Click here to see the English version
marzo 2015
Direttore resp.: Nicola Giovannini
Visita la nostra pagina Facebook Seguici su Twitter

 Notizie

Sostieni Non c'è Pace Senza Giustizia. Dona il 5 per mille
 

Ci rivolgiamo a Te che già in passato hai dimostrato di essere attento e sensibile alle lotte che Non c’è Pace Senza Giustizia porta avanti per la conquista e il riconoscimento di diritti umani fondamentali.
 
Siamo ormai prossimi alla scadenza della dichiarazione dei redditi; in quell’occasione puoi scegliere di destinare il tuo 5 per mille a Non c’è Pace Senza Giustizia. Non costa nulla perché è nell’ambito delle imposte che già ciascuno versa, ma può essere un importante aiuto.
 
E’ sufficiente scrivere il codice fiscale 97107730588 nella casella del volontariato nel modulo della dichiarazione dei redditi.
Per fare una donazione, che consente anche l’agevolazione fiscale, puoi versare a mezzo bonifico bancario su IBAN: IT24E0832703221000000002472.
 
Se vuoi maggiori informazioni su cosa Non c'è Pace Senza Giustizia ha fatto nei primi venti anni di attività guarda la brochure.
 
 
Grazie per quanto potrai fare.
 
Un caro saluto
 
Niccolò Figà Talamanca
Segretario
 
Antonella Casu
Tesoriera
 
Leggi l'articolo

CPI: NPSG e il Partito Radicale si congratulano per la decisione della CPI di tenere parte del processo di Bosco Ntaganda nella RDC
 

Il 19 Marzo 2015 la VI Sezione della Corte Penale Internazionale ha raccomandato che le arringhe di apertura del processo a Bosco Ntaganda si tengano a Bunia, nella Repubblica Democratica del Congo. Il Sig. Ntaganda è il presunto ex vice-capo dello Staff Generale delle Forze Patriottiche per la Liberazione del Congo ed è accusato davanti la CPI di 13 crimini di guerra e cinque crimini contro l’umanità presumibilmente commessi in Ituri, RPC, nel 2002-2003.
 
Non c’è Pace Senza Giustizia (NPSG) e il Partito Radicale accolgono questa importante decisione che parte del processo contro il Sig. Ntaganda possa tenersi nello Stato interessato. Mentre la CPI ha sede all’Aja e tutte le situazioni di cui si occupa la Corte sono lontane da lì, questa è la prima volta che i giudici della CPI hanno usato l’Articolo 3(3) dello Statuto di Roma, permettendo alla Corte di riunirsi altrove e tenere le udienze in loco. Questa decisione è una risposta incoraggiante alle aspirazioni di vedere i presunti perpetratori dei crimini affrontare la giustizia nel luogo in cui i crimini stessi sono stati commessi, e noi speriamo che sempre più decisioni simili saranno prese in futuro in altre situazioni davanti alla Corte. 
 
Nel corso degli anni NPSG e il Partito Radicale hanno costantemente raccomandato che, ovunque possibile, la CPI tenesse i processi o parte di essi in situ al fine di portare il lavoro della Corte più vicino ai diretti interessati, vale a dire le vittime dei crimini giudicati dalla CPI. Ciò è cruciale affinché la Corte possa realizzare gran parte de proprio ruolo, che consiste nel trasmettere un senso di giustizia alle vittime dei crimini commessi nell’ambito del diritto internazionale. Questa decisione ha il potenziale per aiutare le popolazioni colpite in Inturi e per portare loro significativa accountability.
 
Leggi l'articolo

*  Alison Smith è Consigliere Legale e direttore del Programma di Giustizia Penale Internazionale di NPSG

Siria: NPSG chiede al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite di sostenere la lotta contro l’impunità
 

Il 17 Marzo 2015, la Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sulla Repubblica Araba Siriana (CoI) ha presentato il suo nono report al Consiglio per i Diritti Umani (HRC). Alla vigilia della presentazione, Non C’è Pace Senza Giustizia ha indirizzato una lettera aperta ai 47 membri del Consiglio chiedendogli di sostenere la Commissione d’inchiesta e il suo mandato per i crimini commessi in Siria e di richiedere la pubblicazione dei nomi dei presunti colpevoli.
 
Fin dal suo principio, la Commissione d’inchiesta delle Nazioni Uniti ha documentato alcune delle peggiori violazioni dei diritti umani e delle norme di diritto internazionale mai raccolte da un corpo delle Nazioni Unite. Queste informazioni sono state fornite e confermate grazie al coraggioso lavoro degli attivisti siriani per i diritti umani e ai quasi quotidiani reports dei media. Il fatto che la consapevolezza di ciò che sta accadendo non ha ancora portato ad alcun tipo di responsabilità, con la risultante impunità, alimentata da sempre più gravi violazioni, è chiaramente frustante per la Commissione, una frustrazione che noi condividiamo.”
 
Nel suo nono Report, la Commissione indica che “è di cruciale importanza per la comunità internazionale adottare una strategia comune ed efficace che affronti il problema dell’impunità nella Repubblica Araba Siriana". Un modo per farlo potrebbe essere quello di far capire chiaramente ai presunti colpevoli che le loro azioni non stanno passando inosservato, che la comunità internazionale sta osservando e che la giustizia agirà di conseguenza (paras 140, 141). Con una mossa senza precedenti, la Commissione ha affermato che “non pubblicare i nomi a questo punto dell’inchiesta potrebbe rinforzare l’impunità che la Commissione ha il dovere di combattere".
 
Leggi l'articolo

Niccolò Figà-Talamanca è Segretario Generale di Non C’è Pace senza Giustizia

Campagna "Per un nuovo diritto umano: il diritto alla conoscenza": I radicali incontrano l'Alto Commissario ONU ai Diritti Umani
 

L'11 marzo 2014, una delegazione radicale formata da Marco PannellaElisabetta ZamparuttiLaura Harth e Matteo Angioli e accompagnata dall'Ambasciatore italiano all'ONU Maurizio Serra, ha incontrato l'Alto Commissario ONU per i Diritti Umani, Zeid Ra'ad Al Hussein, nella sua sede di Ginevra.
 
L’obiettivo dell’incontro era di presentare la campagna "Per un nuovo diritto umano: il Diritto alla Conoscenza", lanciata dal Partito RadicaleNessuno Tocchi Caino e Non c'è Pace Senza Giustizia. Nell’ambito di questa campagna sostenuta da un inziativa di raccolta fondi, varie iniziative verranno promosse, tra cui Il progetto di una Seconda Conferenza Internazionale per lo Stato di Diritto e il Diritto alla Conoscenza, prevista per giugno 2015. Tra le varie personnalità che sostengono la campagna, Franco Battiato ha registrato un breve appello insieme a Marco Pannella.
 
Il prossimo lunedì 30 marzo avrà luogo a Parigi la presentazione degli Atti della conferenza internazionale su “Stato di Diritto contro ragion di Stato" tenutasi il 18 e 19 febbraio 2014 a Bruxelles. L'evento si svolgerà al Senato francese, nella sala Monnerville, grazie al sostegno di André Gattolin, senatore del Gruppo ecologista. Gli altri partecipanti sono il professore di filosofia politica alla Sorbona Yves Charles Zarka, il professore emerito di diritto pubblico all'Università Paris X Michel Troper e la vice presidente di Vice-President of Quê Me: Action for Democracy in Vietnam Penelope Faulkner. La riunione sarà un ulteriore trampolino di lancio per la Seconda Conferenza Internazionale sullo Stato di Diritto e il Diritto alla Conoscenza, prevista a giugno.
 
Leggi l'articolo

 Eventi

Giornata Internazionale della Donna: “Ferite a Morte” in scena a Tunisi con Emma Bonino
 

In occasione della giornata internazionale della donna, “Ferite a Morte”, uno spettacolo teatrale sul Femminicidio scritto da Serena Dandini, in collaborazione con Maura Misiti, è andato in scena Domenica 8 Marzo al Theatre 4eme Art di Tunisi. Era la prima volta che lo spettacolo veniva presentato in un paese arabo, grazie alla collaborazione di FIDH e due delle sue organizzazioni in Tunisia, la Lega Tunisina per i Diritti Umani e l’Associazione Tunisina delle Donne Democratiche.
 
Precedenti rappresentazioni hanno avuto luogo presso le sedi delle Nazioni Unite a New York e Ginevra, nonchè a Washington, Bruxelles, Londra, Lussemburgo, Strasburgo e Parigi. Tra i collaboratori di questo progetto si annoverano CEFA Onlus, GVC Onlus, Non c’è Pace Senza Giustizia, Unipol Banca, Legacoop Romagna ed Emilia Romagna.
 
Sul palco a Tunisi, insieme agli autori, erano presenti Emma Bonino (già Ministro degli Affari Esteri italiano e fondatore di Non c’è Pace Senza Giustizia), Latifa Lakhdar (Ministro tunisino della cultura), Fatma Saidenne (attrice), Amel Hamrouni (cantante), Bochra Belhai Hmida (Membro del Parlamento), Jalila Baccar (attrice), Besma Khalfeoui (Presidente della Chokri Belaid Foundation), Nadia Khiari (caricaturista), Meriem Belkadhi (giornalista), Raja Dahmeni (ATFD), Lina Ben Mhenni (blogger), Najwa Rezgui (ex prigioniero politio) e Amira Yahyeoui (Presidente di BAWSSALA).
 
Leggi l'articolo

Libia: NPSG organizza un corso di formazione sul tema “Documentazione delle violazioni dei diritti umani e dei crimini definiti dal diritto internazionale”
 

Dal 4 al 6 Marzo 2015, No C’è Pace Senza Giustizia (NPSG) ha organizzato a Hammamet, in Tunisia, un corso di formazione sulla “Documentazione delle violazioni dei diritti umani e dei crimini definiti dal diritto internazionale in Libia”. Il corso, di tre giorni, ha coinvolto 30 attivisti della società civile libica sui principali elementi, tecniche e meccanismi di investigazione e di raccolta delle prove relative alle violazioni dei diritti umani e dei crimini definiti dal diritto internazionale.
 
A partire da metà 2014, la Libia sta vivendo la sua peggior crisi dalla caduta del regime di Gheddafi. Le violazioni dei diritti umani e i crimini del diritto internazionale commessi da miliziani e da gruppi terroristici, hanno ulteriormente peggiorato la crisi politica e ridotto la speranza di ottenere giustizia e risarcimenti per le vittime. In Libia i meccanismi di accountability affrontano numerose sfide nell’intento di far rispondere i colpevoli dei propri reati , compresa la difficoltà nell’ottenere informazioni affidabili che potrebbero fornire  il quadro della situazione in corso e che potrebbero essere eventualmente usate come prove. Tali meccanismi comprendono le corti nazionali e i processi non giudiziari, così come la Corte Penale Internazionale, che ha giurisdizione sul territorio libico dal 2011, quando la Libia si è ad essa rivolta per la prima volta. 
 
Lo scopo di questo corso era il rafforzamento delle capacità degli attori della società civile di indagare e documentare gli eventi e le violazioni in corso in Libia, e di fornire informazioni credibili agli organismi e ai processi di responsabilità, sia a livello nazionale che internazionale. Con una crescente capacità nel supportare la giustizia e la trasparenza, gli attori libici possono contribuire a sfidare l’attuale ciclo di violenze, ridurre le prospettive di impunità per le atrocità commesse e porre le basi per futuri risarcimenti alle vittime.
 
Leggi l'articolo

 NPSG su radio Radicale

Un caffè con Non c'è Pace Senza Giustizia
 

Non c’è Pace Senza Giustizia e Radio Radicale, la principale emittente radiofonica nazionale che si occupa di temi di attualità politica, sono impegnati da tempo in una stretta collaborazione al fine di diffondere notizie ed informazioni sulle nostre campagne ad un ampio pubblico italiano. Tale collaborazione ha in particolare dato vita ad una rubrica settimanale di approfondimento sulle campagne ed attività in corso di NPSG. Il programma va in onda ogni venerdì mattina subito prima della principale rassegna stampa. 

Gli ultimi episodi vedono protagonista Niccolò Figà-Talamanca, Segretario Generale di NPSG che, intervistato da Nicola Giovannini, ci parla dell’ultima sessione del Consiglio sui diritti umani dell’ONU, nell’ambito della quale NPSG e il Partito Radicale hanno cercato di portare avanti temi e battaglie legate alle nostre priorità politiche: Bahrein, Syria e diritto alla conoscenza. Riguardo alla Siria il Segretario ha anche ricordato la commemorazione del quarto anniversario dell’inizio del conflitto, il 15 marzo, e ha parlato del rapporto della Commissione di inchiesta dell’ONU sulla violazione dei diritti umani in Siria, presentato a Ginevra il 17 marzo. L’ultimo argomento da lui trattato riguarda infine la difficile situazione che sta vivendo lo Yemen dove, a seguito degli avvenimenti degli ultimi giorni, è sempre più alto il rischio dello scoppio di un nuovo conflitto regionale. NPSG ha poi celebrato la giornata della donna, l’8 marzo, come occasione per ricordare le conquiste ma anche le sfide e gli ostacoli che ad oggi permangono per il pieno riconoscimento dell’uguaglianza di genere, mentre Alvilda Jablonko, Coordinatrice del Programma di genere e diritti umani, ha commentato la sessione annuale della Commissione delle NU sullo status della donna, appena conclusasi a New York. Gianluca Eramo, Coordinatore del Programma sulla democrazia nella regione MENA, ha infine parlato del Training organizzato all’inizio di marzo da NPSG in Tunisia riguardo la documentazione sulle violazioni dei diritti umani e crimini internazionali.

Ascolta gli episodi

 Comunicati Stampa di Non c'è Pace Senza Giustizia

CPI: NPSG e il PRNTT si congratulano per la decisione della CPI di tenere parte del processo di Bosco Ntaganda nella RDC
Roma - Bruxelles, 20 Marzo 2015

Bahrain: Dichiarazione congiunta di condanna delle minacce di rappresaglia contro i sostenitori dei diritti umani Husain Abdulla e Abdulnabi Al-Ekri al Consiglio per i Diritti Umani
Ginevra, Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani, 19 Marzo 2015

Siria: NPSG chiede al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite di sostenere la lotta contro l’impunità
Bruxelles – Roma – New York, 16 marzo 2015

Coalizione #withSyria: in Siria dopo quattro anni di crisi non funziona l’ottanta-tre per cento delle luci
12 Marzo 2015

Campagna "Per un nuovo diritto umano: il diritto alla conoscenza": I radicali incontrano l'Alto Commissario ONU ai Diritti Umani
Ginevra, 11 marzo 2015

UNHRC / Bahrain: Dichiarazione di Ali Alaswad a nome del Partito Radicale
Consiglio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, 28a sessione, Ginevra, 9 marzo 2015

Giornata Internazionale della Donna: “Ferite a Morte” in scena a Tunisi con Emma Bonino
Tunisi, 8 marzo 2015

Libia: Non c’è Pace Senza Giustizia piange con immenso dolore l’uccisione di Intissar Al Hassari
8 marzo 2015

Libia: NPSG organizza un corso di formazione sul tema “Documentazione delle violazioni dei diritti umani e dei crimini definiti dal diritto internazionale”
Hammamet, Tunisia, 4-6 Marzo 2015

Sollecitiamo il governo del Bangladesh ad avviare il dialogo con l’opposizione
Financial Times, Comments/Letters, 28 febbraio 2015

Minoranze irachene vittime del deliberato tentativo di estirpare la diversità religiosa in Iraq
27 febbraio 2015

 Dicono di Noi


 

Ethnic Cleansing in Iraq -- Extremists Need to Be Confronted
By Geoffrey Johnston, AINA, 11 March 2015

Teatro: un 8 marzo speciale per Bonino e Dandini a Tunisi
ANSAmed, 9 March 2015

8 marzo: con Bonino “Ferite a morte” arriva in Tunisia, prima volta Paese arabo
Onultalia, 8 March 2015

Tunisia: Taieb Baccouche Meets Italian Former Foreign Minister
TAP / All Africa, 7 March 2015

South Sudan: Delayed Peace Means No Justice for War Crime Victims
By Andrew Green, IRIN / All Africa, 6 March 2015

Diritto internazionale umanitario e protezione dei civili nei conflitti armati. Il caso di Khojaly
Domenico Letizia, Clandestinoweb, 28 February 2015

Religious minorities at risk in the Middle East: "Death has become something banal"
European Parliament News, 27 February 2015

Islamic State: Iraq minorities 'threatened with eradication'
BBC News, 27 February 2015

Islamic State aims to eradicate Iraq minorities – rights groups
By Kieran Guilbert, REUTERS, 27 February 2015

 Sostieni Non c'è Pace Senza Giustizia

Contribuisci, dÌ la tua e fai la differenza!
 
 DONA ADESSO
Avete il potere - lavorando con noi o facendo una donazione - di sostenere il nostro impegno per la tutela e la promozione dei diritti umani, della democrazia, dello stato di diritto e della giustizia internazionale in tutto il mondo.

Ogni contributo puo' fare la differenza e aiutarci nelle nostre battaglie e campagne per la lotta contro l'impunità per gravi violazioni del diritto umanitario e l'affermazione della giustizia penale internationale, per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili come violazione dei diritti umani di milioni di donne en bambine in tutto il mondo, e per sostenere il ruolo degli attivisti dei diritti umani e della democrazia nel Medio Oriente e Nord Africa.

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito: www.npwj.org/it

www.npwj.org/it

Questa Newsletter è inviata una volta al mese a chi ha espresso interesse per le attività di Non c' è Pace Senza Giustizia. Se preferisci non ricevere questa questa Newsletter mensile, o se preferisci riceverla ad un indirizzo diverso, invia un messaggio a cancellami@npwj.org e provvederemo immediatamente a rimuovere (o eventualemente sostituire) il tuo indirizzo e-mail.