NPWJ in the news

Violenza donne: da Onu nuovo no a mutilazioni femminili
Onultalia, 18 Dec 2014


NEW YORK – Le Nazioni Unite scendono di nuovo in campo per fermare le mutilazioni genitali femminili. L’Assemblea Generale Onu ha approvato per consenso una risoluzione sul contrasto alla pratica, tra gli sponsor il gruppo degli Stati Africani e altri 71 Paesi tra cui l’Italia.
Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, 130 milioni di donne nel mondo sono state sottoposte a queste pratiche, soprattutto in 28 paesi dell’Africa sub-sahariana. Ssi calcola che ogni anno 3 milioni di bambine sono vittime dell’infibulazione, con danni irreparabili alla loro salute psichica e fisica.
L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si era schierata per la prima volta contro questa pratica tradizionale il 20 dicembre del 2012. “Il numero in aumento di paesi che promuovono la Risoluzione – 21 in più rispetto a due anni fa – è un segnale del crescente consenso tra gli stati disponibili ad agire efficacemente per porre termine alle MGF come grave violazione su ampia scala dei diritti delle donne e delle bambine”, ha commentato con soddisfazione Alvilda Jablonko, Coordinatrice del Programma sulle MGF di Non c’è Pace Senza Giustizia.
“Così come riaffermato nella Risoluzione adottata oggi, tutti gli Stati dovrebbero prendere le misure necessarie, inclusa la promulgazione e l’applicazione di legislazioni, per proibire le MGF, per proteggere donne e bambine da queste forme di violenza e per processare i responsabili”, ha detto la Jablonko secondo cui “il voto di oggi manda un segnale forte per tutti gli attivisti per far sì che una chiara ed effettiva legislazione nazionale bandisca in modo inequivocabile le MGF nei loro rispettivi paesi”.

Continua

Kenya: Withdrawal of Kenyatta Charges Signals Need for Overhaul of ICC Investigations
All Africa / Pambazuka News, 11 Dec 2014


 
Brussels/ Rome — The Prosecution's complaints about non-cooperation by the Kenyan authorities is true, but the lack of evidence points more to a failure of the previous investigative strategy of the Office of the Prosecutor. The evidence is out there, the question is why the OTP did not have it before charges were proffered.
The Prosecutor of the International Criminal Court today withdrew the charges against Kenyan President Uhuru Kenyatta for crimes against humanity committed during the post‑election violence in Kenya in 2007-2008. The move followed an Appeals Chamber decision on 3 December directing the Prosecution either to withdraw charges or indicate its readiness to proceed to trial. Since March of this year, the Prosecution has been asking for adjournments in the Kenyatta case due to lack of evidence, complaining of non-cooperation by the Kenyan authorities in this respect. For now, the remaining case for crimes committed during the post‑election violence, against Kenyan Deputy President William Ruto and radio broadcaster Joshua Sang, continues.
Statement by Alison Smith, Legal Counsel of No Peace Without Justice:
"The best that can be said about what happened today is that the Prosecutor did not delay the inevitable - and that at least the withdrawal of charges is without prejudice to the possibility of bringing new charges against President Kenyatta at a later date, should the Prosecutor obtain sufficient evidence to do so. We're clearly disappointed, having worked so closely with the Kenya National Commission on Human Rights on initial collection of evidence back in early 2008, but that is nothing compared with how the victims of crimes in this case must be feeling.
"The writing has been on the wall for some time, since the Prosecutor first announced several months ago that she lacked sufficient evidence to prove President Kenyatta's responsibility beyond a reasonable doubt. While we respect - and agree with - the Prosecution's complaints about non-cooperation by the Kenyan authorities, the lack of evidence points more to a failure of the previous investigative strategy of the Office of the Prosecutor. The evidence is out there, the question is why the OTP did not have it before charges were proffered.
"We believe the Prosecutor will need to take a long, hard look at the office's investigative strategies, to avoid this kind of situation arising again. The ICC did not have investigators based in Kenya at a time when conditions allowed it: without a permanent presence, it is next to impossible to build the kind of trust and rapport with witnesses that is needed to sustain this kind of work from initial contact through to trial. No Peace Without Justice and the Nonviolent Radical Party, Transnational and Transparty welcome that the new Strategic Plan addresses this issue by stating that the Investigative Division will increase its field presence, 'where possible'. The ICC and its State Parties must do everything in their power to ensure that it is possible for ICC investigators and other necessary ICC staff, such as outreach staff, to be based in the countries where investigations are taking place.
"Today's withdrawal of charges also indicates that the previous strategy of focused investigations simply did not work. In complex situations like those in Kenya - and indeed all of those under investigation at the ICC - there is a need for proper, full and sustained investigations by experienced professionals. This is the only way to make sure that the Prosecution does have sufficient evidence to prove the criminal responsibility of whoever they bring charges against, in the absence of any justified defence. We urge States Parties to take this into account when they are considering the budget next week during the annual meeting of the Assembly of States Parties. Failing to support full investigations at a budgetary level means that corners will be cut, with the kind of devastating results we've seen today
"Above all, our thoughts are with the people of Kenya and with the victims of the crimes outlined in the charges against President Kenyatta. They are the ones who have to bear the brunt of today's actions and the failures that led up to it. We hope that the Prosecutor will continue her investigations, so that one day, justice can be served."

Continua

ICC drops charges against Kenya’s Kenyatta
By Mike Corder, Associated Press, 05 Dec 2014


THE HAGUE, NETHERLANDS — Accusing Kenya of blocking her investigation, the prosecutor for the International Criminal Court on Friday dropped the charges against Kenya’s president – including ones for murder and rape.
The decision by Fatou Bensouda to scrap her prosecution of President Uhuru Kenyatta for his alleged involvement in his country’s 2007 postelection violence highlights a key challenge for the 12-year-old court – having to rely on governments led by the very suspects it indicts.
Kenyatta had been charged with murder, rape, persecution, deportation and other inhumane acts as an “indirect co-perpetrator” in the violence that left more than 1,000 people dead in 2007 and 2008. (...)
Rights groups lamented Friday’s decision.
“It’s clear that a long tradition of impunity in Kenya and pressure on witnesses have been serious obstacles to a fair process before the ICC,” said Liz Evenson of Human Rights Watch. “But the roadblocks in the Kenyatta trial make it all the more important for the ICC to figure out how it can move ahead with high-profile cases.”
One court watcher said prosecutors must also bear some responsibility for the case collapsing.
While agreeing that Kenya blocked the court, “the lack of evidence points more to a failure of the previous investigative strategy,” said Alison Smith, legal counsel for the rights group No Peace Without Justice. “The evidence is out there, the question is why the (prosecutor) did not have it.”

Continua

MGF: Cresce all'ONU il consenso contro le mutilazioni genitali femminili
Sabrina Gasparrini*, La Voce di New York, 26 Nov 2014


 
La Terza Commissione ONU ha adottato con 125 co-sponsorizzazioni, la Risoluzione di messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili (MGF). Ampliato il fronte dei paesi che hanno promosso la Risoluzione rispetto al 2012. L'Egitto suscita inquietudine dopo la sentenza di proscioglimento nel processo per la morte di una bambina di 13 anni.
Non c'è Pace Senza Giustizia e il Partito Radicale salutano la decisione della Terza Commissione ONU sulle questioni sociali, culturali e umanitarie, di adottare all'unanimità e con 125 co-sponsorizzazioni, la Risoluzione di messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili (MGF). 
L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite si era schierata per la prima volta contro questa pratica tradizionale il 20 dicembre del 2012, a seguito di una lunga campagna condotta dalla coalizione di Ong africane ed europee BanFGM, costituita su iniziativa di Non c'è Pace Senza Giustizia.
Il dato incoraggiante è l'ampliamento del fronte dei paesi che hanno promosso la Risoluzione: 21 in più rispetto al 2012. Non si tratta solo di un riconoscimento del lavoro delle attiviste sul campo, ma di una crescita di consenso che segna un chiaro impegno politico degli Stati nell'agire a tutti i livelli perché il dispositivo della Risoluzione, che riguarda la messa al bando della pratica in quanto violazione dei diritti umani di donne e bambine, venga applicato su scala mondiale. 
Strumenti normativi e applicazione efficace della legge sono fattori cruciali assieme all'informazione e alla prevenzione. Auspichiamo che questa ulteriore presa di posizione  della comunità internazionale serva da stimolo sia per gli Stati ancora sprovvisti di strumenti cogenti di contrasto che per quelli già dotati di misure ad hoc.

Continua

No alle mutilazioni genitali (grazie anche all’Italia)
Onultalia, 25 Nov 2014


NEW YORK- Nuovo successo dell’Italia all’Onu a tutela delle donne e delle bambine. A pochi giorni dalla prima Risoluzione contro i matrimoni forzati e precoci, le Terza commissione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, competente in materia di diritti umani, ha adottato martedì 25 novembre una Risoluzione sul contrasto alla pratica delle Mutilazioni Genitali Femminili (MGF).  Il testo, approvato per consenso proprio nella giornata di mobilitazione internazionale contro la violenza alle donne, ha avuto 125 co-sponsorizzazioni, 21 in più del precedente testo del 2012. Il documento verrà adottato definitivamente in Assemblea Generale a dicembre.
L’Italia è tradizionalmente tra i promotori della Risoluzione sulle mutilazioni genitali. Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, 130 milioni di donne nel mondo sono state sottoposte a queste pratiche, soprattutto in 28 paesi dell’Africa sub-sahariana. E si calcola che ogni anno 3 milioni di bambine sono vittime dell’infibulazione, con danni irreparabili alla loro salute psichica e fisica.
L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si era schierata per la prima volta contro questa pratica tradizionale il 20 dicembre del 2012. Il nuovo voto in Terza Commissione e’ stato salutato con favore da Non c’e’ Pace senza Giustizia e dal Partito radicale che due anni fa erano stati tra i promotori dell’iniziativa.
 Il dato incoraggiante adesso è l’ampliamento del fronte dei paesi che hanno promosso la Risoluzione: 21 in più rispetto al 2012.
“Non si tratta solo di un riconoscimento del lavoro delle attiviste sul campo, ma di una crescita di consenso che segna un chiaro impegno politico degli Stati nell’agire a tutti i livelli perché il dispositivo della Risoluzione, che riguarda la messa al bando della pratica in quanto violazione dei diritti umani di donne e bambine, venga applicato su scala mondiale”, osserva la Ong italiana in un comunicato.

Il dato incoraggiante è l’ampliamento del fronte dei paesi che hanno promosso la Risoluzione: 21 in più rispetto al 2012. Desta invece preoccupazione il fatto che in Stati che si sono già’ dotati di misure ad hoc la pratica sussista ancora: tra questi,  proprio per il ruolo avuto nella campagna contro le MGF e per aver approvato nel 2008 una legge tra le più avanzate, è l’Egitto.
Il caso di Suhair al-Bataa, la bambina di 13 anni morta nel giugno del 2013 a causa di un intervento di mutilazione genitale, è sconcertante. Si è trattato del primo processo mai tenuto in Egitto per questo tipo di reato. La decisione della Corte di prosciogliere dalle accuse il medico che ha eseguito l’intervento e il padre della bambina che aveva deciso per l’operazione, al di là dell’aspetto sanzionatorio, rischia di vanificare irrimediabilmente la funzione deterrente della legge, che è il fondamento di un’autentica politica volta al rispetto della persona.

Continua

Corte Penale Internazionale, una giornata di iniziativa politica
Agenzia Radicale, 13 Nov 2014

“Non solo una giornata alla memoria ma anche e soprattutto una giornata di iniziativa politica”. Emma Bonino ha voluto rimarcarlo in apertura della conferenza dal titolo "Sfide e opportunità per la Corte penale internazionale", svoltasi al Senato in occasione del 20esimo anniversario dell’associazione Non c’è Pace Senza Giustizia, costituita su iniziativa del Partito Radicale con il mandato di lanciare una campagna internazionale per la creazione di una Corte Penale Permanente.

Continua

Quirinale: messaggio di Napolitanno alla Bonino
Riccardo Angelo Ronconi, Agenparl, 13 Nov 2014

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha inviato alla fondatrice dell’Associazione “Non c’è pace senza giustizia”, Emma Bonino, un messaggio: “Desidero rivolgere un cordiale saluto agli organizzatori ed ai partecipanti ai lavori di oggi, che oltre ad affrontare il cruciale tema della giustizia penale internazionale, celebrano il XX anniversario della fondazione di “Non c’é pace senza giustizia”.
Sono certo che la vostra riflessione contribuirà, nel solco dell’impegno da sempre profuso dall’Associazione, ad approfondire il dibattito sugli strumenti più adatti a garantire un efficace, celere ed equilibrato esercizio della giustizia penale internazionale.
Le spesso drammatiche vicende dell’attualità internazionale ci rammentano come la promozione della pace, della democrazia, dei diritti umani e delle libertà civili, passi anche attraverso il superamento della sfida costituita dal rafforzamento, al livello transnazionale, delle regole dello stato di diritto.
Certo che il positivo messaggio promosso da “Non c’è pace senza giustizia” e dalla “Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale” troverà un’ulteriore, feconda declinazione nei lavori di oggi, formulo fervidi voti di successo e i miei auguri di buon lavoro a tutti i partecipanti”. È quanto rende noto il Quirinale.

Continua

Napolitano: "Rafforzare lo stato di diritto per promuovere la pace"
Rai News, 13 Nov 2014

"Sono certo che la vostra riflessione contribuirà, nel solco dell'impegno da sempre profuso dall'Associazione, ad approfondire il dibattito sugli strumenti più adatti a garantire un efficace, celere ed equilibrato esercizio della giustizia penale internazionale". Lo afferma il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in un messaggio inviata alla fondatrice di "Non c'è pace senza giustizia" Emma Bonino in occasione del Convegno "XX Anniversario di Non c'è pace senza giustizia: Sfide e Opportunità per la Corte Penale Internazionale" in corso al Senato.   "Le spesso drammatiche vicende dell'attualità internazionale ci rammentano come la promozione della pace, della democrazia, dei diritti umani e delle libertà civili, passi anche attraverso il superamento della sfida costituita dal rafforzamento, al livello transnazionale, delle regole dello stato di diritto - afferma il capo dello Stato - Certo che il positivo messaggio promosso da "Non c'è pace senza giustizia" e dalla "Società Italiana per l'Organizzazione Internazionale" troverà un'ulteriore, feconda declinazione nei lavori di oggi, formulo fervidi voti di successo e i miei auguri di buon lavoro a tutti i partecipanti".

Continua

Napolitano: rafforzare stato di diritto per promuovere pace
ADN Kronos, 13 Nov 2014

"La promozione della pace, della democrazia, dei diritti umani e delle libertà civili passa anche attraverso il superamento della sfida costituita dal rafforzamento, al livello transnazionale, delle regole dello stato di diritto". Lo afferma il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.
Napolitano ha inviato ad Emma Bonino un messaggio in occasione del ventesimo anniversario della fondazione dell'Associazione 'Non c’é pace senza giustizia', che oggi affronta "il cruciale tema della giustizia penale internazionale. Sono certo -aggiunge il capo dello Stato- che la vostra riflessione contribuirà, nel solco dell’impegno da sempre profuso dall'Associazione, ad approfondire il dibattito sugli strumenti più adatti a garantire un efficace, celere ed equilibrato esercizio della giustizia penale internazionale".
"Certo che il positivo messaggio promosso da 'Non c’è pace senza giustizia' e dalla 'Società Italiana per l'Organizzazione Internazionale' troverà un’ulteriore, feconda declinazione nei lavori di oggi, formulo fervidi voti di successo e i miei auguri di buon lavoro a tutti i partecipanti", conclude Napolitano.

Continua

Giustizia, Grasso: Corte penale internazionale a un punto di svolta
ilVelino/AGV NEWS, 13 Nov 2014

“Primo organo giurisdizionale internazionale permanente la Corte Penale Internazionale giudica nel rispetto del principio di legalità (nullum crimen, nulla poena sine lege) e consente di intervenire, nel concorrere di certe condizioni, a salvaguardia dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario attraverso gli strumenti del diritto penale, per porre fine all'impunità. Un passo storico ed entusiasmante, di vocazione genuinamente universale. Un'istituzione chiave per l'ordine internazionale contemporaneo, una speranza per il futuro dei popoli, per la pace, per i diritti e la giustizia”. Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso, nel suo intervento in Sala Zuccari al convegno "XX Anniversario di Non c'e' pace senza giustizia: Sfide e Opportunita' per la Corte Penale Internazionale". “La vita della Corte - ha sottolineato Grasso - si trova a un punto di svolta importante. Deve affrontare problemi di carattere politico-diplomatico e giuridico. Mi riferisco alle proposte in materia di immunità dei Capi di Stato che metterebbero radicalmente in discussione uno dei principi fondanti, e l'impianto stesso dello Statuto di Roma; alla necessità di un'azione più forte e determinata dell'Assemblea degli Stati Parte, e in alcuni casi anche del Consiglio di Sicurezza per assicurare l'imprescindibile cooperazione degli Stati per molte attività della Corte (arresto, consegna degli imputati, svolgimento di indagini); all'eccessiva complessità del sistema processuale, che ha determinato la limitata efficienza della Corte per la lunghezza e farraginosità dei procedimenti”.

Continua

Giustizia: Presidente Grasso, Italia crede senza riserve nella Corte Penale Internazionale
AGENPARL (Roma), 13 Nov 2014

Il Presidente del Senato, Pietro Grasso, è intervenuto oggi nella Sala Zuccari di Palazzo Madama, in occasione del Convegno “XX Anniversario di Non c’è pace senza giustizia: Sfide e Opportunità per la Corte Penale Internazionale”. Ecco il testo integrale dell’intervento del Presidente del Senato:
“Autorità, Gentili Ospiti, Cari colleghi, Cari amici,  con vero piacere vi auguro il benvenuto al Senato della Repubblica per  celebrare insieme il ventesimo anniversario di “Non c’è Pace senza Giustizia”,  un’organizzazione nata con lo scopo di sostenere la storica campagna del Partito  Radicale Transnazionale per l’istituzione di un tribunale penale internazionale  permanente e che, proprio in questa sala, nel novembre 1997, organizzò una  conferenza su questo tema. In questi vent’anni lo spettro di azione di “Non c’è  Pace senza Giustizia” si è ampliato per comprendere, oltre alla giustizia penale  internazionale, programmi sulle mutilazioni genitali femminili, sulla promozione  democratica in Medio Oriente e in Nord Africa e la mappatura dei conflitti. Il filo  conduttore che ha sempre animato Emma Bonino e Marco Pannella, il Senatore  Sergio Stanzani – che ci ha lasciati lo scorso anno e voglio ricordare – insieme a  tanti altri, credo sia una sete inestinguibile, che io profondamente condivido, per  la giustizia, i diritti e la dignità degli esseri umani, ovunque essi si trovino".

Continua

Sfide e opportunità per la Corte penale internazionale: conferenza in Sala Zuccari
ADN Kronos, 12 Nov 2014

Giovedì 13 novembre, con inizio alle ore 9.30, nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani si svolge la conferenza "Sfide e opportunità per la Corte penale internazionale: l'interconnessione tra complementarietà e cooperazione", promossa dall'onorevole Emma Bonino e dall'organizzazione non governativa "Non c'è pace senza giustizia". E' prevista la presenza del Presidente del Senato, Pietro Grasso. L'incontro è trasmesso in diretta dal canale YouTube2.

Continua

Opinion: Libya’s crossroads – where is Europe going?
By Gianluca Eramo, MENA Programme Coordinator of NPWJ, Libya Herald , 30 Oct 2014


 
 
Since mid-May 2014, Libya has witnessed a turbulent period of political volatility and outbursts of violence between armed groups, resulting in further polarisation of the political spectrum and a divisive political situation.
Libya’s political evolution is multifaceted and remains trapped within a factional political framework that does not offer a way foward from the transition. While the central authorities remain divided and contentious over power sharing, Libyan society still has to heal the scars of the revolution, which are not only still highly visible on the buildings and roadsides of the country, but clearly perceptible in the Libyan legislative and institutional systems. The armed confrontation among different militias and the political divide resulting from the decision of the a small group of members of the previous parliamentary assembly, the General National Congress, not to disband after the 25 June general elections led to a sharp deterioration in human rights and the humanitarian situation and to the worst outburst of violence since the fall of the Qaddafi regime.
Libya’s political future and long-term stability will be defined by how the post-Qaddafi and post-conflict transition will be managed by the international community and how the few seeds of transitional justice mechanisms, already implanted the Libyan legislative system, will be supported and helped to grow.
These elements play a crucial role in developing a new covenant for Libya’s citizens and will have serious ramifications for the development of political and societal institutions and their ability to protect and expand the civil and political rights of Libyans.
So far, the response to the current crisis by international organisations and Western countries has been haphazard and limited to declarations of principles and general support for political dialogue among the Libyan political actors. Most recently, United Nations Secretary-General Ban Ki-moon visited Tripoli with the EU High Representative for Foreign Affairs and Security Policy designate, Federica Mogherini, and four special envoys from EU member states, stressing the need for dialogue. Tellingly, beyond a vague mention of  the need to address root causes once the fighting has stopped, the Secretary-General’s remarks in Tripoli were devoid of references to human rights, transitional justice or the need to end legal impunity.

Continua

Senegal minister Sidiki Kaba set to become next ASP president
#GlobalJusticeWeekly (CICC), 14 Oct 2014

Sidiki Kaba, Senegal’s minister of justice and a long-time supporter of the fight against impunity, is set to become the next president of the ICC’s governing body—the Assembly of States Parties (ASP)
On 1 October, Kaba was endorsed as the consensus candidate for the influential position by the Bureau of the ASP, and has the backing of 34 African ICC member states. This means he will be unopposed at the election slated to take place in New York this December.
He will be the first African to lead the ASP and will serve until 2017 while continuing in his ministerial role in Senegal. (...)
“Minister Kaba is a long-time supporter of the fight against impunity and his clear vision of the role of international justice in providing redress for victims and promoting peace would provide a steady hand at the Assembly’s helm over the next four years. Aside from his own personal dedication, expertise and experience, his appointment would be symbolically important, given Senegal’s own commitment to justice as the first State Party of the International Criminal Court,” said Emma Bonino, founder of No Peace Without Justice.

Continua

UGA School of Law to host conference on children and international criminal justice
UGA Today, 09 Oct 2014


The University of Georgia School of Law will host a conference titled "Children and International Criminal Justice" Oct. 28 in the school's Hatton Lovejoy Courtroom. Starting at 9:15 a.m., there will be a public plenary session that will include a panel discussion followed by the keynote address by International Criminal Court Prosecutor Fatou Bensouda. The afternoon program will consist of closed workshop sessions.
"Children are a central concern of international criminal justice," said Diane Marie Amann, conference organizer and the holder of the law school's Woodruff Chair in International Law who also serves as a special adviser to the International Criminal Court Prosecutor in relation to children in and affected by armed conflict. "Both the Special Court for Sierra Leone and the International Criminal Court have recently returned convictions for the recruitment and use of children in combat. Furthermore, the Rome Statute has importantly defined other international child-related crimes: killings, sexual violence, and other harms to children, their families and their homes; trafficking; attacks on schools and hospitals; and denial of access to humanitarian aid."
Experts in attendance will be academics and legal professionals from international organizations such as UNICEF and the Office of the Special Representative to the U.N. Secretary-General for Children and Armed Conflict, in addition to nongovernmental organizations including Human Rights Watch, the International Center for Transitional Justice, the International Committee of the Red Cross, No Peace Without Justice, Save the Children and the Carter Center. The discussions will assist the special adviser to advise the Office of the Prosecutor, in the process of its development of a Policy Paper on Children.
 

Continua

Libya
#GlobalJusticeWeekly (CICC), 19 September 2014, 19 Sep 2014

In a submission to the Universal Periodic Review, HRW noted that Libya’s justice system is dysfunctional and recommended that Libya cooperate with the ICC and ratify the Rome Statute. No Peace Without Justice convened a side event on transitional justice and accountability in Libya at the Human Rights Council. The Libyan National Commission for Human Rights accused the Libya Dawn militia of breaking into its headquarters. Meanwhile, Libya’s prime minister accused Qatar of sending weapons to the Islamist militias controlling Tripoli’s airport.

Continua

Qatar calls for protection of children in Syria
The Peninsula, 18 Sep 2014


 
Geneva: Qatar has stressed the importance of taking additional stringent and concrete measures against perpetrators of gross violations of children’s rights and humanity in Syria, through the adoption of more laws that criminalise these violations and the fight against impunity of the perpetrators and bringing them to the International Criminal Justice as soon as possible.
This came in a speech given by  Qatar’s Permanent Representative to the United Nations Office and other international organisations in Geneva, Faisal bin Abdullah Al Henzab during an event, organised by Qatar’s delegation in cooperation with the Permanent Mission to the United Nations including  France, Italy, and Belgium and Liechtenstein in cooperation with No Peace Without Justice (NPWJ) under the title: “Children of Syria under the microscope”, on the sidelines of the 27th session of the Human Rights Council , currently being held in Geneva from 8 to 26 September.
Al Henzab expressed thanks to the participants and speakers, led by Nora Al Amir, the Vice President of the Syrian National Coalition for their valuable contributions and participation in the event. A recent UN report warned that the future of over five million Syrian children is unclear due to  violence and deterioration of health and education services.

Continua

UK MP joins Bahrain side event at UN Human Rights Council
ABNA News Agency, 17 Sep 2014


Jeremy Corbyn, a member of the UK Parliament, joined a platform of Bahraini speakers calling for the release of political prisoners in Bahrain, during a side event at the 27th session of the Human Rights Council in Geneva. Mr Corbyn called for “solidarity for all political detainees” in Bahrain, before signing a new appeal that demands the release of all Bahraini prisoners of conscience.
The appeal was launched during the side event by Fareeda Ghulam, the wife of the imprisoned political leader Ibrahim Shariff.
Speaking during the event, jointly hosted by the Bahrain Human Rights Observatory, the Arab Network for NGOs, Americans for Democracy and Human Rights in Bahrain and the Bahrain Centre for Human Rights, Ghulam said, “this new appeal is important to be signed as wide as possible to put pressure for the release of our unfairly imprisoned political detainees.”
Despite only being launched within the meeting, the appeal has already been signed by prominent individuals and organisations, including Mr. Frej Fenniche, the Head of the Middle East Division of the Office of the High Commissioner for Human Rights (OHCHR).
Speaking from the platform, Mr. Niccolo Figa-Talamanca, Secretary General of No Peace Without Justice, pledged the support of his organisation to the appeal, adding “They lock away our leaders, because they want to silence us. They shall not have our silence.” He described the judicial system in Bahrain as “purely political” and in “violation of the most basic justice standards.”

Continua

Qatar calls for urgent end to abuses against kids in Syria
Gulf Times, 17 Sep 2014


 
Qatar has stressed the importance of taking additional stringent and concrete measures against perpetrators of gross violations of children’s rights and humanity in Syria, through the adoption of more laws that criminalise these violations and the fight against impunity of the perpetrators and bringing them to the International Criminal Justice as soon as possible.
This came in a speech delivered by Qatar’s Permanent Representative to the UN Office and other international organisations in Geneva, HE Faisal bin Abdullah al-Henzab, during the side event, organised by Qatar’s delegation in co-operation with the Permanent Mission to the UN including France, Italy, and Belgium and Liechtenstein in co-operation with No Peace Without Justice (NPWJ) under the title: “Children of Syria under the microscope”, on the sidelines of the 27th session of the Human Rights Council, currently being held in Geneva from September 8 to 26.
On behalf of Qatar’ delegation, al-Henzab expressed thanks to the participants and speakers, led by  Nora al-Amir, the Vice President of the Syrian National Coalition, for their valuable contributions and participation in the event.
According to the reports issued recently by the UN, warn that the future of over 5mn Syrian children is unclear due to violence and deterioration of health and education services and economic situation in addition to the nature of armed conflict and its methods that creating unprecedented threats to an entire generation of children, threatening by future physical and psychological problems, will not be perceived by the international community until too late, al-Henzab said.
Al-Henzab stressed the need to launch an extensive campaign immediately to end abuses against children which is tending actually to destroy an entire generation.
In this regard, he affirmed Qatar’s full support to the “children and not soldiers” campaign launched by the UN to end and prevent the recruitment of children and to work on the re-reintegrated them into society through programmes dedicated to it before 2016-end.

Continua

Quei diritti negati ai bambini col fucile: torturati, detenuti e privati del futuro
Domenico Letizia, Il Garantista, 16 Sep 2014


 
 
Lo scenario dell’informazione televisiva e della stampa cartacea sembra aver dimenticato la situazione politica e sociale che sta vivendo la popolazione siriana.
In occasione della 27 Sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, in corso a Ginevra, “Non c’è Pace senza Giustizia” e il Partito Radicale Nonviolento, con il sostegno delle istituzioni governative italiane e francesi, svolgono un evento sui bambini e i ragazzi nel contesto siriano, con la collaborazione di organizzazioni per la tutela dei diritti umani siriani. L’incontro analizza soprattutto la problematica del reclutamento dei bambini durante le ostilità, le torture e la detenzione di cui sono vittime.
Dopo più di tre anni di conflitto, la popolazione siriana vive una situazione disastrosa e continua a peggiorare ad una velocità allarmante. Quello che sta accadendo in Siria è una crisi umanitaria, una sistematica violazione dei diritti umani che colpisce la popolazione civile con un particolare terrificante riguardante i bambini e i ragazzi. Nel suo primo rapporto sulla situazione dell’infanzia e dell’adolescenza all’interno del conflitto siriano il segretario generale dell’Onu ha attestato prove e documentazione di esecuzioni sommarie, sparizioni forzate, tortura, stupri, evacuazioni forzate, assedi di città, crimini che incidono con dolorosa forza l’esistenza dei bambini e dei ragazzi. Inoltre, il nuovo rapporto congiunto di Unicef, Unhcr, World Vision e Save the Children, intitolato “L’istruzione interrotta in Siria”, dimostra una situazione allarmante per lo stato dell’istruzione dei bambini siriani. Dal 2011, circa tre milioni di bambini siriani sono stati costretti a interrompere il proprio percorso di studi per via dei combattimenti che hanno distrutto edifici, reso pericoloso recarsi a scuola e costretto moltissime famiglie ad abbandonare il paese per trovare rifugio altrove. Negli ultimi tre anni sono stati annullati i progressi compiuti in un intero decennio.
La situazione è peggiorata nella provincia di Aleppo e nelle aree controllate dall’Isis. Secondo rapporti dell’Onu, l’Isis obbliga gli abitanti, inclusi i bambini, a partecipare alle esecuzioni pubbliche che avvengono tramite decapitazione oppure con un colpo di arma da fuoco alla testa. Tale spettacolo agghiacciante è divenuto abituale nelle zone sotto controllo dell’Isis, che incide sull’esistenza di bambini, anche perché i corpi delle vittime vengono tenuti in mostra, come trofei, per diversi giorni. Riguardo la Siria, l’obiettivo a lungo termine di “Non c’è Pace senza Giustizia” è quello di promuovere la democrazia, i diritti umani e fondamentali attribuendo decise responsabilità nel processo di risoluzione dei conflitti armati, ponendo fine anche al massacro e alle violazioni dei diritti fondamentali dei bambini e degli adolescenti.   

Continua

Interview: Qamar Naseem: The Pakistani Feminist
By Sonya Rehman, The Diplomat, 04 Sep 2014


 
I first heard of the Pakistani women’s rights activist, Qamar Naseem, via BBC’s Outlook program, which interviewed him in July this year. A recipient of the “No Peace Without Justice Human Rights Award” (this year) and part of a human rights (primarily women’s rights) non-profit, Blue Veins, in Peshawar, Pakistan, Naseem spoke with me about working with communities at the grass-roots level, threats faced, and the trouble with human rights activism in Pakistan today.

Continua

Le colpe del Governo siriano nell’attacco chimico del 2013
Domenico Letizia, L'Opinione, 29 Aug 2014

Il 21 agosto 2013 un attacco effettuato con gas nervino e sostanze chimiche colpì i quartieri di Damasco controllati dall’opposizione, causando la morte di 1400 persone, soprattutto civili, inclusi numerosi bambini. Le prove raccolte indicarono che a dar vita l’attacco furono le forze governative del presidente Bashar al-Assad, nonostante il Governo siriano abbia sempre negato le proprie responsabilità. Tale episodio provocò numerose proteste in tutto il mondo, inducendo il Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite a chiedere l’eliminazione del programma di produzione di armi chimiche in Siria.
Sotto la pressione internazionale venutasi a creare, il Governo siriano accettò il programma di eliminazione delle armi chimiche con la supervisione dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac). Il 19 agosto 2014 l’Opac ha annunciato la completa distruzione delle più pericolose e letali armi chimiche dichiarate in possesso dal regime siriano.
A intervenire sui tragici episodi è anche l’Organizzazione non governativa “Non c’è pace senza giustizia”, che attraverso la voce di uno dei suoi rappresentanti legali, Alison Smith, ha richiamato l’attenzione sulla mancanza di significativi passi in avanti nell’attribuzione delle responsabilità di coloro che hanno ordinato ed eseguito il massacro, che risulta essere uno dei più cruenti inflitti ai civili dall’inizio del conflitto ancora in corso.
Dopo più di tre anni dall’inizio del conflitto, secondo le Nazioni unite, le vittime sono oltre 150mila e quasi la metà della popolazione ha abbandonato la propria abitazione. “Non c’è pace senza giustizia” denuncia che, nonostante il Governo siriano abbia firmato il programma di eliminazione delle armi chimiche, il regime di Assad continua a usare sostanze tossiche, come il gas clorino, in attacchi contro la popolazione civile e in violazione delle più basilari norme del diritto internazionale umanitario. Il progetto di “Non c’è pace senza giustizia” mira all’attivazione di procedure internazionali per l’attribuzione delle responsabilità nei confronti degli autori del disastro umanitario ancora in corso.
Da tali motivazioni risultano fondamentali sia le attività in corso per la promozione della democrazia e dei diritti umani e per la stabilità e la ricostruzione della Siria, sia il lungo ed elaborato lavoro di documentazione delle violazioni dei diritti umani per permettere la presentazione di tali violazioni e l’intervento della Corte penale internazionale (Cpi).

Continua

Il caso giuridico di Abdullah Al-Senussi e la democratizzazione libica
Domenico Letizia, L'Opinione, 08 Aug 2014

Molteplici e preoccupanti sono le notizie che in queste settimane giungono dalla Libia. Del tutto assenti, invece, nel panorama dell’informazione mass-mediatica italiana, è il lavoro delle Ong in Libia. L’Associazione “Non c’è Pace senza Giustizia” è presente in Libia dal 2011 e dal 2012 ha una presenza permanente a Tripoli. Nelle ultime settimane è in corso una controversia giuridica nei confronti di Abdullah Al-Senussi, ex capo dei servizi segreti del colonnello Gheddafi, accusato di gravosi crimini nei confronti del popolo libico. Il 24 Luglio la Camera Penale Internazionale (C.P.I.) è intervenuta sul caso di Abdullah Al-Senussi dichiarando di non poter procedere nei confronti dell’ex capo dei servizi segreti perché tale caso è oggetto delle autorità giuridiche locali. Tale decisione consente alle autorità libiche di mettere sotto processo l’ex capo dei servizi segreti, uomo di fiducia del colonnello Gheddafi.
Alison Smith, avvocato di “Non c’è Pace senza Giustizia” ha ribadito che “la decisione della Corte Penale Internazionale è una risposta positiva alle aspirazioni libiche per l’ottenimento della giustizia sui crimini commessi. La comunità internazionale dovrebbe sostenere la Libia nel produrre sforzi per creare una cultura della responsabilità migliorando l’assistenza tecnica legale delle autorità locali e della società civile e per ottenere un giusto processo giudiziario nei confronti di Abdullah Al-Senussi”.
Molta attenzione è posta sul caso di Abdullah Al-Senussi, ma non si deve commettere l’errore – ribadiscono dall’Ong – di dimenticare i migliaia di casi giuridici ancora in corso.
Compito di “Non C’è Pace senza Giustizia”, che svolge con il coinvolgimento di diverse istituzioni libiche, è quello di intraprendere significative relazioni giuridiche e diplomatiche per la transizione libica alla democrazia delle strutture istituzionali del paese. “Non c’è Pace senza Giustizia” svolge un ruolo di primo piano nella promozione e diffusione dei diritti umani, nella cultura allo stato di diritto e nella transizione democratica dopo il conflitto, che è ancora violentemente in corso in molte zone del paese, auspicando la ricostruzione non autocratica delle istituzioni.
L’Organizzazione non governativa agisce prevalentemente attraverso le armi delle giurisdizioni internazionali con l’avvio di programmi di monitoraggio dei processi ai leader del vecchio regime di Gheddafi, con una azione che mira alla promozione della responsabilità e della trasparenza all’interno del sistema giudiziario libico.
L’impegno di “Non c’è Pace senza Giustizia” è incentrato intorno al funzionamento del Network sul monitoraggio dei processi, fondato nell’Agosto del 2013, con il sostegno di “Non c’è Pace senza Giustizia”. Tale Network, con la collaborazione del Ministero della Giustizia libico, può svolgere un ruolo unico e significativo nel sostenere le riforme giuridiche dei processi in corso, migliorando l’equità, l’efficacia e la trasparenza del sistema giudiziario libico.

Continua

Appeals Chamber confirms Libya can try former spy chief Al-Senussi
#GlobalJusticeWeekly (CICC), 25 Jul 2014

On Thursday, the ICC Appeals Chamber unanimously decided that the ICC case against Abdullah Al-Senussi is inadmissible, clearing the way for Libya to try the former spy chief. Al-Senussi’s defense counsel had appealed against an earlier decision finding the Court’s case inadmissible because Libyan authorities were willing and capable of trying Al-Senussi on their own.
Human Rights Watch (HRW) was critical of the Appeals Chamber’s decision, noting that it comes amid a near breakdown of the Libyan judicial system and that Libya has failed to provide Al-Senussi with basic due process rights. Amnesty International (AI) described the decision as “deeply alarming” and said that it in effect sanctions unfair domestic proceedings against Al-Senussi. However, No Peace Without Justice welcomed the decision, calling it a “positive answer to Libyans’ aspirations to see the alleged perpetrators of crimes against them face justice where those crimes were committed.”

Continua

ICC backs Libyan trial for Senussi but still wants Saif
Libya Herald, 24 Jul 2014

The International Criminal Court has thrown out an appeal by Abdullah Senussi that he should be tried in the Hague rather than Libya, on the grounds that it believes that the Libyan courts are capable of holding a fair trial.
Lawyers for Qaddafi’s security chief  had been challenging a May ICC ruling that Senussi should be tried in Libya.
However, the decision is puzzling some observers because the ICC is still demanding that Muammar Qaddafi’s son, Saif Al-Islam, be handed over to its jurisdiction. It wants to try him in the Hague for crimes committed before and during the revolutions, crimes which in many respects are little different than those with which Senussi has been charged.
The NGO,  No Peace Without Justice (NPWJ) has argued that all members of the old regime who are accused of serious offences should be tried in Libyan courts.
“This is just a brief moment in the history of the ICC, “Alison Smith, NPWJ’s legal counsel told the Libya Herald  today, “but it is an extremely important hour for Libya.  My main concern is that if you take out one person who is the most important, because his fair trial rights cannot be guaranteed, what does it say about the thousands of other people in detention?”
The trial of Senussi along with 34 other defendants including Al-Baghdadi Al-Mahmoudi, the former prime minister and Abu Zeid Dorda who headed the old regimes’s external security agency, to which Saif has been joined by video link from his prison in Zintan, has been adjourned repeatedly.
However not all NGOs share the NPWJ’s conclusion that the ICC, which under its founding Rome statute will only mount prosecutions “if the State concerned does not, cannot or is unwilling genuinely to do so” considers Libya able to trial Senussi and his fellow defendants, but nevertheless does not consider its courts competent to try Saif.
Both Human Rights Watch and Amnesty International have criticised the ICC’s refusal to hear Senussi’s case.
 

Continua

Civil society urges support for ending impunity on International Justice Day
#GlobalJusticeWeekly (CICC), 18 Jul 2014

As International Justice Day (IJD) celebrations continued this week, the Coalition for the ICC called on civil society and governments worldwide to reaffirm their support for the ICC and the pursuit of peace through justice and the rule of law.The Coalition issued a statement and held a special video conference on the relationship between the UN Security Council and the ICC. The American Bar Association (ABA) released a statement in support of IJD and launched a new website for its ICC project. In a Huffington Post op-ed, the ABA’s Kip Hale called for individuals to make their voices heard in support of international justice. No Peace Without Justice urged states to reaffirm their commitments against impunityParliamentarians for Global Action held a conference to discuss the steps that need to be taken to give full effect to the principle of complementarity in Uganda and the DRC. Destination Justice co-organized a showing of the ICC’s Justice Matters multimedia exhibition in Phnom Penh. The International Center for Transitional Justice (ICTJ) commemorated IJD by reviewing five scenarios where national judicial systems delivered justice where it mattered most. Avocats Sans Frontières affirmed the need for victims of grave crimes to see justice being done in order to increase their confidence and participation in justice processes. Human Rights Agenda called on Turkey to join the ICC, and theTurkish Coalition for the ICC issued a statement in celebration of IJD.

Continua

Detenuto torturato, la Corte Europea condanna l’Italia
Il Tempo, 02 Jul 2014

La Corte di Strasburgo ha condannato l’Italia per aver sottoposto a trattamento inumano e degradante Valentino Saba, uno dei detenuti che aveva denunciato le violenze avvenute nel carcere di San Sebastiano di Sassari nell’aprile del 2000. Secondo la condanna di Strasburgo l’Italia ha avuto tempi troppo lunghi per il processo, molti colpevoli sono stati prosciolti per prescrizione dei reati commessi e chi è stato condannato ha ricevuto pene troppo leggere in rapporto ai fatti per cui era stato incriminato. Tra le misure contestate, la multa di 100 euro inflitta a uno degli agenti che non ha denunciato le violenze commesse dai suoi colleghi e la sospensione della condanna al carcere per altri agenti. Per la Corte, quindi, lo Stato dovrà versare 15mila euro. «Non è più rinviabile la convocazione di un tavolo politico che dia risposte ferme su alcuni temi per i quali la discussione non è più rinviabile: l’inserimento del reato di tortura nel codice penale; l’impunità per chi commette atti di violenze verso persone che si hanno in custodia; meccanismi di educazione e formazione adeguati per il personale delle forze dell’ordine». È il commento di Patrizio Gonnella, presidente nazionale di Antigone, a seguito della nuova condanna della Corte all’Italia. «Finalmente, dopo 14 anni giustizia viene fatta ma, ancora una volta, per arrivarci è stato necessario l’intervento della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Riteniamo indegne per un per un paese civile come l’Italia, che dovrebbe riconoscere a tutti un trattamento rispettoso e degno della persona umana, queste continue condanne - denuncia Antigone - Ed è altresì grave che, quando violazioni dell’articolo 3 avvengono, il nostro sistema giudiziario non riesca a ripristinare situazioni di giustizia. Questo anche perché in Italia non esiste il delitto di tortura. Se ci fosse stato i tempi di prescrizione non sarebbero stati così brevi». «Ci sono voluti 14 anni, tanta forza d’animo e dispendio di importanti risorse economiche perché Valentino Saba potesse vedersi riconosciuti, in Europa, i diritti umani di base che l’Italia gli ha negato» spiegano Niccolò Figà-Talamanca e Antonella Casu, segretario generale e tesoriera di «Non c'è Pace Senza Giustizia». Che denuncia anche come «la maggior parte dei procedimenti penali a carico degli agenti coinvolti si è conclusa in un nulla di fatto a causa degli effetti anti-legalitari che la prescrizione produce nel nostro sistema giudiziario».

Continua

Senza giusta pena Italia (ri)condannata
Il Manifesto, 02 Jul 2014

Con un’altra con­danna della Corte euro­pea dei diritti umani, per l’Italia non poteva aprirsi in modo peg­giore il seme­stre di pre­si­denza euro­pea. Per la seconda volta in pochi giorni, i giu­dici di Stra­sburgo hanno riscon­trato una vio­la­zione dell’articolo 3 della Con­ve­zione per le vio­lenze delle forze dell’ordine su per­sone fer­mate o arre­state. Sot­to­li­neando soprat­tutto ancora una volta, dopo il recente caso di Dimi­tri Alberti, che gli agenti col­pe­voli degli atti di vio­lenza – avve­nuti sta­volta nel car­cere di San Seba­stiano di Sas­sari nell’aprile del 2000 – non hanno rice­vuto pene pro­por­zio­nali al reato commesso.
Le cause di que­sta sorta di “impu­nità” sono molte: un pro­cesso che si è allun­gato per oltre otto anni con la con­se­guenza che molti col­pe­voli sono stati pro­sciolti per pre­scri­zione dei reati com­messi, e anche per l’inefficacia dell’azione san­zio­na­to­ria. Secondo quanto appu­rato dai giu­dici euro­pei, infatti, sono state com­mi­nate pene troppo leg­gere. Ad esem­pio, uno degli agenti è stato con­dan­nato per omessa denun­cia e dun­que san­zio­nato solo con una multa da 100 euro, men­tre altri suoi col­le­ghi sono riu­sciti ad otte­nere la sospen­sione della con­danna alla reclu­sione. Non solo: la Cedu rileva anche la dif­fi­coltà di appu­rare se gli agenti peni­ten­ziari respon­sa­bili delle vio­lenze siano stati poi ade­gua­ta­mente sot­to­po­sti ad azione disci­pli­nare. Il governo ita­liano non lo dice. Per i giu­dici di Stra­sburgo, però, il dete­nuto che ha pre­sen­tato il ricorso — Valen­tino Saba, che fu tra coloro che subi­rono vio­lenze e che oggi dovrà rice­vere dall’Italia un risar­ci­mento di 15 mila euro per danni morali, anche se lui ne aveva chie­sti 100 mila — è stato sot­to­po­sto a trat­ta­mento inu­mano e degra­dante ma non a tor­tura, come soste­neva l’ex dete­nuto. Nel pro­ce­di­mento davanti alla Cedu si erano costi­tuiti parte «ami­cus curiæ», soste­nendo le ragioni di Saba, il Par­tito Radi­cale ita­liano, quello Trans­na­zio­nale trans­par­tito e l’associazione «Non c’è pace senza giustizia».

Continua

Bahrain phoney “reforms” slammed during side event in Geneva
ABNA News Agency, 19 Jun 2014


Two years since Bahrain promised to implement the recommendations made during its universal periodic review (UPR) at the UN Human Rights Council, a side event in Geneva has slammed any progress made. The event co-organised by the Arab NGO Network for Development and Bahrain Human Rights Observatory (BHRO), heard from Fareeda Ghulam, wife of Bahraini political prisoner Ebrahim Shariff, Abdulnabi Alekry from BHRO, Matthew Sands of the Association for Prevention of Torture and was moderated by Niccolo Figa-Talamanca, Secretary-General of No Peace Without Justice.
In May 2012 Bahrain received 176 recommendations to implement at the UN Human Rights Council, as part of its Universal Periodic Review. Bahrain promised to implement the vast majority, in addition to the recommendations of the Bahrain Independent Commission of Inquiry, but both Matthew Sands and Abulnabi Alekry highlighted the deterioration of the human rights situation in Bahrain during this period.
In the next session of the Human Rights Council in September, Bahrain will have to provide an interim report on its progress towards the UPR recommendations. The message from this side event was that regardless of any claims made by the Government, little progress has been made and violations are ongoing.

Continua

UN / Geneva: NPWJ and NRPTT convene side event on “Ending Impunity for Atrocities in Syria”
Akhbar Alaan TV (Arabic), 19 Jun 2014


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Continua