Click here to see the English version
ottobre 2016
Direttore resp.: Nicola Giovannini
Visita la nostra pagina Facebook Seguici su Twitter

 Notizie

NPSG esprime il proprio rammarico per l’intenzione del Sudafrica di uscire dalla CPI e chiede agli stati di proteggere l’integrità della Corte
 

Mercoledì 19 ottobre 2016 il Sudafrica ha dato notifica della propria intenzione di ritirarsi dallo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale, giustificandosi con l’incompatibilità dello Statuto con gli sforzi sudafricani volti alla promozione della pace e della stabilità nel continente africano. Questa notizia è stata preceduta dall’annuncio del ritiro del Burundi ed è stata seguita poco dopo da un simile annuncio del Gambia. Questi sono i primi stati che hanno deciso di ritirarsi dalla CPI, la cui carta fondante, lo Statuto di Roma, è stata stata firmata nel 1998 ed entrata in vigore nel 2002.
 
“Non c’è Pace Senza Giustizia prende nota con dispiacere del ritiro del Sudafrica dalla CPI. Se la questione relativa alla costituzionalità dello strumento di ritiro senza il consenso parlamentare è di competenza del sistema giudiziario sudafricano, la decisione dell’esecutivo di ritirarsi dallo Statuto di Roma, invece, lancia un chiaro messaggio politico riguardo al fatto che il governo sudafricano non sarà dalla parte delle vittime che hanno subito le atrocità, sebbene la storia del Sudafrica mostri che la pace e la sicurezza possono essere raggiunte solo attraverso la garanzia universale dei diritti umani. Al contrario quindi, sembra che il governo preferisca piuttosto parteggiare per coloro che cercano di guadagnare o riconquistare il potere attraverso la perpetrazione di crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidi.
 
Aspettiamo speranzosi il giorno in cui il Sudafrica rientrerà a far parte della comunità di nazioni che ha deciso insieme che la forza non fa il diritto; che l’impunità per i crimini contrari al diritto internazionale è una minaccia e un affronto per l’umanità intera, che richiede una risposta a livello di giustizia globale laddove i sistemi nazionali non mostrino la volontà o la capacità di investigare e processare; speriamo anche che un giorno il paese si riunirà a quelle nazioni che hanno deciso insieme che coloro che hanno maggiore responsabilità per le atrocità commesse devono rispondere dei loro crimini a prescindere dalle loro funzioni istituzionali e dal loro status diplomatico.
 
Leggi l'articolo

* Niccolò Figà-Talamanca è segretario generale di Non c’è Pace Senza Giustizia

Crans Montana Forum: Emma Bonino riceve il “Prix de la Fondation 2016”
 

In occasione del suo XVIII Homeland & Global Security Forum, tenutosi dal 19-21 ottobre a Bruxelles, il Crans Montana Forum ha organizzato una sessione speciale con il patrocinio dell’African Women’s Forum, su “Il ruolo delle Donne nella Sicurezza Globale”, che si è svolto al Parlamento Europeo.
 

In questo contesto, l’ambasciatore Jean-Paul Carteron, presidente onorario e fondatore del Crans Montana Forum, e Didier Reynders, vice primo ministro e ministro degli affari esteri del Belgio, hanno consegnato il “Prix de la Fondation 2016” ad Emma Bonino, ex ministro degli affari esteri italiano e commissario europeo per l’aiuto umanitario, oltre che fondatrice di Non c’è Pace Senza Giustizia. Questo prestigioso premio è stato rilasciato, sin dal 1989, ai più importanti promotori della Pace, Libertà e Dignità Umana dell’epoca moderna.

Leggi l'articolo

Giornata Internazionale delle Bambine: NPSG e PRNTT chiedono un maggior impegno per proteggere i diritti di bambine e giovani donne
 

In questa Giornata Internazionale delle Bambine, Non c’è Pace Senza Giustizia (NPSG) e il Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (PRNTT) si uniscono alla comunità internazionale per ricordare le eccessive lacune che ostacolano - a vari livelli e a volte in maniera brutale e crudele - il processo volto alla totale protezione dei diritti umani dei bambini, in particolar modo delle ragazze.
 
Milioni di ragazze in tutto il mondo sono ancora vittime, o sono a rischio, di violazioni dei propri diritti umani, sia sotto forma di diseguaglianza di genere sia sotto forma di discriminazione che nega loro le forme più elementari di autonomia e di autodeterminazione. Sono vittime di abuso sessuale, di sfruttamento e delle cosiddette pratiche tradizionali come la mutilazione genitale femminile e il matrimonio forzato, e troppo spesso si vedono negato il loro diritto alla salute, alla sicurezza e all’istruzione.
 
In questo giorno importante in cui riaffermiamo il nostro impegno nella difesa dei diritti delle ragazze, è importante anche notare che molti paesi nel mondo non dispongono ancora di un’appropriata ed efficace legislazione per proteggerle e che, laddove sono state emanate delle leggi, è mancata in seguito la volontà politica di metterle in pratica in modo efficace. NPSG e PRNTT fanno appello a tutti gli stati per esortarli a rivolgere il proprio impegno politico verso politiche concrete, efficienti e coordinate per rispondere alle sfide più urgenti e di carattere unico che le giovani donne sono chiamate ad affrontare in tutto il mondo e per assicurare il pieno rispetto dei loro diritti umani.
 
Leggi l'articolo

Alvilda Jablonko è Direttrice del programma Genere e Diritti Umani di Non C’è Pace Senza Giustizia

NPSG celebra la Giornata Mondiale dell’Azione per l’Accesso all’Aborto Sicuro e Legale
 

Non c’è Pace Senza Giustizia celebra la Giornata Internazionale dell’Azione per la Decriminalizzazione dell’Aborto facendo appello agli stati per emanare e applicare una legislazione che garantisca l’accesso all’aborto per vie sicure e legali ed esortando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ad adottare una risoluzione che riconosca questo giorno e lo renda ufficiale nel calendario dell’ONU.
 
L’aborto non sicuro rappresenta una questione di primo piano nell’ambito dei diritti umani e un disastro in termini di sanità pubblica. Ogni anno decine di migliaia di donne perdono la vita e in milioni affrontano complicazioni a causa delle leggi restrittive in materia che impongono alle donne e alle ragazze come unica soluzione quella dell’aborto in circostanze di mancata sicurezza, mentre altre sono imprigionate per aver abortito o per aver cercato di farlo. Nel mondo, circa il 40% delle donne in età fertile vive in paesi dove l’aborto non è permesso, è limitato o non è accessibile.
 
Tutti gli stati devono garantire alla donne il controllo pieno e incondizionato sulle loro decisioni riproduttive e di salute. La criminalizzazione dell’aborto viola i diritti delle donne, costringendole a prendere misure pericolose e clandestine che mettono a rischio la loro salute e la loro vita.
 
Leggi l'articolo

 Eventi

XV Congresso di Radicali Italiani : Panel sulle persecuzioni delle minoranze dimenticate in Siria e Iraq
 

Domenica 30 ottobre, dalle ore 15 alle ore 20 nell'ambito del XV Congresso di Radicali Italiani che si è svolto a Roma dal 29 ottobre al 1° novembre, Emma Bonino ha presieduto una sessione transnazionale con ospiti italiani e internazionali. La sessione è stata articolata in tre panel, tra cui uno dedicato a "Persecuzioni delle minoranze dimenticate in Siria e Iraq", organizzato con il supporto dell’associazione radicale Non c’è Pace Senza Giustizia (NPSG). Il panel ha fornito un importante momento di riflessione e approfondimento con esperti, giornalisti e rappresentanti delle minoranze perseguitate, come gli yazidi e i caldei, che hanno portato la propria testimonianza.
 
Al dibattito, moderato da Niccolò Figà Talamanca, segretario di NPSG, hanno partecipato Abdulahad Astepho, rappresentante assiro-caldeo siriaco, Nareen Shammo, attivista yazida e giornalista, Rami Nakhla, attivista e difensore dei diritti umani siriano e capo del team in Siria di NPSG, Francesca Paci, La Stampa.
 
Leggi l'articolo

 NPSG su radio Radicale

Rubrica di Non c'è Pace Senza Giustizia
 

Non c’è Pace Senza Giustizia e Radio Radicale, la principale emittente radiofonica nazionale che si occupa di temi di attualità politica, sono impegnati da tempo in una stretta collaborazione al fine di diffondere notizie ed informazioni sulle nostre campagne ad un ampio pubblico italiano. Tale collaborazione ha in particolare dato vita ad una rubrica settimanale di approfondimento sulle campagne ed attività in corso di NPSG. Il programma va in onda ogni mercoledi sera alle 23.30.

Ascolta gli ultimi episodi

 Comunicati Stampa di Non c'è Pace Senza Giustizia

XV Congresso di Radicali Italiani : Panel sulle persecuzioni delle minoranze dimenticate in Siria e Iraq
Roma, 30 ottobre 2016

NPSG esprime il proprio rammarico per l’intenzione del Sudafrica di uscire dalla CPI e chiede agli stati di proteggere l’integrità della Corte
Bruxelles - Roma, 26 Ottobre 2016

Crans Montana Forum: Emma Bonino riceve il “Prix de la Fondation 2016”
Parlamento Europeo, Bruxelles, 19 ottobre 2016

BanFGM: NPSG si unisce al cordoglio per la morte di Fatoumata Siré Diakité e ricordano il suo contributo alla causa dei diritti delle donne
Bruxelles - Roma, 18 ottobre 2016

Giornata Internazionale delle Bambine: NPSG e PRNTT chiedono un maggior impegno per proteggere i diritti di bambine e giovani donne
Bruxelles - Roma, 11 ottobre 2016

 Dicono di Noi


 

Il mondo si è accorto del genocidio degli yazidi
Adriano Sofri, Il Foglio, 29 October 2016

L'Alternativa. Nice e l'impegno di Amref per le donne dell'Africa
Radio Radicale, 25 October 2016

Il Sudafrica annuncia l'intenzione di uscire dalla Corte Penale Internazionale
Radio Radicale, 22 October 2016

Convegno "Why women matter - Promoting gender balance in public life and economic strategies"
Radio Radicale, 21 October 2016

Christians and the impending crisis in Mosul
BarnabasAid, 20 October 2016

La CPI s’apprête à compenser les victimes
CCTV.com française, 16 October 2016

Bonino: "Quanta vitalità nelle donne africane e arabe. Sono le più inventive"
di Sara Ficocelli, Repubblica, 12 October 2016

Panel Discussion in Geneva On Role of Civil Society in Promoting Justice & Accountability
Syrian Coalition, 22 September 2016

Qatar Mission in Geneva Discusses Civil Society’s Role in Syria
QNA / FANANEWS, 21 September 2016

 Sostieni Non c'è Pace Senza Giustizia

Contribuisci, dÌ la tua e fai la differenza!
 
 DONA ADESSO
Avete il potere - lavorando con noi o facendo una donazione - di sostenere il nostro impegno per la tutela e la promozione dei diritti umani, della democrazia, dello stato di diritto e della giustizia internazionale in tutto il mondo.

Ogni contributo puo' fare la differenza e aiutarci nelle nostre battaglie e campagne per la lotta contro l'impunità per gravi violazioni del diritto umanitario e l'affermazione della giustizia penale internationale, per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili come violazione dei diritti umani di milioni di donne en bambine in tutto il mondo, e per sostenere il ruolo degli attivisti dei diritti umani e della democrazia nel Medio Oriente e Nord Africa.

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito: www.npwj.org/it

www.npwj.org/it

Questa Newsletter è inviata una volta al mese a chi ha espresso interesse per le attività di Non c' è Pace Senza Giustizia. Se preferisci non ricevere questa questa Newsletter mensile, o se preferisci riceverla ad un indirizzo diverso, invia un messaggio a cancellami@npwj.org e provvederemo immediatamente a rimuovere (o eventualemente sostituire) il tuo indirizzo e-mail.