le quali hanno affrontato rispettivamente: l’universalità dei diritti umani minacciata da tendenze antidemocratiche, populiste e nazionaliste; la promozione di una transizione verso lo stato di diritto democratico, federalista e laico; la campagna globale per l’affermazione e il riconoscimento del diritto alla conoscenza.

Continua

L’universalità dei diritti umani: per fortuna ci sono i Radicali
Valter Vecellio, Cronache del Garantista, 27 Jul 2015

“Universalita’ dei Diritti Umani per la transizione verso lo Stato di Diritto e l’affermazione del Diritto alla Conoscenza”. E’ un obiettivo ambizioso quello che si pone la seconda Conferenza Internazionale che, con il Patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, il Partito Radicale assieme a Nessuno Tocchi Caino e Non c’è Pace Senza Giustizia convocano il 27 luglio a Roma nell’aula della commissione Difesa del Senato. Obiettivo ambizioso, ma non velleitario: tra i relatori il Ministro agli Affari esteri Paolo Gentiloni; il Sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, il Ministro della Giustizia del Niger Marou Amadou, la Segretaria di Stato presso il Ministero delle Finanze della Tunisia Boutheina Ben Yaghlane Ben Slimane, l’ex Primo Ministro algerino Sid Ahmed Ghozali, l’ex Ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata, la parlamentare islandese Birgitta Jónsdóttir, il prof. Jianli Yang, il Senatore francese André Gattolin, la Segretaria di Radicali Italiani Rita Bernardini, il Presidente dell’ALDE Party Sir Graham Watson, Furio Colombo, Aldo Masullo, Marco Pannella e altri ancora.
L’evento segue la Conferenza di Bruxelles “Ragion di Stato contro Stato di Diritto” del febbraio 2014 e le successive presentazioni a Ginevra, Londra, Parigi, Roma e Napoli. L’obiettivo è quello di proseguire l’iniziativa intrapresa un anno e mezzo fa approfondendo il percorso per l’affermazione del diritto alla conoscenza in sede ONU e promuovendo la comune transizione verso lo Stato di Diritto del mondo europeo e del mondo a maggioranza arabo-musulmana. La Conferenza, nell’ambito del diritto alla conoscenza tocchera’ ( anche se la questione, data la sua complessita’ e importanza meriterebbe una specifica riflessione e momento di confronto), tra le varie tematiche, il tema del segreto di stato.

Continua

Opinion: European Federalism and Missed Opportunities
By Emma Bonino, Inter Press Service (IPS), 24 Jul 2015

In this column Emma Bonino, a leading member of the Radical Party, former European Commissioner and a former Italian foreign minister, argues that serious problems affecting Europe, like the Greek crisis and waves of migration, could have been addressed more quickly and efficiently if the European Union had embraced federalism.
“A serious political and social crisis will sweep through the euro countries if they do not decide to strengthen the integration of their economies. The euro zone crisis did not begin with the Greek crisis, but was manifested much earlier, when a monetary union was created without economic and fiscal union in the context of a financial sector drugged on debt and speculation.”
These words, which are completely relevant today, were written by a group of federalists, including Romano Prodi, Giuliano Amato, Jacques Attali, Daniel Cohn-Bendit and this author, in May 2012.
Those with a federalist vision are not surprised that the crisis in Greece has dragged on for so many years, because they know that a really integrated Europe with a truly central bank would have been able to solve it in a relatively short time and at much lower cost.

Continua

Tra segreto di Stato e Diritto alla conoscenza
di Domenico Letizia, L'Opinione, 23 Jul 2015

La Conferenza del 27 Luglio sull’“Universalità dei Diritti Umani per la transizione verso lo Stato di Diritto e l'affermazione del Diritto alla Conoscenza” organizzata dal Partito Radicale, Nessuno tocchi Caino e Non c’è Pace senza Giustizia affronta, tra le varie tematiche, il tema del segreto di stato. Un’analisi storica della materia aiuta a comprendere l’immensa portata di ciò che si va ad affrontare.
Dal 1848 al 1914 si assiste al passaggio statuale dal “liberalismo alla democrazia”: l’affermazione diffusa del principio secondo il quale la sovranità risiedeva nella cittadinanza. Le varie monarchie, con intensità maggiore nell’impero tedesco, nell’Austria-Ungheria e in Spagna, cercano di contenere il “potere della democrazia”, che va affermandosi, attraverso l’istituto della prerogativa regia. In ambito accademico e in Storia delle Istituzioni Politiche, l’istituto della prerogativa regia è quel complesso di norme e principi in base ai quali il supremo potere di comando spetta, all’interno di una monarchia, in ultima analisi al re. Ma, anche l’istituzione democratica conserva la sua prerogativa regia: “il segreto di stato” che non permette la piena realizzazione della democrazia, dello stato di diritto e dei diritti umani. I regimi costituzionali, spesso, risultano essere “incompleti” nell’ambito delle materie militari e di politica estera.

Continua