Click here to see the English version
aprile 2016
Direttore resp.: Nicola Giovannini
Visita la nostra pagina Facebook Seguici su Twitter

 Notizie

Consultazione Ministeriale Sub-Regionale in Senegal per promuovere una effettiva implementazione della risoluzione ONU sulla messa al bando universale delle MGF
 

Il 26 e 27 Aprile 2016, Il Ministero della Donna, della Famiglia e dell’Infanzia del Senegal insieme a Non C’è Pace Senza Giustizia e in partenariato con il Comitato Inter-Africano per le Pratiche Tradizionali che Incidono sulla Salute delle Donne e dei Bambini (CI-AF) e le associazioni locali COSEPRAT e La Palabre, hanno convocato una Consultazione Ministeriale Sub-Regionale a Dakar, Senegal con l’intento di promuovere l’implementazione della Risoluzione 69/150  dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite  (AGNU) che chiede un divieto mondiale delle mutilazioni genitali femminili.
 
La Consultazione Ministeriale, tenutasi sotto l'alto patrocinio del Ministero delle Donne, della Famiglia e dell’Infanzia del Senegal, è stata organizzata con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale italiana. I partecipanti includevano ministri e rappresentanti governativi di alto livelloparlamentari e attivisti della società civile provenienti dal Senegal e da altri 14 paesi (Benin, Burkina Faso, Costa d'Avorio, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Liberia, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Sierra Leone, Togo), così come i rappresentanti delle agenzie delle Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali e missioni diplomatiche.
 
La conferenza si è conclusa con l’adozione di una Dichiarazione Finale richiedendo di ''riconoscere e promuovere il ruolo fondamentale della legge e di altri quadri normativi nell’attuazione del divieto delle MGF attraverso la proibizione e lacriminalizzazione di questa violazione dei diritti umani”. Come indicato nella dichiarazione finale, occorre garantire che il divieto delle MGF si rifletta in tutti i settori ea tutti i livelli, compresi i codici di condotta professionali, le norme in materia di di istruzione, la formazione continua e la valutazione professionale. Il documento osserva che questo dovrebbe massimizzare il potenziale del divieto della pratica, al fine di garantire una risposta coordinata e globale alle esigenze delle vittime. Le autorità nazionali dovrebbero anche assicurare la fornitura di servizi integrati e adequati per rispondere ai bisogni delle vittime, sia in campo medico e psicosociale che giudiziario.
 
Inoltre, i partecipanti hanno sottolineato la necessità di assicurare stanziamenti di bilancio sufficienti a livello locale, nazionale, subregionale, regionale e internazionale, per attuare il divieto delle MGF in tutti i suoi aspetti, ivi compresi la prevenzione, la risposta e l’evaluazione. Infine, la dichiarazione esorta all'istituzione di un meccanismo di coordinamento e di condivisione di informazioni tra i governi, i parlamenti e la società civile della sub-regione, al fine di armonizzare le legislazioni, i quadri normativi e le politiche nazionali, per prevenire e consentire la valutazione delle pratiche transfrontaliere in materia di MGF.
 
Leggi l'articolo

Crimini di Guerra in Bangladesh: NPSG chiede l’abolizione della pena di morte e il pieno rispetto delle garanzie del giusto processo
 

Non c’è Pace senza Giustizia (NPSG) e il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito (PRNTT) sono profondamente preoccupati per le ultime condanne a morte pronunciate nei confronti di due dirigenti chiave del Jamat-e-Islami da parte del Tribunale pensale internazionale del Bangladesh. Continuiamo a deplorare che, come in precedenti processi antecedenti al TPI, i procedimenti giudiziari che hanno portato a questi verdetti sono stati segnati da gravi violazioni dei diritti del giusto processo e degli standard internazionali dell’equo processo. Tra le principali violazioni vi sono l’evidente disuguaglianza di armi tra la difesa e l’accusa, le pressioni intollerabili da parte del pubblico ministero nei confronti dei testimoni, e una relativa mancanza di prove a sostegno delle accuse e delle responsabilità penali individuali di entrambi i detenuti (anche durante gli appelli antecedenti alla Corte suprema del Bangladesh).
 
Questi ultimi giudizi confermano ulteriormente l’incapacità e la riluttanza del Tribunale penale internazionale (TPI) e del sistema giudiziario del Bangladesh, in generale nell’applicare gli standard internazionali che garantiscono di sottoporre i crimini alla legge internazionale e di rendere credibile e legittima la responsabilità per atrocità di massa commesse durante il conflitto del 1971, dal quale il Bangladesh è emerso traumaticamente come uno Stato indipendente. Esortiamo il governo del Bangladesh ad istituire una moratoria immediata sulla pena di morte emessa nei confronti del sig. Nizami e del sig. Quasem Ali come di altri condannati dal TPI e di attuare la promessa fatta di una vera giustizia per le vittime, fatta al momento della ratifica dello statuto di Roma della Corte Penale Internazionale cinque anni fa. Ci aspettiamo inoltre che la Comunità internazionale adotti concrete misure in grado di garantire che il Bangladesh si confermi ai diritti umani internazionali e agli altri doveri del trattato.
 
Leggi l'articolo

L’annullamento delle accuse a carico di Ruto e Sang segnalano un immediato bisogno di revisionare i meccanismi di investigazioni e di protezione dei testimoni della Corte Penale Internazionale
 

Il 5 Aprile 2016, la camera di primo grado V(A) della Corte Penale Internazionale (CPI) ha deciso a maggioranza, solo il giudice Olga Herrera Carbuccia ha dissentito, di liberare dalle accuse e terminare il caso contro il Vice Presidente Keniano William Ruto e l’ex speaker radiofonico Arap Sang. Questa decisione è chiaramente una grave battuta d'arresto nel processo di assicurare un risarcimento per le centinaia di migliaia di vittime Keniane e nel tentativo di garantire alla popolazione che i giorni di violenza da parte del potere politico in Kenya, sono finiti. Avendo lavorato per molto tempo a stretto contatto con la Commissione Nazionale sui Diritti Umani Keniana sulla raccolta di informazioni fin dai primi mesi del 2008, siamo chiaramente delusi.  Ma questo non è niente in confronto a come si devono sentire le vittime dei crimini.
 
Come evidenziato dalla sentenza dei giudici della CPI, i preoccupanti episodi di sistematica interferenza nei confronti dei testimoni (anche attraverso la corruzione e l’intimidazione), e l’intollerabile ingerenza politica sono i fattori chiavi che hanno portato alla decisione di ieri. È impossibile sapere se le prove del Procuratore, in circostanze meno ostili, sarebbero state sufficienti a sostenere le accuse. Tuttavia, annullandole, almeno una porta è stata lasciata aperta per azioni penali future sia alla Corte Internazionale sia ai Tribunali Nazionali. La possibilità di ottenere giustizia è ancora là; la liberazione da queste accuse in questo momento, non ha né spogliato la CPI delle sue competenza, né ha soppresso la possibilità che le imputazioni possano essere mosse contro coloro che furono inizialmente accusati della commissione dei reati durante le violenze post-elettorali nel 2007-8.
 
Occorre fare di più per evitare che questo si verifichi in futuro. La decisione presa dai giudici della CPI ha ulteriormente dimostrato che la corte era impreparata ad affrontare adeguatamente le sfide incontrate nelle sue indagini in Kenya, soprattutto quando sono coinvolte persone politicamente potenti, e il dibattito sull'ambiente politico mette in evidenza la necessità di un più forte sostegno alla CPI da parte dei suoi Stati Membri e non solo.
 
Leggi l'articolo

Alison Smith è Consigliere Legale e Direttore del Programma di Giustizia Penale Internazionale di NPSG

 Eventi

SALAM e NPSG convocano una conferenza su settarismo politico e discriminazioni contro gli sciiti in Bahrain
 

Come parte dei loro sforzi per promuovere e proteggere i diritti umani e la democrazia nel Medio Oriente e in particolare in Bahrain, l’organbizzazione  SALAM for Democracy and Human Rights, in collaborazione con Non c'è Pace Senza Giustizia, ha organizzato una conferenza di due giorni sul tema del settarismo politico e delle discriminazioni contro la comunità sciita in Bahrain, tenutasi il 22-23 aprile 2016 presso il Brussels Press Club Europa. La conferenza, che ha riunito rappresentanti di ONG, difensori dei diritti umani, ricercatori e leader religiosi, mirava a mettere in risalto gli ostacoli alla promozione e alla tutela dei diritti dei sciiti in Bahrein, e di esplorare soluzioni creative e pratiche che possano contribuire efficacemente all'eliminazione di qualsiasi forma di discriminazione nei loro confronti.
 

Come evidenziato da Nicola Giovannini (NPSG) nel suo discorso di apertura: "l’uso del settarismo come strumento politico adottato dal regime Bahreinita serve a delegittimare autentiche rivendicazioni popolari di riforme, come guidate da interessi particolari o settari (e quindi negare la loro portata nazionale). Questa strategia del divide et impera si è anche tradotta con pratiche e politiche discriminatorie nei confronti della comunità sciita, che compone la maggior parte della popolazione. Uno Stato che vuole essere considerato democratico non può basarsi su tale sistema che alimenta la divisione settaria. Lo scopo di questa conferenza è quello di promuovere riforme significative volte ad assicurare che tutti i bahreiniti, indipendentemente dalla loro fede o comunità di appartenenza religiosa, siano considerati e si considerino prima di tutto come cittadini di uno stato, uguali in diritti di fronte alla legge e con pari voce nelle questioni relative alla governance della vita pubblica".

Leggi l'articolo

Raccomandazioni della Società Civile Siriana sulla lotta contro l'impunità, sulla Violenza Sessuale e di Genere e sui Diritti delle Donne e dei Bambini
 

Lunedì 28 Marzo 2016, una tavola rotonda con associazioni della Società Civile Siriana, organizzata da Non C’è Pace Senza Giustizia (NPSG) dal 26 al 28 Marzo, si è conclusa con un evento pubblico a Gaziantep dove i partecipanti hanno presentato le loro raccomandazioni alla Coalizione dell'Opposizione Siriana (COS). Una volta ricevuto formalmente le raccomandazioni dai rappresentanti della COS, vi è stata una discussione su di esse e sulle questioni sollevate durante la tavola rotonda dai partecipanti e dai presenti durante l’evento pubblico.
 
La tavola rotonda è stata organizzata a seguito di un workshop presentato da NPSG a Febbraio sulla promozione della responsabilità attraverso i Meccanismi delle Nazioni Unite, con una particolare attenzione alla violenza sessuale e di genere e a coloro che più hanno subito e continuano a subire le conseguenze della guerra, ovvero, donne e bambini. NPSG ha lavorato con sei rappresentanti della Società Civile Siriana per presentare le loro esperienze e raccomandazioni ad un gruppo più ampio della Società Civile, il quale ha discusso, definito e finalizzato le raccomandazioni attraverso un processo partecipativo.
 
Le raccomandazioni emerse sono state indirizzate a coloro che sono coinvolti nelle negoziazioni e nel processo costituzionale ed altri attori fondamentali. Queste si riferiscono alle azioni che devono essere intraprese adesso ma anche durante e dopo il processo di transizione e chiedono un coinvolgimento di tutti i settori della Società Siriana.
 
Leggi l'articolo

 NPSG su radio Radicale

Un caffè con Non c'è Pace Senza Giustizia
 

Non c’è Pace Senza Giustizia e Radio Radicale, la principale emittente radiofonica nazionale che si occupa di temi di attualità politica, sono impegnati da tempo in una stretta collaborazione al fine di diffondere notizie ed informazioni sulle nostre campagne ad un ampio pubblico italiano. Tale collaborazione ha in particolare dato vita ad una rubrica settimanale di approfondimento sulle campagne ed attività in corso di NPSG. Il programma va in onda ogni venerdì mattina subito prima della principale rassegna stampa.

Ascolta gli ultimi episodi

 Comunicati Stampa di Non c'è Pace Senza Giustizia

ONU: diritto alla conoscenza e universalità dei diritti umani. Presentazione di “SOS stato di diritto” e dell’iniziativa in sede ONU
7 aprile, alle ore 15.00, a Palazzetto Venezia, Roma

L’annullamento delle accuse a carico di Ruto e Sang segnalano un immediato bisogno di revisionare i meccanismi di investigazioni e di protezione dei testimoni della Corte Penale Internazionale
Bruxelles - Roma, 6 Aprile 2016

Decisione su Sešelj intollerabile e inaccettabile: NPSG e PRNTT richiedono il ricorso in appello per superare le evidenti carenze
Bruxelles - Roma, 1 aprile 2016

Conferenza stampa di presentazione del libro fotografico “We are Syria” a cura della Onlus “We Are”
31 marzo 2016, ore 16.30, Via di Torre Argentina 76, 00186 Roma

Raccomandazioni della Società Civile Siriana sulla lotta contro l'impunità, sulla Violenza Sessuale e di Genere e sui Diritti delle Donne e dei Bambini
Gaziantep, Turchia, 28 marzo 2016

Siria: NPSG e i partner siriani presentano raccomandazioni da prendere in considerazione durante la 26ma sessione del Gruppo di Lavoro dell’UPR
Ginevra, 24 marzo 2016

 Dicono di Noi


 

Forum sous-régional ministériel au Sénégal pour mettre fin aux MGF
CCTV, Afrique Infos, 29 April 2016

Forum ministériel sous-régional au Sénégal pour mettre fin aux MGF
CCTV / Afrique Infos, 29 April 2016

Faible sanction sur l’excision au Sénégal. Seuls huit jugements en 17 ans
Mouhamadou BA, Rewmi, 27 April 2016

Sénégal : Plaidoyer pour la criminalisation des mutilations génitales féminines
APA / Star Africa, 27 April 2016

Conférence de Presse (extrait) sur la Conférence Ministérielle sous-régionale de Dakar
Senego TV, 26 April 2016

Ouverture à Dakar d’une conférence sous-régionale contre les mutilations génitales
APA / Star Africa, 26 April 2016

Seuls huit jugements en 17 ans pour pratique de l'excision au Sénégal
APA / Star Africa, 26 April 2016

Pour rayer l'excision de la carte: Une Consultation ministérielle sous régionale s'ouvre à Dakar
Ieral, 26 April 2016

Excision: Seuls 8 cas jugés en 17 ans au Sénégal
Sen360, 26 April 2016

Dakar hôte d’une consultation sous-régionale sur l’élimination des mutilations génitales
Ligne Directe (Sénégal), 26 April 2016

Des ministres de la sous-région en consultation sur l’interdiction des Mutilations génitales féminines, Pana - 24 avril 2016
PANA, 24 April 2016

Brussels Conference Launches Book Revealing Shocking Facts about Discrimination against Shia in Bahrain
AhlulBayt News Agency, 24 April 2016

Consultation Ministérielle Sous Régionale sur la mise en œuvre de la Résolution onusienne 69/150 interdisant les Mutilations Génitales Féminines
Thiey Dakar, 23 April 2016

Outrage at UN court's 'rewriting' of Balkans wars
Jo Biddle, AFP, 1 April 2016

 Sostieni Non c'è Pace Senza Giustizia

Contribuisci, dÌ la tua e fai la differenza!
 
 DONA ADESSO
Avete il potere - lavorando con noi o facendo una donazione - di sostenere il nostro impegno per la tutela e la promozione dei diritti umani, della democrazia, dello stato di diritto e della giustizia internazionale in tutto il mondo.

Ogni contributo puo' fare la differenza e aiutarci nelle nostre battaglie e campagne per la lotta contro l'impunità per gravi violazioni del diritto umanitario e l'affermazione della giustizia penale internationale, per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili come violazione dei diritti umani di milioni di donne en bambine in tutto il mondo, e per sostenere il ruolo degli attivisti dei diritti umani e della democrazia nel Medio Oriente e Nord Africa.

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito: www.npwj.org/it

www.npwj.org/it

Questa Newsletter è inviata una volta al mese a chi ha espresso interesse per le attività di Non c' è Pace Senza Giustizia. Se preferisci non ricevere questa questa Newsletter mensile, o se preferisci riceverla ad un indirizzo diverso, invia un messaggio a cancellami@npwj.org e provvederemo immediatamente a rimuovere (o eventualemente sostituire) il tuo indirizzo e-mail.