Click here to see the English version
agosto 2015
Direttore resp.: Nicola Giovannini
Visita la nostra pagina Facebook Seguici su Twitter

 Notizie

Bahrein: NPSG e il PRNTT condannano fortemente il nuovo processo farsa nei confronti del leader dell’opposizione Ibrahim Sharif
 

Non c’è Pace Senza Giustizia e il Partito Radicale condannano fortemente il nuovo arresto e il nuovo processo farsa nei confronti di Ibrahim Sharif, personalità di spicco dell’opposizione bahreinita. Esprimiamo la nostra immutata solidarietà e il nostro supporto a Sharif, il quale ha costantemente sollecitato una protesta pacifica e sostenuto un giusto e onesto sistema politico democratico in Bahrein.
 
Le nuove accuse di stampo chiaramente politico mosse dal Ministero dell’Interno nei confronti di Sharif dimostrano la determinazione delle autorità del Bahrein nel voler perseverare nella loro campagna quotidiana realizzata con intimidazioni e minacce. Come nel passato, queste accuse appaiono chiaramente mirate a far tacere ogni pacifico dissenso e la ricerca non violenta verso un significativo avanzamento delle riforme democratiche, dello stato di diritto e del rispetto dei diritti umani nel paese.
 
E’ finito il tempo a disposizione della comunità internazionale per compiere immediati e concreti passi per assicurarsi che il Bahrein rispetti i suoi obblighi secondo il diritto internazionale dei diritti umani. Prima di tutto, essi devono rispettare e proteggere i diritti fondamentali dei propri cittadini. Essi devono rilasciare immediatamente e senza condizioni Ibrahim Sharif e tutti gli altri detenuti per reato d’opinione, incluso il resto dei Bahrein 13 e Sheikh Ali Salman, Segretario Generale del più grande partito d’opposizione al-Wefaq, il quale è stato recentemente condannato a quattro anni di prigione per aver incitato all’odio e alla disobbedienza contro il regime.
 
Leggi l'articolo

* Niccolò Figà-Talamanca è Segretario Generale di Non C’è Pace senza Giustizia

Necessario, ma sufficiente? Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite autorizza un nuovo organo per investigare sulle armi chimiche in Siria
 

Il 7 agosto 2015 il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto – attraverso la Risoluzione 2235 (2015) – al Segretario Genereale ONU di lavorare con l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPAC) al fine di creare un meccanismo investigativo congiunto per identificare i responsabili dell’uso di armi chimiche in Siria. Questa decisione segue l’adozione, da parte dello stesso Consiglio di Sicurezza, della Risoluzione n. 2118 del 27 settembre 2013, la quale chiedeva di terminare il programma siriano di armi chimiche e i perduranti attacchi nel Paese, nonostante un annuncio dell’OPAC I 2014, secondo cui la più letale riserva di armi chimiche dichiarata dal regime siriano era stata distrutta.
 
Quest’ultima risoluzione del Consiglio di Sicurezza sulla Siria dev’essere certamente ben accolta, giacchè punta i riflettori su quanto sta accadendo ai cittadini siriani ogni giorno, compreso un certo numero di casi di uso indiscriminato di armi chimiche contro civili. Nonostante questo sia un passo necessario per supportare la lotta contro l’impunità in Siria, Non c’è Pace Senza Giustizia e il Partito Radicale credono che esso sia solamente un miglioramento che, da solo, è insufficiente ad assicurare giustizia.
 
La risoluzione crea il meccanismo investigativo congiunto per identificare individui, enti, gruppi o governi coinvolti nell’uso di elementi chimici come armi. Questo è un precursore indispensabile per far valere la responsabilità di questi individui, enti, gruppi e governi, come è – fra l’altro – statuito nel preambolo della risoluzione stessa. Tuttavia, il documento non spiega come l’accountability dovrebbe essere raggiunta. Come Non c’è Pace Senza Giustizia e il Partito Radicale hanno più volte sottolineato in passato, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe avere un ruolo di leadership mondiale nel supporto dell’accountability e della giustizia in Siria – ma temiamo che quest’ultima risoluzione non sia ancora all’altezza di quel ruolo.
 
Leggi l'articolo

*  Alison Smith è Consigliere Legale e direttore del Programma di Giustizia Penale Internazionale di NPSG

NPSG saluta la straordinaria figura di Giovanni Conso
 

Non c'è Pace Senza Giustizia apprende la notizia della scomparsa di Giovanni Conso con grande dolore. E' stato un uomo capace di mettere la propria scienza e conoscenza del diritto al servizio delle istituzioni e ha avuto un ruolo chiave nel far avanzare il diritto internazionale, in particolare grazie al suo impegno per l'istituzione della Corte Penale Internazionale.
 
Ricordiamo con ammirazione e rispetto il suo appassionato contributo alla redazione dello Statuto di Roma durante la Conferenza Diplomatica del 1998. Con Giovanni Conso non scompare solo un grande giurista, scompare un uomo con una visione chiara della funzione del diritto come baluardo della legalità e dello Stato di diritto nel mondo.
 
Leggi l'articolo

 Eventi

Siria: NPSG organizza una riunione su giustizia di transizione e lotta contro l'impunità con Stephen Rapp
 

Il 27 Luglio 2015 Non c’è Pace Senza Giustizia (NPSG) e l’Orient Policy Centre (OPC), insieme all’organizzazione turca Kirkayak Sanat Merkezi (KSM) e alle organizzazioni siriane Syrian Association for Missing and Conscience Detainees e Euro-Syrian Democratic Forum, hanno organizzato un incontro private con H.E. Stephen J. Rapp, ambasciatore straordinato degli Stati Uniti per questioni attinenti a crimini di guerra.
 
Il meeting, che si è tenuto nell’ufficio di Gaziantep di NPSG, aveva lo scopo di riunire, secondo le regole di Chatham House, professionisti siriani ed internazionali della Giustizia di Transizione in Siria per discutere le attuali prospettive di ottenere giustizia per i continui crimini contro l’umanità e riparazione per le loro vittime quale elemento chiave di qualunque soluzione politica durevole al conflitto siriano.
 
Leggi l'articolo

 NPSG su radio Radicale

Un caffè con Non c'è Pace Senza Giustizia
 

 

Non c’è Pace Senza Giustizia e Radio Radicale, la principale emittente radiofonica nazionale che si occupa di temi di attualità politica, sono impegnati da tempo in una stretta collaborazione al fine di diffondere notizie ed informazioni sulle nostre campagne ad un ampio pubblico italiano. Tale collaborazione ha in particolare dato vita ad una rubrica settimanale di approfondimento sulle campagne ed attività in corso di NPSG. Il programma va in onda ogni venerdì mattina subito prima della principale rassegna stampa.

Ascolta gli episodi

 Comunicati Stampa di Non c'è Pace Senza Giustizia

Bahrein: Appello urgente per il rilascio di Abduljalil al-Singace, detenuto per reato d’opinione e in sciopero della fame da 160 giorni
27 agosto 2015

Bahrein: NPSG e il PRNTT condannano fortemente il nuovo processo farsa nei confronti del leader dell’opposizione Ibrahim Sharif
Bruxelles – Roma, 24 agosto 2015

Necessario, ma sufficiente? Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite autorizza un nuovo organo per investigare sulle armi chimiche in Siria
Bruxelles – Roma – 8 Agosto 2015

Non c'è Pace Senza Giustizia saluta la straordinaria figura di Giovanni Conso
Roma, Bruxelles - 3 agosto 2015

L’opportunità mancata della Libia: pene viziate seguono processi viziati
Bruxelles – Roma, 28 Luglio 2015

Conferenza su Stato di Diritto e Diritto alla Conoscenza
Roma, Senato della Repubblica, 27 luglio 2015

Siria: NPSG indice una riunione su giustizia di transizione ed accountability con Stephen Rapp
Gaziantep, Turchia, 27 luglio 2015

Giornata mondiale della giustizia internazionale: NPSG e PRNTT richiedono un impegno più forte nella lotta contro l’impunità
Roma - Bruxelles - New York, 17 luglio 2015

 Dicono di Noi


 

A new chance for Cyprus
By Martti Ahtisaari, Emma Bonino, Albert Rohan, and Nathalie Tocci, New Vision, 26 August 2015

Les juges doivent rouvrir l’affaire Kenyatta
CNTV, 20 August 2015

Libia, Appello bipartisan dall’Italia: “Torture inaccettabili per figli Gheddafi”
Termometro Politico, 7 August 2015

Lettera appello dei politici italiani: "Inaccettabili le torture ai Gheddafi"
Il Corriere / TGcom24, 7 August 2015

Sull’Universalità dei Diritti Umani
i Ilaria Nespoli, L'Opinione, 3 August 2015

L’universalità dei diritti umani: per fortuna ci sono i Radicali
Valter Vecellio, Cronache del Garantista, 27 July 2015

Opinion: European Federalism and Missed Opportunities
By Emma Bonino, Inter Press Service (IPS), 24 July 2015

Tra segreto di Stato e Diritto alla conoscenza
di Domenico Letizia, L'Opinione, 23 July 2015

Genocidio di Srebrenica, la Russia di Putin mette il veto all’Onu
Agenzi Radicale, 9 July 2015

Expo: diritti economici della donne in Africa e Mo, Unido li vuole sostenere
ONUITALIA, 7 July 2015

SYRIA: Exhibition of ‘Caesar’ Photographs – “Inside Syrian Authorities’ Prisons”
EurActiv, 7 July 2015

 Sostieni Non c'è Pace Senza Giustizia

Contribuisci, dÌ la tua e fai la differenza!
 
 DONA ADESSO
Avete il potere - lavorando con noi o facendo una donazione - di sostenere il nostro impegno per la tutela e la promozione dei diritti umani, della democrazia, dello stato di diritto e della giustizia internazionale in tutto il mondo.

Ogni contributo puo' fare la differenza e aiutarci nelle nostre battaglie e campagne per la lotta contro l'impunità per gravi violazioni del diritto umanitario e l'affermazione della giustizia penale internationale, per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili come violazione dei diritti umani di milioni di donne en bambine in tutto il mondo, e per sostenere il ruolo degli attivisti dei diritti umani e della democrazia nel Medio Oriente e Nord Africa.

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito: www.npwj.org/it

www.npwj.org/it

Questa Newsletter è inviata una volta al mese a chi ha espresso interesse per le attività di Non c' è Pace Senza Giustizia. Se preferisci non ricevere questa questa Newsletter mensile, o se preferisci riceverla ad un indirizzo diverso, invia un messaggio a cancellami@npwj.org e provvederemo immediatamente a rimuovere (o eventualemente sostituire) il tuo indirizzo e-mail.