Click here to see the English version
maggio 2016
Direttore resp.: Nicola Giovannini
Visita la nostra pagina Facebook Seguici su Twitter

 Notizie

Ciao Marco
 

Leggi l'articolo

Barhein: NPSG e il PRNTT condannano con forza il processo farsa e l’aumento della pena detentiva contro Sheikh Ali Salaman
 

“Non C’è Pace Senza Giustizia (NPSG) e il Partito Radicale Non-Violento Transnazionale e Transpartito (PRNTT) condannano fermamente il sorprendente aumento della condanna a nove anni di prigionia contro il leader del principale partito di opposizione, Sheikh Ali Salaman. Noi esprimiamo la nostra immutata solidarietà ed il nostro supporto a Salman, che ha costantemente sollecitato una protesta pacifica, condannando ogni forma di violenza – anche durante il suo discorso che è stato poi la base per il suo processo – e sostenuto la formazione di un equo e giusto sistema politico democratico in Bahrein attraverso l’istituzione di una genuina monarchia costituzionale.  
 
“La scioccante sentenza di oggi, fondata su accuse puramente politiche, dimostra in maniera chiaria la determinazione delle autorità del Bahreinite di criminalizzare la libertà di parola e di sopprimere ogni dissenso pacifico. Inoltre conferma ulteriormente la fallacia delle affermazioni del regime del Bahrein per l’avanzamento di riforme democratiche, stato di diritto e rispetto dei diritti umani nel paese.
 
"Questa è anche una mossa estremamente pericolosa che può solo indirizzare il Paese verso la pericolosa strada dei disordini politici e la disunione. Di fronte a ciò che sta rapidamente diventando la realizzazione del peggior scenario possibile per il Bahrain, la risposta della comunità internazionale non può continuare ad essere debole e sorda rispetto alla situazione dei cittadini del Bahrain. Finora, le autorità del Bahrein hanno usato questo approccio come una luce verde per perseverare le loro pratiche repressive e di rappresaglia contro i leader dell'opposizione pacifici e difensori dei diritti umani.
 
Leggi l'articolo

Sira: la proposta di condurre lanci aerei di aiuti umanitari è benvenuta ma gli assedi devono finire
 

In una dichiarazione congiunta rilasciata oggi, Non c’è Pace Senza Giustizia insieme a 57 ONG internazionali salutano gli sforzi del Gruppo Internazionale di Sostegno  alla Siria (GISS) per fare pressione sul governo siriano e attori non statali armati per interrompere gli assedi in tutto il paese e  garantire che i civili abbiano libero accesso agli aiuti umanitari
 
L’appello del Gruppo Internazionale di Sostegno alla Siria per il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite di svolgere un programma di lanci e ponti aerei per tutte le zone assediate – l’accesso agli aiuti umanitari continuano ad essere negati fin dal 1 ° giugno - è un passo che potrebbe contribuire ad alleviare la fame e la sofferenza umana. Tuttavia, tali lanci umanitari sono complicati, inefficienti, limitati nella loro portata, e rischiano la deviazione degli aiuti. Il continuo e inconcepibile rifiuto delle parti in conflitto di permettere che i civili sofferenti ricevano gli aiuti di cui hanno bisogno, ha  reso necessario utilizzare un'opzione di ultima istanza.


Secondo alcune stime, più di un milione di siriani vivono sotto assedio in tutta la Siria. La priorità del GISS dovrebbe essere quello di porre fine a tutti gli assedi e garantire il piena, sostenuto, e incondizionato accesso umanitario per tutti i settori prioritari in tutto il paese, garantendo al tempo stesso che l'aiuto non venga utilizzato come merce di scambio per i negoziati politici.

Leggi l'articolo

NPSG esorta l’Uganda a dimostrare il proprio impegno per la giustizia e non concedere l'impunità al Presidente al-Bashir
 

Il presidente del Sudan Omar al-Bashir ha viaggiato questa mattina a Kampala nell’ambito di una visita di due giorni in Uganda per discutere di rapporti bilaterali e per partecipare alla cerimonia di inaugurazione del presidente ugandese Yoweri Museveni. Il Presidente sudanese è soggetto ad un mandato di arresto da parte della Corte Penale Internazionale (CPI) per genocidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi contro la popolazione civile in Darfur. Il Ciad è uno Stato Parte della CPI e come tale ha l'obbligo, sancito dal trattato istitutivo, di arrestare chiunque sia oggetto di un mandato di arresto della Corte.
 
Non c’è Pace senza Giustizia (NPSG) e il Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (PRNTT) chiedono al governo dell’Uganda di adempiere ai suoi obblighi in quanto Stato membro della Corte Internazionale Penale e di arrestare il Presidente al-Bashir, finché si trova sul territorio Ugandese. Invece di volontariamente e consapevolmente ospitare un capo di Stato che è in fuga da mandati di arresto internazionali per gravi violazioni dei diritti umani, l'Uganda dovrebbe dimostrare il suo impegno per la giustizia e la lotta contro l’impunità. L’Uganda non è solo uno Stato parte della Corte Penale Internazionale, ma ha anche beneficiato del suo lavoro attraverso l'incriminazione dei membri della Lord Resistance Army (LRA) e l'arresto e il trasferimento di Dominic Ongwen per affrontare un processo per i crimini commessi nel Nord dell’Uganda. E 'ironico - anche vergognoso - che l'Uganda da un lato chieda l'arresto dei rimanenti latitanti dell'LRA, mentre dall’altro accolga il presidente Al-Bashir.
 
Leggi l'articolo

Alison Smith è Consigliere Legale e Direttore del Programma di Giustizia Penale Internazionale di NPSG

 Eventi

ADHOC "Le radici e le cause della violenza islamica? La laicità è la soluzione"
 

Fin dall’inizio della Primavera Araba nel 2011, le divisioni tra diverse parti della società in Medio Oriente e in Nord Africa sono diventate evidenti. La frattura più ampia sembra essere quella tra chi preme affinché la società ritorni ad un ordine stabilito secoli fa, sotto l'emblema della religione, e coloro che vorrebbero promuovere la costituzione di società aperte basate sui principi della laicità, del pluralismo e modernità. Allo stesso tempo, l'estremismo religioso si è diffuso all'interno di alcuni paesi del Medio Oriente, Nord Africa e oltre. La sua peggiore manifestazione è l'ascesa di Daesh e dei suoi atti di terrorismo, la sua intolleranza e violenza brutale. In particolare, ciò che è avvenuto e sta tutt’ora accadendo in Siria ed Iraq, rappresenta il culmine di una visione distorta e radicale dell'Islam.
 
E' tempo di porre fine alla violenza sempre crescente commessa in nome della religione e di promuovere un mondo in cui tutti possano vivere liberamente, a prescindere dal loro credo religioso. E' quindi essenziale coordinare e rafforzare le voci degli attivisti che si sforzano di affrontare le sfide dell’ estremismo religioso e ancorare il futuro dei loro paesi ai principi della laicità e del pluralismo.
 
A tal fine, l'organizzazione di recente costituzione "ADHOC: secolare, modernista e pluralista", ha organizzato, con il supporto di NPSG, la sua prima conferenza dal titolo "Le radici e le cause della violenza islamica? La laicità è la soluzione", svoltasi a Bruxelles, Domenica 22 Maggio 2016. La conferenza ha riunito prominenti scrittori, intellettuali e studiosi del Medio Oriente e del Nord Africa,  tra i quali il poeta siriano Adunis, lo scrittore palestinese Waleed Al-HusseineKacem El Ghazzali, uno scrittore laico e attivista per i diritti delle minoranze, Rabab Kamal, il presentatore radio e scrittore liberale,Ayman Ghoujal, attivista per i diritti umani, e lo scrittore egiziano Sayed Elkemani.
 
Leggi l'articolo

 NPSG su radio Radicale

Un caffè con Non c'è Pace Senza Giustizia
 

Non c’è Pace Senza Giustizia e Radio Radicale, la principale emittente radiofonica nazionale che si occupa di temi di attualità politica, sono impegnati da tempo in una stretta collaborazione al fine di diffondere notizie ed informazioni sulle nostre campagne ad un ampio pubblico italiano. Tale collaborazione ha in particolare dato vita ad una rubrica settimanale di approfondimento sulle campagne ed attività in corso di NPSG. Il programma va in onda ogni venerdì mattina subito prima della principale rassegna stampa.

Ascolta gli ultimi episodi

 Comunicati Stampa di Non c'è Pace Senza Giustizia

Barhein: NPSG e il PRNTT condannano con forza il processo farsa e l’aumento della pena detentiva contro Sheikh Ali Salaman
Bruxelles – Roma, 30 Maggio 2016

NPSG aderisce insieme a 57 ONG alla proposta di lanci aerei di aiuti umanitari in Siria
27 Maggio 2016

ADHOC "Le radici e le cause della violenza islamica? La laicità è la soluzione"
Bruxelles, 22 Maggio 2016

NPSG esorta l’Uganda a dimostrare il proprio impegno per la giustizia e non concedere l'impunità al Presidente al-Bashir
Bruxelles-Roma, 12 Maggio 2016

Consultazione Ministeriale Sub-Regionale in Senegal per promuovere una effettiva implementazione della risoluzione ONU sulla messa al bando universale delle MGF
Dakar, Senegal, 26-27 aprile 2016

SALAM e NPSG convocano una conferenza su settarismo politico e discriminazioni contro gli sciiti in Bahrain
Brussels Press Club Europe, 22-23 aprile 2016

 Dicono di Noi


 

Bangladesh's Motiur Rahman Nizami to hang
Al Jazeera / Reuters, 5 May 2016

Bangladesh court rejects Islamist leader's final death sentence appeal
The Guardian / Reuters, 5 May 2016

Bangladesh's Motiur Rahman Nizami to hang
By Aljazeera/ Reuters, 5 May 2016

Bangladesh court rejects Islamist leader's final death sentence appeal
By Aljazeera/ Reuters, 5 May 2016

Forum sous-régional ministériel au Sénégal pour mettre fin aux MGF
CCTV, Afrique Infos, 29 April 2016

Forum ministériel sous-régional au Sénégal pour mettre fin aux MGF
CCTV / Afrique Infos, 29 April 2016

Faible sanction sur l’excision au Sénégal. Seuls huit jugements en 17 ans
Mouhamadou BA, Rewmi, 27 April 2016

Sénégal : Plaidoyer pour la criminalisation des mutilations génitales féminines
APA / Star Africa, 27 April 2016

 Sostieni Non c'è Pace Senza Giustizia

Contribuisci, dÌ la tua e fai la differenza!
 
 DONA ADESSO
Avete il potere - lavorando con noi o facendo una donazione - di sostenere il nostro impegno per la tutela e la promozione dei diritti umani, della democrazia, dello stato di diritto e della giustizia internazionale in tutto il mondo.

Ogni contributo puo' fare la differenza e aiutarci nelle nostre battaglie e campagne per la lotta contro l'impunità per gravi violazioni del diritto umanitario e l'affermazione della giustizia penale internationale, per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili come violazione dei diritti umani di milioni di donne en bambine in tutto il mondo, e per sostenere il ruolo degli attivisti dei diritti umani e della democrazia nel Medio Oriente e Nord Africa.

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito: www.npwj.org/it

www.npwj.org/it

Questa Newsletter è inviata una volta al mese a chi ha espresso interesse per le attività di Non c' è Pace Senza Giustizia. Se preferisci non ricevere questa questa Newsletter mensile, o se preferisci riceverla ad un indirizzo diverso, invia un messaggio a cancellami@npwj.org e provvederemo immediatamente a rimuovere (o eventualemente sostituire) il tuo indirizzo e-mail.