Click here to see the English version
giugno 2017
Direttore resp.: Nicola Giovannini
Visita la nostra pagina Facebook Seguici su Twitter

 Notizie

Non c'è Pace Senza Giustizia saluta con gratitudine Simone Veil
 

Oggi viene a mancare una donna la cui vita ha incarnato campagne d'importanza capitale per l'affermazione del diritto e la conquista di spazi di libertà e di responsabilità individuali.
 
Simone Veil, che ha vissuto sulla propria pelle il dramma della Shoah, è stata una grande sostenitrice della lotta all'impunità e dell'istituzione della Corte Penale Internazionale, accettando nel 2008 di assumere la presidenza del fondo istituito dalla Corte e destinato alle vittime in contesti di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità. 
 
Da ministro della Sanità ha dato vita alla riforma che ha condotto all'introduzione in Francia di una legge che depenalizzasse l'interruzione volontaria di gravidanza. Tutti ricordano con emozione le parole sulla drammaticità della scelta per una donna di ricorrere all'aborto, pronunciate il 26 novembre 1974 davanti a una Assemblea Nazionale costituita per la quasi totalità di uomini.
 
Leggi l'articolo

Iraq: leader europei per il supporto ai processi di transizione post-ISIS
 

La conferenza “Ninive dopo l'ISIS: la risposta europea”, organizata il 6 giugno al Parlamento europeo per discutere la situazione post-ISIS in Iraq è terminata con un generale consenso su un ampio apparato di misure e azioni per far tornare gli sfollati nelle loro case e iniziare la ricostruzione. Tenendo presente che l’imminente caduta di Mosul non significa “Game Over” per le Istituzioni Europee e gli stati membri, la conferenza ha sviluppato sette priorità principali per l’Europa e le autorità irachene per la fase “post-ISIS” del conflitto in Iraq. 
 
La conferenza è stata ospitata dai Membri del Parlamento Europeo Ana Gomes e Elmar Brok e organizzata in collaborazione con Non c'è Pace Senza Giustizia (NPSG), l’Institute for International Law and Human Rights (ILHIR), la Konrad-Adenauer-Stiftung, l’Organizzazione dei Popoli e delle Nazioni non Rappresentati (UNPO) e Minority Rights Group International (MRG).
 

La conferenza ha riunito alti rappresentanti del Governo Iracheno, della regione autonoma del Kurdistan iracheno, delle Nazioni Unite, delle Istituzioni Europee, parlamentari europei e iracheni, e rappresentanti della società civile irachena.

Leggi l'articolo

 Eventi

Conferenza “Tortura: mettere a tacere gli attivisti anti-schiavitù di IRA Mauritania”
 

Il 29 giugno 2017, IRA Mauritania ha organizzato un dibattito al centro Rosocha a Bruxelles dal titolo “Tortura: mettere a tacere gli attivisiti anti-schiavitù di IRA Mauritania”.  All’evento, hanno partecipato diversi rappresentanti di IRA Mauritania, tra cui Biram Dah Abeid, Presidente di IRA-Mauritania, Hamady Lehbous, portavoce di IRA-Mauritania, Khatri Rahel Mbareck, coordinatore del comitato per la pace, Jemal Samba Beylil, membro dell’ufficio Riadh, Abdallahi Abou Diop, membro dell’ufficio Riadh e Mariem Mint Cheikh Dieng, una delle principali figure femminili nella lotta contro la schiavitù in Mauritania. La Conferenza ha inoltre goduto del contributo di Niccolò Figà-Talamanca, Segretario Generale di Non c’è Pace senza Giustizia.
 
L’evento si è tenuto con lo scopo di accrescere la consapevolezza sul tema della schiavitù e discutere dell’arresto di 13 membri di IRA Mauritania in occasione di una protesta organizzata il 29 giugno 2016 contro l’espropriazione forzata di alcune famiglie da una baraccopoli nel quartiere di Ksarn a Nouakchoutt, capitale della Mauritana.
 
Secondo la testimonianza del Presidente di IRA Mauritania e dei membri del movimento, l’arresto è avvenuto a due settimane dalla dimostrazione. Jemal Samba Beylil è stato arrestato nel suo negozio, mentre i suoi colleghi, Abdallahi Abou Diop e Khatri Rahel Mbareck, sono stati arrestati dalla polizia; alcuni testimoni l’hanno descritta come “una di quelle scene che si vedono nei film d’azione”.
 
Leggi l'articolo

Lancio pubblico del rapporto “L'Iraq al bivio: il futuro delle minoranze dopo ISIS”
 

L'Iraq al bivio: il futuro delle minoranze dopo ISIS” (Crossroads: The Future of Iraq’s Minorities after ISIS) documenta come, nonostante possa sembrare che le forze dell’ISIS siano state respinte da molte aree che fino a poco tempo fa erano sotto il loro controllo, il futuro delle minoranze in Iraq è ben lungi dall’essere assicurato. Tra rivendicazioni incrociate sul possesso delle terre, la proliferazione di milizie armate a gravi abusi dei diritti umani perpetrati da tutti i belligeranti, le minoranze etniche e religiose, decimate dai terroristi già prima della caduta di Mosul, gli indizi sembrano suggerire che le persecuzioni e le discriminazioni continueranno anche dopo la sconfitta dell’ISIS.
 
Il rapporto, inoltre, avanza 63 raccomandazioni specifiche al governo dell’Iraq, al Governo Regionale del Kurdistan e alla comunità internazionale che possono affrontare la crescente e atroce crisi umanitaria e iniziare a fornire aiuto alle vittime, processare i responsabili dei crimini e costruire un quadro politico sostenibile in modo che le famiglie possano riprendere la loro vita in pace.
 
Il rapporto è una pubblicazione congiunta elaborata dall’Institute of International Law and Human Rights (IILHR), Non c'è Pace Senza Giustizia (NPSG), Minority Rights Group International (MRG)  e l'Unrepresented Nations and Peoples Organisation (UNPO).
 
Leggi l'articolo

 Comunicati Stampa di Non c'è Pace Senza Giustizia

Non c'è Pace Senza Giustizia saluta con gratitudine Simone Veil
Roma -Bruxelles, 30 giugno 2017

Conferenza “Tortura: mettere a tacere gli attivisti anti-schiavitù di IRA Mauritania”
Centro ROSOCHA, Bruxelles, 29 Giugno 2017

Con Carla Fendi se ne va una parte della storia “recente” di Non c’e’ Pace Senza Giustizia
Roma, 20 giugno 2017

Iraq: leader europei per il supporto ai processi di transizione post-ISIS
Bruxelles - 8 Giugno 2017

Lancio pubblico del rapporto “L'Iraq al bivio: il futuro delle minoranze dopo ISIS”
Conference Hall, Press Club Brussels Europe, 7 giugno 2017, 10:00 – 12:00

Conferenza “Ninive dopo l'ISIS: la risposta europea”
Parlamento europeo, sala ASP 1G2, Bruxelles, 6 giugno 2017

 Dicono di Noi


 

Intervista a Niccolò Figà Talamanca sulla grave situazione economica di Non c'è Pace Senza Giustizia
Radio Radicale, 29 June 2017

Non fermate Ban FGM (la campagna contro le mutilazioni genitali). L’appello di Emma Bonino
di Gianna Fregonara, Corriere della Sera, 15 June 2017

Civilian Casualties Mount in Battle to Re-take Mosul
Mark Lattimer, The Wire, 8 June 2017

Assyrian Leader Voices Concern at EU-parliament Conference on Future of Nineveh Plain
AINA News, 7 June 2017

Se in Siria non si persegue la via della giustizia non ci sarà più pace né ricostruzione
Marco Perduca e Gianluca Eramo, Huffington Post, 6 April 2017

Armi chimiche, stragi di Idlib, Siria
Radio Radicale, 5 April 2017

Siria. Le voci della società civile
Spazio Transnazionale, Radio Radicale, 4 April 2017

Siria: si lavora per la democrazia. Gruppo attivisti a Roma per incontrare istituzioni italiane
Radio In Blu, 30 March 2017

 Sostieni Non c'è Pace Senza Giustizia

Contribuisci, dÌ la tua e fai la differenza!
 
 DONA ADESSO
Avete il potere - lavorando con noi o facendo una donazione - di sostenere il nostro impegno per la tutela e la promozione dei diritti umani, della democrazia, dello stato di diritto e della giustizia internazionale in tutto il mondo.

Ogni contributo puo' fare la differenza e aiutarci nelle nostre battaglie e campagne per la lotta contro l'impunità per gravi violazioni del diritto umanitario e l'affermazione della giustizia penale internationale, per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili come violazione dei diritti umani di milioni di donne en bambine in tutto il mondo, e per sostenere il ruolo degli attivisti dei diritti umani e della democrazia nel Medio Oriente e Nord Africa.

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito: www.npwj.org/it

www.npwj.org/it

Questa Newsletter è inviata una volta al mese a chi ha espresso interesse per le attività di Non c' è Pace Senza Giustizia. Se preferisci non ricevere questa questa Newsletter mensile, o se preferisci riceverla ad un indirizzo diverso, invia un messaggio a cancellami@npwj.org e provvederemo immediatamente a rimuovere (o eventualemente sostituire) il tuo indirizzo e-mail.