Click here to see the English version
luglio 2016
Direttore resp.: Nicola Giovannini
Visita la nostra pagina Facebook Seguici su Twitter

 Notizie

Bahrein: NPSG saluta la risoluzione del Parlamento Europeo su violazioni diritti umani e chiede che il tema sia affrontato nella prossima riunione ministeriale GCC-UE
 

Non c'è Pace Senza Giustizia (NPSG) e il Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (PRNTT), accolgono l'adozione da parte del Parlamento europeo di una risoluzione di ferma condanna rispetto alla campagna di repressione e persecuzione in corso in Bahrain contro i difensori dei diritti umani, i leader dell'opposizione politica e gli attivisti della società civile, e alla restrizione dei diritti democratici fondamentali.
 
Come richiesto dalla risoluzione, le autorità del Bahrein dovrebbero garantire il rilascio immediato e incondizionato di Nabeel Rajab e altri difensori dei diritti umani attualmente detenuti, il cui unico “crimine” è quello di sostenere apertamente e pacificamente delle riforme democratiche significative e promuovere il rispetto dei diritti umani in Bahrain. Lo stesso vale per Sheikh Ali Salman, capo del maggiore partito di opposizione Al-Wefaq, la cui condanna è incredibilmente passata da 4 a 9 anni di reclusione a maggio. Inoltre, l’allarmante decisione delle autorità del Bahrein di dissolvere Al-Wefaq, così come l'uso improprio delle leggi anti-terrorismo e, in modo particolare, della revoca arbitraria della nazionalità come mezzo di pressione politica e di condanna, non possono che alimentare ulteriormente turbolenze politiche e tensioni sociali.
 
In vista della 25esima riunione ministeriale dell’Unione Europea con il Consiglio di Cooperazione del Golfo  (EU-GCC) che si terrà a Bruxelles il 18 luglio 2016, chiediamo alla sig.ra Federica Mogherini, Alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri e la Politica di Sicurezza, così come ai ministri degli stati membri dell'UE, di seguire il Parlamento Europeo nell’esprimere in modo inequivocabile le stesse preoccupazioni e nel sollecitare il regime del Bahrein a rispettare i propri obblighi in conformità al diritto internazionale in materia di diritti umani. In particolare, esortiamo l’Alto rappresentante Mogherini e i ministri dell’Unione a chiedere la fine della intensificata soppressione della sopcietà civile e opposizione politica da parte del Governo del Bahrein. Sollecitiamo inoltre i ministri a sollevare le loro preoccupazioni a seguito della decisione del Segretario generale delle Nazioni Unite di rimuovere la coalizione  guidata dai Sauditi che sta combattendo in Yemen, da un registro delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti dei bambini, dopo che il regime ei suoi partner della coalizione hanno minacciato di tagliare i fondi cruciale.
 
Leggi l'articolo

Molte minoranze irachene sono ora « sull’orlo della scomparsa » - il nuovo rapporto di NPSG, UNPO, IILHR e MRG
 

Le minoranze in Iraq sono ormai sull'orlo della scomparsa, come afferma il nuovo rapporto congiunto di Non c'è Pace Senza Giustizia, l'Organizzazione delle nazioni e dei popoli non rappresentati (UNPO), l’Istituto per il diritto internazionale e i diritti umani (IILHR) e Minority Rights Group International. “No Way Home: le minoranze irachene sull'orlo della scomparsa”, basato  su ampie interviste e ricerche sul campo, ha documentato come, dopo la caduta di Mosul nel giugno del 2014, decine di migliaia di persone appartenenti a minoranze etniche e religiose irachene sono state uccise, mutilate o rapite, compreso un numero imprecisato di donne e bambine costrette a sposarsi o alla schiavitù sessuale.
 
Secondo il rapporto, la popolazione cristiana, che prima del 2003 ammontava a 1,4 milioni, è ora sotto i 250.000. La maggior parte degli Yezidi e Kaka'i sono stati costretti ad abbandonare le loro terre e sono ora dei profughi o hanno del tutto abbandonato il proprio paese, mentre sciiti turcomanni e Shabak sono stati cacciati verso sud. Le forze armate e i comandanti dello Stato islamico dell'Iraq e della Siria (ISIS) hanno commesso crimini di guerra, crimini contro l'umanità e genocidio, esecuzioni sommarie, omicidi, mutilazioni, stupri, violenze sessuali, torture, trattamenti crudeli, utilizzato e reclutato bambini, oltraggi alla dignità personale, e hanno anche fatto uso di armi chimiche, come affermato nel rapporto. Allo stesso modo, le Forze di sicurezza irachene, le Unità di mobilitazione popolare e i Peshmerga curdi hanno commesso crimini di guerra vietati dal diritto internazionale.
 
E' impensabile che crimini di questa portata e impatto siano stati commessi in totale impunità. Il governo iracheno ha davvero bisogno di adottare misure urgenti per fornire un risarcimento alle vittime – “riportare la situazione alla Corte penale internazionale sarebbe già un buon inizio”, dice Alison Smith, Direttrice del Programma sulla Giustizia Penale Internazionale diNon c'è Pace Senza Giustizia. “Intere famiglie sono state distrutte; abitazioni, imprese e aziende agricole saccheggiate. I patrimoni sono stati demoliti o venduti. I sopravvissuti non possiedono più nulla da cui tornare, a meno che l'Iraq e la comunità internazionale non agiscano con più vigore per rispondere alle esigenze delle minoranze”, dichiara William Spence Spencer, dell'Istituto per il diritto internazionale e i diritti umani (IILHR).
 
Leggi l'articolo

 Eventi

Iraq – Parlamento europeo: presentazione della nuova relazione congiunta di NPSG, UNPO, IILHR e MRG sulla situazione delle minoranze dopo la caduta di Mosul
 

Il giovedì 14 luglio 2016, il nuovo rapporto congiunto realizzato da Non c'è Pace Senza Giustizia (NPSG), l’UNPO, IILHR e Minority Rights Group International, sulla situazione delle minoranze in Iraq, è stato presentato in una riunione della delegazione del Parlamento europeo per le relazioni con la Repubblica dell'Iraq, presieduta da Ana Gomes MPE (S & D). "No Way Home: le minoranze irachene sull'orlo della scomparsa" analizza la situazione delle varie componenti etniche e religiose del paese, concentrandosi sui crimini e gli abusi cui sono esposte e sulle conseguenze che ciò potrebbe avere sulla sopravvivenza di queste comunità nel loro complesso.
 

Durante l’incontro, Alison Smith (Consulente legale e Direttrice del programma di Giustizia Penale Internazionale di NPSG) ha spiegato la metodologia utilizzata per la relazione, che fa seguito al report precedente dal titolo "Tra le macerie: la situazione delle minoranze irachene dopo la caduta di Mosul", pubblicato nel febbraio 2015. Ha sottolineato come, purtroppo, molto poco sia cambiato da allora, con crimini e brutalità simili che si verificano regolarmente in diverse parti del paese. Una differenza triste rispetto al passato è l'emergere di nuovi elementi quali l'uso di armi chimiche da parte del cosiddetto Stato islamico. Tra i tanti orrori attualmente in corso nella regione, Alison Smith ha messo in rilievo la violenza di genere e a sfondo sessuale, in particolare contro le donne appartenenti a minoranze, così come i crimini contro i bambini. Se è necessario utilizzare cautela con il termine “genocidio”, la cui definizione giuridica è molto precisa, il fatto che questa parola venga usata così spesso dai media è il miglior indicatore della responsabilità di agire che la comunità internazionale dovrebbe assumersi.

Leggi l'articolo

Presentazione alla stampa del dipinto “Angeli della Siria” a Bruxelles
 

Il 30 giugno 2016, l'ufficio di rappresentanza a Bruxelles della Coalizione nazionale siriana delle forze dell’opposizione e della rivoluzione (SOC) ha convocato una presentazione alla stampa della prima esposizione in Europa dell’opera "Angeli della Siria", in mostra presso il Koninklijk Atheneum E.Hiel a Bruxelles.
 
L'opera d'arte è un lavoro di collaborazione tra Hossam al-Saadi, Hussam Alloum, Abduljaleel al-Shaqaqi e Ahmed al-Dulli che volevano protestare contro l'uccisione di bambini in Siria. E 'considerato uno dei dipinti più importanti al mondo, considerata la sua dimensione enorme (22m x 21,5m) e il contenuto. Il dipinto mostra il volto di un bambino siriano e contiene i nomi dei 12490 bambini che sono stati uccisi durante la guerra in Siria fino al momento in cui è stato completato (nel 2014). I nomi sono stati forniti dal Centro per la documentazione delle violazioni, una ONG fondata da Razan Zaitouneh, premiato dal Premio Sakharov del Parlamento europeo nel 2011.
 
Alla conferenza stampa hanno preso parte anche Hossam al-Saadi, uno degli artisti impegnati nella realizzazione di questo lavoro e membro della Coalizione nazionale siriana, Joe Buelens, Welcome Refugees Group Grimbergen, e Niccolo 'Figa-Talamanca, Segretario Generale di Non c'è Pace Senza Giustizia.
 
Leggi l'articolo

 NPSG su radio Radicale

Rubrica di Non c'è Pace Senza Giustizia
 

Non c’è Pace Senza Giustizia e Radio Radicale, la principale emittente radiofonica nazionale che si occupa di temi di attualità politica, sono impegnati da tempo in una stretta collaborazione al fine di diffondere notizie ed informazioni sulle nostre campagne ad un ampio pubblico italiano. Tale collaborazione ha in particolare dato vita ad una rubrica settimanale di approfondimento sulle campagne ed attività in corso di NPSG. Il programma va in onda ogni mercoledi sera alle 23.30.

Ascolta gli ultimi episodi

 Comunicati Stampa di Non c'è Pace Senza Giustizia

ONG chiedono che il tema delle violazioni dei diritti umani sia affrontato nella prossima riunione ministeriale GCC-UE
18 Luglio 2016

Iraq – Parlamento europeo: presentazione della nuova relazione congiunta di NPSG, UNPO, IILHR e MRG sulla situazione delle minoranze in Iraq dopo la caduta di Mosul
Parlamento europeo, Bruxelles, 14 luglio 2016

Bahrein: 26 Ong chiedono il rilascio immediato e incondizionato dell’attivista e difensore dei diritti umani Bahreinita Nabeel Rajab, prima del suo processo di domani
11 Luglio 2016

Bahrein: NPSG e PRNTT salutano la forte presa di posizione del Parlamento Europeo contro le attuali repressioni e restrizioni dei diritti democratici fondamentali
Bruxelles, 8 luglio 2016

Molte minoranze irachene sono ora « sull’orlo della scomparsa » - il nuovo rapporto di NPSG, UNPO, IILHR e MRG
4 luglio 2016

Presentazione alla stampa del dipinto “Angeli della Siria” a Bruxelles
Bruxelles, 30 giugno 2016

CPI – il caso Bemba: NPSG accoglie la condanna a 18 anni di prigione come un significativo passo in avanti per le vittime di violenza sessuale
Bruxelles-Roma, 21 giugno 2016

L’UNPO, il SADF e NPSG hanno organizzato una tavola rotonda incentrata sul trattato di pace delle Chittagong Hill Tracts
Bruxelles, 17 giugno 2016

Bahrain: NPSG e PRNTT condannano con forza la sospensione del principale partito di opposizione Al-Wefaq
Bruxelles – Roma 15 Giugno 2016

 Dicono di Noi


 

#JusticeGlobale Hebdo – Autour du Monde
#JusticeGlobale, 22 July 2016

After 13 years of war, Iraq’s minorities on verge of disappearing, rights groups warn
Daily Star / Reuters, 5 July 2016

Iraq’s Religious, Ethnic Minorities on Verge of Disappearing: Report
By Lucy Westcott, Newsweek, 5 July 2016

Iraq's minorities 'on verge of disappearance' - rights groups
By Emma Batha, Reuters, 4 July 2016

REVEALED: The city where ISIS now occupies all churches as Christians face wipe out
By Tom Batchelor, Express, 4 July 2016

Iraq's Minorities 'On Verge of Disappearance,' Rights Group Warns
Emma Batha, Haaretz / Reuters, 4 July 2016

West Africa: Ecowas Member Communities and Experts On Female Genital Mutilation Lay Strategies for the Way Forward
The Pont (Banjul) / AllAfrica, 15 June 2016

NPWJ Firmly Condemns Sentence Issued against Sheikh Ali Salman
Bahrain Mirror, 1 June 2016

 Sostieni Non c'è Pace Senza Giustizia

Contribuisci, dÌ la tua e fai la differenza!
 
 DONA ADESSO
Avete il potere - lavorando con noi o facendo una donazione - di sostenere il nostro impegno per la tutela e la promozione dei diritti umani, della democrazia, dello stato di diritto e della giustizia internazionale in tutto il mondo.

Ogni contributo puo' fare la differenza e aiutarci nelle nostre battaglie e campagne per la lotta contro l'impunità per gravi violazioni del diritto umanitario e l'affermazione della giustizia penale internationale, per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili come violazione dei diritti umani di milioni di donne en bambine in tutto il mondo, e per sostenere il ruolo degli attivisti dei diritti umani e della democrazia nel Medio Oriente e Nord Africa.

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito: www.npwj.org/it

www.npwj.org/it

Questa Newsletter è inviata una volta al mese a chi ha espresso interesse per le attività di Non c' è Pace Senza Giustizia. Se preferisci non ricevere questa questa Newsletter mensile, o se preferisci riceverla ad un indirizzo diverso, invia un messaggio a cancellami@npwj.org e provvederemo immediatamente a rimuovere (o eventualemente sostituire) il tuo indirizzo e-mail.