Click here to see the English version
febbraio 2015
Direttore resp.: Nicola Giovannini
Visita la nostra pagina Facebook Seguici su Twitter

 Notizie

IILHR, NPSG, MRG e UNPO pubblicano rapporto sulle minoranze irachene dopo la caduta di Mosul
 

In Iraq le minoranze sono state prese di mira dallo Stato Islamico dell’ Iraq e al- Sham (ISIS), che con strategie sistematiche le caccia definitivamente da larghe aree dell’Iraq, come affermato da un gruppo di organizzazioni per i diritti umani in un report lanciato oggi a Bruxelles presso il Centro della Stampa Internazionale. Le conclusioni del rapporto sono anche state presentate alla Sottocommissione per i Diritti Umani del Parlamento Europeo durante la sua sessione del 26 Febbraio 2015.

"Tra le macerie: le minoranze irachene dopo la caduta di Mosul" è un rapporto congiunto dell'Institute of International Law and Human Rights (IILHR), Minority Rights Group International (MRG), Non C’è Pace Senza Giustizia  (NPSG) e l'Organizzazione delle Nazioni e dei Popoli Non Rappresentati (UNPO)  riguardante principalmente le minoranze di Cristiani, Kaka’i, Shebak, Turkmeni e Yezidi, le più colpite dal conflitto. 

Il documento contiene raccomandazioni pratiche per attenuare l’incombente crisi umanitaria e condurre verso un’esauriente riforma sociale e legale che metta fine alla già longeva marginalizzazione  delle minoranze.
 
Come affermato da Alison Smithconsulente legale di NPSG, "la ricerca fatta per questo rapporto mostra molto chiaramente come l’ISIS abbia commesso crimini di guerra, crimini contro l’umanità e forse anche genocidio contro le minoranze etniche e religiose dell’Iraq settentrionale. Tali atrocità non possono passare inosservato e non essere prese in considerazione; il governo iracheno e la comunità internazionale devono ottenere giustizia e risarcimenti per le vittime".
 
Leggi l'articolo

Siria: liberare i difensori dei diritti umani detenuti da 3 anni
 

Oggi 71 organizzazioni per i diritti umani (tra cui Non c'è Pace Senza Giustizia), hanno dichiarato che Il governo siriano dovrebbe rilasciare immediatamente Mazen Darwish, Hani Al-Zitani e Hussein Gharir, illustri difensori dei diritti umani detenuti da tre anni. I tre uomini sono stati arrestati dalle forze aeree siriane  il 16 febbraio 2012, nel corso di un raid negli uffici del Centro siriano per i media e la libertà di espressione (SCM) a Damasco. Nel febbraio 2013, erano stati condotti al cospetto del tribunale anti-terrorismo, con le accuse di aver pubblicizzato atti terroristici, sotto l’articolo 8 della legge anti terrorismo del 2012. Da allora, il tribunale ha ripetutamente rinviato il processo, l’ultima volta nel gennaio 2015. Non è ancora stata fissata alcuna data per un prossimo processo.
 
Il SCM è un’importante organizzazione non governativa che lavora per diffondere informazioni sulla situazione dei diritti umani in Siria, e sui media e la libertà di espressione. Le organizzazioni firmatarie ritengono che Darwish, Al-Zitani e Gharir siano stati accusati come conseguenza della loro legittima attività in favore dei diritti umani e della libertà di espressione, in risposta alla crisi continua in Siria.
 
L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, nella Risoluzione 67/262 del 15 maggio 2013, aveva domandato il rilascio dei tre uomini. A gennaio 2014, il Working Group dell’ONU sulla detenzione arbitraria (WGAD) aveva dimostrato che i tre uomini erano stati arbitrariamente privati della loro libertà a causa del loro impegno per i diritti umani, chiedendone il rilascio immediato. Anche nella Risoluzione 2139, adottata il 22 febbraio 2014 dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu, si chiedeva l’immediato rilascio di tutte le persone arbitrariamente detenute in Siria. Il Governo della Siria dovrebbe ascoltare la voce delle Nazioni Unite e rilasciare immediatamente questi tre difensori, come tutti gli altri attivisti pacifici che sono arbitrariamente detenuti.
 
Leggi l'articolo

“Giornata internazionale della tolleranza zero verso le mutilazioni genitali femminili”: NPSG chiede la piena e completa attuazione della Risoluzione delle Nazioni Unite per il divieto globale delle MGF
 

In questa giornata internazionale della tolleranza zero verso le MGF, Non C’è Pace Senza Giustizia (NPSG) e il Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (PRNTT), colgono l’occasione per congratularsi con tutte le eccezionali persone e organizzazioni, che combattono ogni giorno questa violazione dei diritti umani, per i notevoli passi in avanti fatti in questi anni.
 
Le MGF costituiscono una violazione dei diritti umani e una forma estrema di discriminazione e violenza contro donne e bambine, a cui ogni anno nel mondo rischiano di essere sottoposte tre milioni di ragazze. In dicembre 2014, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato la Risoluzione 69/150 che condanna tale violazione dei diritti umani e rinnova l’impegno preso con la prima storica Risoluzione 67/146 del 2012, con un crescente numero di paesi sostenitori e un linguaggio rafforzato.”
 
Quest’anno si è anche assistito a una tappa fondamentale riguardante l’applicazione della legge. Il primo processo su un caso di MGF in Egitto ha portato alla condanna del dottore che ha commesso la violazione, così come del padre che ha portato la figlia a essere sottoposta alla pratica. Tale esito manda il forte messaggio all’Egitto e al mondo intero che la medicalizzazione delle MGF non può fornire alibi per gli esecutori. Essendo la medicalizzazione di tale pratica una delle più grandi – e crescenti – minacce alla sua eliminazione, dando un’aura di legittimità a questa violazione dei diritti umani, il processo in Egitto è un importante passo in avanti nella lotta contro le MGF.
 
Leggi l'articolo

Alvilda Jablonko è Coordinatrice del Programma Genere e Diritti Umani di NPSG

 Eventi

NPSG organizza il seminario "Sfide e priorità connesse all'attuazione delle politiche di giustizia di transizione in Libia e Tunisia"
 

Il 18 febbraio 2015, Non C’è Pace Senza Giustizia (NPSG) ha organizzato a Tunisi il seminario "Sfide e priorità connesse all'attuazione delle politiche di giustizia di transizione in Libia e Tunisia”. Tra i partecipanti c’erano rappresentanti della società civile sia libica che tunisina.

L’intento dell’evento è stato quello di fornire una prospettiva comparativa sulle sfide chiave legate all’attuazione delle politiche della giustizia di transizione in Libia e Tunisia, così come quello di mettere in luce le imminenti priorità che i paesi affronteranno nel dibattito sulla giustizia e la responsabilità dal punto di vista della società civile. Le discussioni si sono focalizzate in particolare sul coinvolgimento della società civile e il suo contributo alla giustizia di transizione in Tunisia, sull’evoluzione della giustizia di transizione in Libia e su come l’esperienza tunisina possa supportare e rafforzare il lavoro dei colleghi libici.
 
Circa 4 anni fa, sia Tunisia che Libia videro cadere i loro regimi repressivi, dopo decenni di restrizioni. Ma, mentre la Tunisia ha recentemente celebrato con successo la conclusione dei suoi lunghi processi di transizione con le elezioni presidenziali e parlamentari, la Libya sta vivendo uno dei periodi più violenti e turbolenti della sua più recente storia. Le sfide affrontate dalla Tunisia in tale processo, così come i successi e i tentativi falliti nelle post-rivoluzioni degli altri paesi arabi, possono essere d’esempio per quei paesi, come la Libia, che ancora oggi stanno lottando per trovare il modo di stabilire meccanismi di giustizia di transizione che possano supportare la costruzione di istituzioni politiche aperte e democratiche.
 
Leggi l'articolo

Workshop nazionale in Mauritania per promuovere l’attuazione della risoluzione ONU di messa al bando delle mutilazioni genitali femminili
 

Il 10 e 11 febbraio 2015, Non c'è Pace Senza Giustizia, in collaborazione con l’Association pour la promotion de l'égalité de genre et des droits humains (APEDH) e l’Inter-African Committee for Traditional Practices Affecting the Health of Women and Children  (IAC), organizza un workshop nazionale a Nouakchott, in Mauritania, al fine di promuovere l’attuazione della risoluzione adottata il 20 dicembre 2012 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (UNGA)che afferma il divieto globale delle mutilazioni genitali femminili (A/RES/67/146). Il meeting è organizzato con il supporto del Ministro Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
 
Tra i partecipanti saranno presenti esponenti governativi di alto livello, parlamentari e attivisti della società civile della Mauritania, nonchè rappresentanti delle agenzie delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni internazionali. Il workshop fornirà l’opportunità di consolidare il pieno coinvolgimento e impegno delle autorità politiche della Mauritania a favore dell’attuazione della risoluzione adottata dall’UNGA, che vieta esplicitamente le MGF come violazione dei diritti umani di donne e ragazze. Tra i suoi obbiettivi specifici, il workshop prevede anche la discussione e l’analisi dei meccanismi locali volti a proteggere donne e ragazze dalle MGF, così come l’identificazione delle sfide e prospettive par l'adozione e l'applicazione di una legge specifica vietando questa violazione dei diritti umani.
 
Nonostante anni di campagne di sensibilizzazione e di diversi piani d’azione promossi a livello nazionale dal governo e atti a promuovere l’eliminazione delle MGF, la pratica è ancora molto diffusa in Mauritania, dove il 72% delle donne e delle ragazze, secondo le stime, è stato sottoposto alla pratica. La lotta contro questa violazione dei diritti umani richiede maggiore cooperazione e sinergia tra tutte le istituzioni e le organizzazioni della società civile per essa impegnate, ma anche un lavoro di prevenzione e condanna dell’aumento della medicalizzazione della pratica, così come l’adozione e un efficace applicazione della legge che vieta le MGF, per proteggere le sue vittime e far sì che i colpevoli ne rispondano.
 
Leggi l'articolo

 NPSG su radio Radicale

Un caffè con Non c'è Pace Senza Giustizia
 

Non c’è Pace Senza Giustizia e Radio Radicale, la principale emittente radiofonica nazionale che si occupa di temi di attualità politica, sono impegnati da tempo in una stretta collaborazione al fine di diffondere notizie ed informazioni sulle nostre campagne ad un ampio pubblico italiano. Tale collaborazione ha in particolare dato vita ad una rubrica settimanale di approfondimento sulle campagne ed attività in corso di NPSG. Il programma va in onda ogni venerdì mattina subito prima della principale rassegna stampa. 

Gli ultimi episodi si concentrano in particolare sulla Giornata mondiale di tolleranza zero contro le mutilazioni genitali femminili (6 febbraio), con Alvilda Jablonko che, in collegamento da Costa d’Avorio e Mauritania, parla delle attività svolte da NPSG, in collaborazione con i partner locali. Giulia Cappellazzi e Gianluca Eramo parlano dell’evento organizzato dalla nostra organizzazione sul tema “sfide e priorità connesse all’attuazione delle politiche di giustizia di transizione in Libia e Tunisia” e di quello, in programma per marzo, sulla documentazione delle violazioni dei diritti umani in Libia, che si terrà la prossima settimana in Tunisia. Niccolò Figà-Talamanca, Segretario di NPSG, parla della campagna per “Per un nuovo diritto umano: il diritto alla conoscenza”, una campagna promossa dal Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito in collaborazione con NPSG e Nessuno Tocchi Caino. Inoltre, Nicola Giovannini parla di due importanti eventi organizzati per il lancio di un rapporto sullo status delle minoranze in Iraq, elaborato da un consorzio di 4 organizzazioni tra cui, appunto, NPSG.

Ascolta gli episodi

 Comunicati Stampa di Non c'è Pace Senza Giustizia

Minoranze irachene vittime del deliberato tentativo di estirpare la diversità religiosa in Iraq
27 febbraio 2015

Lancio del Report sulle minoranze irachene dopo la caduta di Mosul
26 Febbraio 2015, International Press Center, Bruxelles

Convegno sul tema “Diritto internazionale umanitario e protezione dei civili nei conflitti armati. Il caso di Khojaly”
Roma, 25 Febbraio 2015

NPSG organizza il seminario "Sfide e priorità connesse all'attuazione delle politiche di giustizia di transizione in Libia e Tunisia"
Tunisi, 18 febbraio 2015

Siria: liberare i difensori dei diritti umani detenuti da 3 anni
Ginevra, 16 febbraio 2015

Workshop nazionale in Mauritania per promuovere l’attuazione della risoluzione ONU di messa al bando delle mutilazioni genitali femminili
Nouakchott, Mauritania, 10-11 Febbraio 2015

“Giornata internazionale della tolleranza zero verso le mutilazioni genitali femminili”: NPSG chiede la piena e completa attuazione della Risoluzione delle Nazioni Unite per il divieto globale delle MGF
6 febbraio 2015

NPSG contribuisce alla “IV Conferenza Internazionale sulla MGF: Misure per la prevenzione e l’eliminazione” della UNAF
Madrid, Spagna, 5-6 Febbraio 2015

Workshop nazionale in Costa d’Avorio per promuovere l’attuazione della risoluzione ONU di messa al bando delle mutilazioni genitali femminili
Abidjan, Costa d’Avorio, 4-5 Febbraio 2015

Contribuisci alla campagna di autofinanziamento "Per un nuovo diritto umano: il DIRITTO ALLA CONOSCENZA"
3 February 2015

NPWJ e KADEM organizzano un training sulla “Promozione del contributo della Corte Penale Internazionale alle riforme sui diritti umani e democratici in Libya”
Hammamet, Tunisia, 27-29 gennaio 2015

Bahrein: 110 parlamentari da 43 paesi chiedono il rilascio immediato di Sheikh Ali Salman
28 gennaio 2015

 Dicono di Noi


 

Religious minorities at risk in the Middle East: "Death has become something banal"
European Parliament News, 27 February 2015

Islamic State: Iraq minorities 'threatened with eradication'
BBC News, 27 February 2015

Islamic State aims to eradicate Iraq minorities – rights groups
By Kieran Guilbert, REUTERS, 27 February 2015

ONG alertan de que el Estado Islámico atenta contra las minorías para erradicar la diversidad religiosa de Ira
Europa Press, 26 February 2015

Libertà religiosa: Parlamento UE, allarme per cristiani e altre minoranze in medio oriente
Sir Europa - Bruxelles, 26 February 2015

Will the Reinstatement of the Death Penalty in Turkey Prevent Violence Against Women?
Aylin Unver Noi , The World Post, 24 February 2015

Hacen jornadas por erradicación de mutilación genital femenina
Gloria López, Diario Rotativo, 5 February 2015

Mutilazioni Genitali Femminili: evento NPSG in Costa d’Avorio con sostegno Farnesina
Onultalia, 4 February 2015

La Cpi e i crimini dell’Esercito in Uganda
Domenico Letizia, L'Opinione, 30 January 2015

Bahrain opposition head rejects charges as trial opens
The Daily Mail / AFP, 28 January 2015

Justice comes in end, says expert to arrested Uganda rebels commander
CCTV (China Central Television), 21 January 2015

 Sostieni Non c'è Pace Senza Giustizia

Contribuisci, dÌ la tua e fai la differenza!
 
 DONA ADESSO
Avete il potere - lavorando con noi o facendo una donazione - di sostenere il nostro impegno per la tutela e la promozione dei diritti umani, della democrazia, dello stato di diritto e della giustizia internazionale in tutto il mondo.

Ogni contributo puo' fare la differenza e aiutarci nelle nostre battaglie e campagne per la lotta contro l'impunità per gravi violazioni del diritto umanitario e l'affermazione della giustizia penale internationale, per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili come violazione dei diritti umani di milioni di donne en bambine in tutto il mondo, e per sostenere il ruolo degli attivisti dei diritti umani e della democrazia nel Medio Oriente e Nord Africa.

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito: www.npwj.org/it

www.npwj.org/it

Questa Newsletter è inviata una volta al mese a chi ha espresso interesse per le attività di Non c' è Pace Senza Giustizia. Se preferisci non ricevere questa questa Newsletter mensile, o se preferisci riceverla ad un indirizzo diverso, invia un messaggio a cancellami@npwj.org e provvederemo immediatamente a rimuovere (o eventualemente sostituire) il tuo indirizzo e-mail.